LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Un museo nella città delle ceramiche
Laura Carcano
30-11-2005 NORD OVEST CULTURA E TURISMO






Segna nuove tappe e procede la sinergia creatasi fra pubblico e privato a Mondovì, nel Cuneese, per valorizzare l'antica tradizione della ceramica attraverso un museo. Un'operazione culturale e non solo, che mira ad affermare la capitale del Monregalese come città d'arte, cui diede impulso, già qualche anno fa, una figura di imprenditore-mecenate d'altri tempi, Marco Levi, scomparso nel 2001.
Grazie, infatti, alla "Fondazione Museo della Ceramica Vecchia Mondovì", costitutita da Levi nel 1999 e presieduta oggi da Giorgio Maria Lombardi, la sede museale dedicata all'arte ceramica e al suo sviluppo figurativo e industriale dovrebbe aprire a inizio 2007. Sarà l'antico Palazzo Fauzone di Germagnano, nel centro aulico della città, e di cui è stata appena completata la prima parte del restauro, a ospitare il Museo.
L'idea del museo si deve allo stesso Levi, industriale della ceramica e banchiere. «Proprietario del marchio di ceramiche Besio fino agli anni Ottanta e fino agli anni Settanta, con la sua famiglia, del Banco di Cambio di via Sant'Agostino, con cui promuoveva le piccole attività artigianali e industriali, Levi ha donato la sua collezione di circa 2.200 pezzi alla Fondazione» spiega Guido Neppi Modona, nipote del mecenate che, insieme all'altra nipote Vittoria e ad alcuni amici di famiglia, porta avanti con passione l'eredità della fondazione. Un progetto che prevede anche una scuola di restauro e di arti ceramiche e che è stato capace di mettere insieme ministero per i Beni culturali, Regione Piemonte, Fondazione Cassa di risparmio di Cuneo, con uno stanziamento pari a 2,4 milioni per la ristrutturazione e gli allestimenti museali.
Il Museo, sostengono alla Fondazione, «tramanderà un patrimonio significativo per la storia cittadina». È dalle prime realizzazioni del Perotti che, nel 1760, ha inizio la produzione ceramica monregalese, fatta di stoviglie, vasi e brocche vivacemente colorati. Produzioni che, con i marchi Musso, Beltrandi, Besio, Richard Ginori, fino alla metà del secolo scorso acquisirono notorietà. Una ceramica espressione dell'arte popolare, creata da artisti-operai, che mantenne a lungo un suo mercato: una produzione che all'inizio del '900 passò a una nuova impostazione industriale.
«Il primo lotto di lavori per il restauro dell'edificio a uso museale - annuncia il progettista, l'architetto Paolo Vidili, a capo dell'intervento - è stato da poco ultimato. Gli allestimenti che sto curando sulla base di un progetto affidato dalla Soprintendenza a Francesca Quasimodo sono in in fase avanzata grazie ai 300mila euro garantiti dalla Compagnia di San Paolo. Per completare il restauro e renderlo fruibile servono ancora 450mila euro, oltre a 330mila per gli allestimenti e 180mila per impianti audiovisivi e arredi, fondi che dovrebbero essere stanziati dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Cuneo, dalla Regione e dalla Compagnia di San Paolo». Sarà l'amministrazione comunale a gestire il museo, con l'intenzione di dar vita a iniziative turistiche, formative e culturali legate alla ceramica, ma anche di rilanciare i settori economici connessi alla produzione artistica artigianale della "Vecchia Mondovì". «Il futuro museo della ceramica, in rete con altri musei italiani - continua Vidili - offrirà al visitatore percorsi tematici lungo le tappe della produzione monregalese.
L'archeologia industriale sarà il premabolo alla visita di quello che potrebbe in futuro configurarsi come un "museo diffuso" esteso sul territorio e in quei siti produttivi conservatisi fino a noi, ma che necessitano però di grossi lavori per essere agibili».
LAURA CARCANO

20051130

Foto:
Tradizione. In alto, due degli oggetti custoditi dal Museo della ceramica di Mondovì, che dovrebbe aprire nel 2007, una volta completato il restauro di Palazzo Fauzone di Germagnano, sede dell'allestimento. Di lato, un particolare degli affreschi nella parte già recuperata del sito






news

01-03-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 01 marzo 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news