LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Palermo. Apre il museo dei documenti a via Maqueda
ANTONELLA ROMANO
02-12-2005 La Repubblica, Palermo

Da oggi il nuovo spazio espositivo dell'Archivio storico comunale. Dalla peste a Garibaldi


LARCHIVIO comunale di via Maqueda si mette in mostra. E per permettere ai cittadini di ammirare i preziosi e finora inaccessibili documenti della storia della citt, dall'album con tutte le foto dei Mille al primo documento del 1298 vergato a mano dal notaio Adamo de Citella alle delibere del Senato sulla peste del 1624, nella sala monumentale di Damiani Almeyda fa il suo ingresso la tecnologia, ovvero un nuovo sistema espositivo degno dei migliori musei del mondo.
UNA vera sfida, per allargare la schiera dei fruitori e lanciare l'archivio in un nuovo percorso storico e culturale. Trale quattro colonne alte fino al soffitto in legno di pino pece, da oggi trovano posto nell'Aula grande o Sala Damiani Almeyda, di fianco al tabulano che contiene tutte le pergamene, due "tavoli tecnologici" espositivi nuovi di zecca. All'apparenza colpiscono per la loro semplicit. Non cos: sono il risultato di una complessa elaborazione che sperimenta materiali nuovi e soluzioni inedite di trattamenti delle superfici. Con un unico obiettivo: la conservazione ottimale dei beni archivistici e degli oggetti d'esposizione. Progettati dall'architetto Antonio Di Lorenzo, museografo del Comune, i due supporti espositivi li ha realizzati una ditta leader internazionale nel settore degli allestimenti museali, il laboratorio museotecnico "Goppion" di Milano, nelle sue officine di Trezzano sul Naviglio. L'impresa, per intenderci, la stessa che ha realizzato la nuova vetrina che custodisce la Gioconda al Louvre e che ha firmato gli allestimenti al British Museum e in altri musei del mondo.
Sono due bacheche dalla forma di un parallelepipedo, in un cristallo extra chiaro e anti-riflesso che si interseca in una base di metallo. L'effetto della superficie, che passata anche sotto le sapienti mani dei carrozzieri della Ferrari, tartarugato, con fiammate bronzo-ambra. Le vetrine pesano una tonnellata, sonolunghetremetrie sessanta e con il loro design minimalista e la loro avanzatissima tecnologia, le luci afibra ottica regolabili e flessibili (scorrono su carrellini) e un sistema di climatizzazione ideale, consentiranno di conservare al loro interno alcuni esemplari dei documenti pi significativi tra quelli contenuti nei sette metri e mezzo di scaffalature progettate nel 1883 da Almeyda.
Sono due bacheche che non si appropriano dello spazio, sembrano pi due orti, due recinti. Lo scopo spiega l'architetto Di Lorenzo, che ha diretto i lavori per la costruzione delle due vetrine, durati mesi di realizzare, all'interno della struttura una sorta di "Museo d'archivio", dove organizzare esposizioni che possano interessare un pubblico non solo di studiosi e specialisti. Le bacheche costituiranno la sede di questo micromuseo.
I due gioielli tecnologici saranno presentati oggi alle 17,30 nell'archivio storico di via Maque-da 157. Alla base c' una lunga osservazione di quello che avviene nel resto del mondo. Istituzioni
culturali come la Prunksaal della National bibliothek di Vienna, abituate a fruizioni limitate, sono passate a mostre dai temi accattivanti, con nuovi sistemi espositivi accanto ai loro libri pi antichi. In una sala superba come questa di Almeyda, connotata architettonicamente in maniera forte, trovare la soluzione non stato facile aggiunge Di Lorenzo Ma anzich emulare il passato, abbiamo optato per una soluzione moderna, rigorosa, dalle geometrie purissime, capace di garantire tutti gli standard di sicurezza. A differenza delle tradizionali strutture espositive, composte da due volumi separati, un tavolo e una campana di cristallo, per questi due tavoli tecnologici abbiamo adottato una strategia di design unitaria. Il modello dei due supporti un tavolo in acciaio bronzato, con un parallelepipedo di cristallo chiuso, che si interseca al tavolo. Un
sistema di sollevamento, costituito da due motori, consente di scoperchiare le vetrine (costate in tutto 68 mila euro). Nei video realizzati dalla Geko, uno degli sponsor dell'iniziativa assieme a Pianeta, Eidos e Amici deimusei siciliani, si potranno osservare tutte le fasi di lavorazione. Per il sollevamento dice Di Lorenzo abbiamo adottato un brevetto ideato lo scorso anno per la realizzazione della grande vetrina a tavolo della Welcom Trust Gallery del British Museum di Londra. All'interno dell'archivio c' un
immenso patrimonio storico ancora da esplorare. Questa struttura antica e prestigiosa ma anche poco conosciuta dal grande pubblico. La nostra idea quella di
trasformare questo luogo, che nell'immaginario un semplice deposito di documenti, in posto vivo, dove poter andare alla ricerca di materiale documentario che ha avuto importanza per la citt e che pu appassionare anche un pubblico di non specialisti spiega Eliana Calandra, direttrice dell'Archivio comunale e del Mueso Pitr Le bacheche sono due strutture di grande prestigio e la loro funzione sar quella di attirare il pubblico mettendo in mostra manoscritti e documenti d'archivio ma anche oggetti. Dalle vetrine il pubblico potr tranquillamente consultare e studiare le fonti archivistiche.
La prima mostra si aprir il 16 dicembre e si intitola "II potere delle cose. Magia e religione della collezione del Museo Pitr": gli oggetti di magia saranno esposti sia nelle teche, accanto ai documenti, sia in cilindri giganti di vetro sospesi nella sala. Tanti i documenti che presto faranno bella mostra di s. Dalle foto dei Mille, fatte dal fotografo Alessandro Pavia, che tra i garibaldini ne ritraggono uno che si chiamava Carlo Bossi, agli statuti delle maestranze, alle pergamene con tanto di sigillo, agli atti del Senato, ai disegni del fondo lavori pubblici. Tra i manoscritti e le pergamene ci sono i documenti sui "privilegi" della citt, le prerogative particolari che Palermo ha saputo conquistare attraverso i secoli. All'archivio comunque aggiunge la Calandra abbiamo sempre fatto mostre e aperto per particolari occasioni i locali al pubblico, anche prima dei restauri, completati nel 2001. Organizziamo anche visite guidate perle scuole, con il progetto "Conosci il tuo archivio" e abbiamo curato diverse pubblicazioni. L'intento adesso di stare aperti mattina e pomeriggio: finora solo il mercoled pomeriggio la gente poteva avere accesso alla sala lettura. Anche perch man-ca l'impianto di illuminazione. E perle mostre l'archivio comunale, in attesa di tempi burocratici infiniti per dare finalmente il via a un nuovo appalto, finora ha dovuto rivolgersi all'esterno, per aver montato dei punti luce tem-poranei da smontare dopo ogni manifestazione.



news

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

25-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news