LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Accordo per Palazzo Barberini. Il Circolo ufficiali lascia il museo, ma un trasloco a met
CARLO ALBERTO BUCCI
03/12/2005, La Repubblica


DOPO mezzo secolo di battaglie, il Circolo ufficiali dal 1965 presente abusivamente nell'ala sud di Palazzo Barberini si appresta a lasciare l'edificio che, nel 1949, era stato acquistato dallo Stato per ospitare la Galleria nazionale d'arte antica.
L'atteso trasloco stato annunciato ieri a Palazzo Chigi dai ministri dei Beni culturali e della Difesa, Rocco Buttiglione e Antonio Martino.
Entro un anno, il Circolo ufficiali arretrer quindi alla fine del giardino dei Barberini, nella palazzina Savorgnan Brazz: gioiello liberty che era stato destinato a Circolo sin dal 1997 e che stato restaurato con i fondi del gioco del Lotto proprio per far s che tutto il magnifico palazzo dei Barberini fosse destinato ad accogliere la ricca collezione statale d'arte. Eppure, non tutti gli ambienti saranno
liberati.

Settecento metri quadrati, tra cui la Sala del Trono, del palazzo iniziato dal Maderno e dal 1629 proseguito da Bernini e Borromini, rimarranno nelle mani dei militari.

Anche se non serviranno pi alle feste del Circolo ufficialiche le affittava anche per matrimoni e battesimi ma a funzioni d'alta rappresentanza del ministero della Difesa e dei vertici delle Forze armate, ha precisato Buttiglione.
Restituiamo Palazzo Barberini alla sua fondamentale funzione museale e contiamo di aprirlo al pubblico rinnovato e ampliato per l'ottobre 2006 ha detto soddisfatto il ministro deiBeni culturali dopo aver ricordato che 2900 dei 3600 metri quadri stanno per essere restituiti.
Dal conto rimangono fuori quei 700, preziosi metri quadrati che hanno fatto la felicit del ministro Martino.

L'intesa che non rispetta gli accordi presi otto anni fa dagli allora ministri del governo di centrosinistra WalterVeltro-ni (Beni culturali) e Beniamo Andreatta (Difesa) permette infatti al dicastero della Difesa di possedere (la formula quella della "cessione in uso") fastosi saloni per le cerimonie militari dentro la Galleria nazionale che conserva quadri di Raffaello, Lotto o Caravaggio: come se i vertici del Pentagono ricevessero generali di altre forze armate tra iquadri e le sculture della National Gallery di Washington.
Critiche all'accordo Buttiglione-Martino sono arrivate dalla diessina Giovanna Melandri, che da ministro dei Beni culturali segul'awiodeilavo ridi restauro della palazzina Savorgnan Brazz. E che oggi parla di buonuscita esosa.
La liberazione dell'intero palazzo ha spiegatoviene oggiparzialmente ostacolata dalla pretesa, francamente inaccettabile, del ministro della Difesa di concedersi dei saloni di alta rappresentanza a titolo permanente e a scapito del sacrosanto obiettivo di restituire tutti i locali alla Galleria nazionale d'arte antica.



news

14-08-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 14 agosto 2020

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news