LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Sono state la cultura e l'arte ad aver salvato, negli ultimi anni, i bilanci del turismo italiano
Sergio Frigo
Il Gazzettino, 04/12/2005

Venezia. Anche se la crisi nel nostro Paese morde duramente: e proprio mentre a livello mondiale, al contrario, si registra la crescita maggiore degli ultimi trent'anni (pi 10\%, grazie soprattutto alla Cina e al resto dell'Asia).

L'Italia per non riuscita a intercettare il boom. Complessivamente nel 2004 il fatturato del settore ha registrato nel nostro paese un aumento dell'1.9\%, largamente inferiore all'inflazione, con 86 miliardi di euro di spesa totale (scendendo dal 5.7\% al 5.1\% del valore aggiunto nazionale). E il 2005 non sta andando meglio. Alla debacle della montagna (meno 10.9\%) e del mare (meno 5.5) corrisponde per un incoraggiante pi 3.2\% delle citt d'arte, grazie appunto ai turisti della cultura, che tra l'altro nei loro viaggi investono molto pi degli altri: sono meno di un quarto, per spendono come se fossero pi di un terzo.

E fra le citt d'arte, un vero e proprio exploit riguarda Venezia, con un incremento (2005 sul 2004) del 10.5 \% negli arrivi e dell'11.25\% nelle presenze: Vuol dire che sta finalmente aumentando la durata dei soggiorni in citt, da uno e mezzo a quasi due giorni, commenta l'assessore al turismo della Provincia di Venezia Danilo Lunardelli, che ieri al Salone dei Beni culturali, che si conclude stasera al Terminal Passeggeri, ha tenuto a battesimo la presentazione del nuovo rapporto annuale sul turismo, in Italia e in provincia.

Dati soddisfacenti, dunque, per il Veneziano (pi 5\% in totale, crescono anche le spiagge, esclusa Jesolo), e abbastanza positivi anche per il Veneto, come ha detto Mara Manente, direttore del Ciset: nel 2005 aumenteranno leggermente i 55 milioni di presenze del 2004, mentre il turismo continuer a contribuire per il 6-7\% al Pil regionale, e per il 9\% all'occupazione.

Ma un'analisi pi approfondita dei numeri - emersa nello stesso incontro, e nel contemporaneo convegno sulle mostre d'arte - non consente entusiasmi. Mara Manente ha comunicato, ad esempio, che i turisti arrivano, ma spendono sempre meno (10 miliardi di euro all'anno, in costante calo), penalizzando ristoranti e luoghi a pagamento. E lo studioso Goffredo Silvestri ha confermato che anche la macchina delle esposizioni artistiche rischia di finire in panne: Certo alla chiusura della stagione ci separano ancora un paio di mesi - specifica - ma la tendenza non consente ottimismi. Anche perch con gli attuali, striminziti 3 milioni e 700mila, siamo lontanissimi non solo dall'anno boom 2001, quando in Italia c'erano stati oltre 7 milioni di visitatori alle 67 mostre oltre quota 30mila, ma anche dalla quota 6 milioni e 225mila su cui si erano assestate le maggiori mostre italiane dopo il crollo post 11 settembre: significa che ad oggi, rispetto al 2005, mancano all'appello oltre due milioni e mezzo di visitatori.

Accanto a lui, fra i relatori, c'era quel Marco Goldin che ha piazzato quattro delle sue mostre sugli impressionisti e Monet nella top ten delle esposizioni pi visitate dal 2000 a oggi in Italia, messa a punto da Silvestri (una lista in cui, depurata dal traino dei monumenti ospitanti, come il Colosseo, svettano al primo posto i Faraoni di Palazzo Grassi): ma il titolare di Linea d'Ombra ha sorpreso il folto uditorio e i colleghi proponendosi come critico d'arte piuttosto che come organizzatore di eventi, e snobbando gli aspetti quantitativi del suo successo per enfatizzarne piuttosto la qualit delle proposte artistiche.

Quello che il convegno ha chiarito, alla fine, che le grandi mostre arricchiscono la vita culturale del Paese, e aiutano i musei e le citt d'arte a rientrare nel giro del turismo; ma anche che esse rischiano ormai di cannibalizzarsi l'un l'altra per eccesso di offerta, e magari di rappresentare anche una palla al piede per le amministrazioni locali, quando siano male organizzate, o concepite dai politici solo per un ritorno di immagine spendibile elettoralmente.

Non hanno avuto buona stampa i politici, ieri al Salone: dopo le punzecchiature mattutine, nel pomeriggio sono arrivate le bordate ad alzo zero del professor Salvatore Settis, chiamato da Marino Cortese a parlare del suo ultimo libro "Battaglie senza eroi - I beni culturali tra istituzioni e profitto" (Ed. Electa), con i quattro giornalisti Eva Bensard, Marco Carminati, Paolo Conti e Lidia Panzeri.

Il libro, di uno squillante arancione, contiene gli interventi su diversi giornali di quello che diventato, suo malgrado, un "guru" (come l'ha definito il presidente di Veneziafiere) della lotta per la salvaguardia dei beni culturali. Settis direttore della Normale di Pisa, ma di suo soprattutto uno storico dell'arte, esperto di antichit medioevali e di collezionismo. stato lui stesso a spiegare come sia arrivato - con le competenze (dice lui) di un normale cittadino, lontano (se non ostile) dalla politica - ad essere uno dei testimoni pi ascoltati della battaglia contro il disfacimento del nostro patrimonio. Tra il 1994 e il 1999 sono stato in America - ha raccontato - a dirigere il Getty Research Institute for the History of Art and the Humanities; quando sono tornato ho ritrovato un paese completamente cambiato, in cui la sinistra proponeva meno Stato e cantava le lodi dell'imprenditorialit, e tutti auspicavano la privatizzazione dei musei come panacea per tutti i loro mali. I politici, in particolare, parlavano di queste cose nella totale disinformazione, e nessuno diceva nulla: e poi ne sono arrivati altri, che hanno cominciato a dire che i musei devono pagarsi da soli, ignorando che proprio il privatissimo Getty ottiene da biglietti e merchandising appena il 10\% del suo fabbisogno economico: di questo passo dovremmo chiudere le scuole e radere al suolo le chiese, dove si entra senza biglietto. Insomma, mi sono detto, ci dev'essere qualcuno che rilanci il concetto di servizio pubblico, che riprenda a ragionare sulla base dell'interesse dei cittadini e della tutela del patrimonio artistico. Mettermi a scrivere queste cose, invece che del Laoocoonte, stato un impegno civile.

Ecco allora le campagne contro le ventilate dismissioni di importanti monumenti, contro la separazione della tutela dei beni artistici dalla loro valorizzazione, contro lo smantellamento (anche per via anagrafica) delle soprintendenze, per il rilancio del senso civico che, solo, pu aiutare a conservare quello a cui non possiamo rinunciare. Peccato che, dei politici - ha concluso Settis, perfidamente bipartisan - nessuno abbia davvero a cuore queste cose.

Oggi ultimo giorno del Salone: spazio alle Citt d'acqua, al restauro, al formaggio come bene culturale e al tatto, in un laboratorio per bambini e famiglie.



news

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

25-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news