LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Un Business a Cinque Cerchi. Torino si prepara alle XX Olimpiadi invernali, al via il prossimo 10 febbraio.
di Claudio Ravel
ItaliaOggi - rapporto piemonte 2/12/2005


Investiti 1,8 miliardi. Tutti i numeri dei Giochi

Passeggiando per Torino, i primi fiocchi di neve caduti sulla citt e le catene montuose imbiancate fanno sentire ancora pi vicine le Olimpiadi invernali. Si capta l'attesa per i giochi, considerati non solo alla stregua di un grande avvenimento sportivo, ma anche un'occasione per consolidare le gi positive presenze turistiche e accrescere l'identit culturale del capoluogo. Grazie ai Giochi invernali, in programma a Torino e in altre otto citt della regione dal 10 al 26 febbraio (a cui si aggiungono le Paraolimpiadi dal 10 al 19 marzo), il Piemonte ha fatto il giro del mondo e forse non un caso se negli ultimi due anni sono aumentati gli arrivi e le presenze. Nel 2004 Torino e provincia hanno registrato un incremento di 377.086 presenze rispetto al 2003 (+ 15,2%). Si tratta della crescita pi rilevante dal 1989. L'incremento degli arrivi del 7,5% (47.774 in pi). Un dato positivo che si spiega anche con i numerosi eventi culturali promossi dal capoluogo piemontese. Torino vuol cogliere al volo le occasioni offerte dai Giochi invernali, ma al contempo non stravolge la vocazione alpina di una citt circondata da monti e colline. E cos accanto alle Olimpiadi invernali ecco le Olimpiadi della cultura, un fitto calendario di eventi promosso da citt di Torino, regione Piemonte, provincia di Torino e ministero dei beni culturali. Dalla mostra su Canaletto a La vita quotidiana nell'antico Egitto', allestita presso il museo Egizio, che ospita la seconda collezione egizia del mondo per importanza dopo quella del Cairo. Dai disegni di Leonardo da Vinci alla rassegna su Carlo Magno e le Alpi'. Oltre 120 iniziative che spaziano dalle mostre agli spettacoli, dai concerti alle attivit di animazione. Torino citt del verde, con 16 milioni di metri quadrati di parchi e giardini e 70 chilometri di parco lungo il Po, poco propensa ai repentini cambi di fronte.
L'ex capitale d'Italia punta sui beni culturali per ridisegnare il volto di una citt nota nel mondo soprattutto per le auto. E i Giochi olimpici sono un ottimo volano. A poco pi di due mesi dall'inizio sono stati venduti oltre 500 mila biglietti. I XX Giochi olimpici invernali, organizzati dal Toroc (Torino organization committee) confermano le aspettative della vigilia: un evento straordinario, irripetibile, internazionale, da cui pu trarne beneficio non solo il capoluogo ma gran parte del territorio piemontese. I Giochi olimpici rappresentano non solo un grande evento mediatico e sportivo ma sono anche una sfida: realizzare un'edizione in grado di lasciare una traccia di sviluppo e una nuova identit per il territorio, e contribuire a costruire un legame pi solido tra citt e montagna in grado di unire patrimoni sociali, economici e culturali. Basta scorrere alcuni dati per comprendere che cosa rappresentano le Olimpiadi invernali: 17 giorni di eventi (pi dieci giorni dedicati alle Paraolimpiadi); 15 discipline; 7 comuni sede di gara (Torino, Bardonecchia, Cesana Torinese, Pinerolo, Pragelato, Sauze d'Oulx, Sestriere); tre villaggi olimpici (Torino, Bardonecchia e Sestriere); 65 opere realizzate; 84 titoli in palio; 85 comitati olimpici nazionali presenti; oltre 2.500 atleti; circa 2.500 fra tecnici e accompagnatori; 2.300 rappresentanti di Cio, comitati olimpici nazionali e federazioni; 650 tra giudici di gara e arbitri; 10 mila operatori della comunicazione attesi; 1 milione e mezzo di spettatori previsti; circa 1,8 miliardi di euro di investimenti. Numeri da capogiro che hanno richiesto ingenti finanziamenti, pubblici e privati. E anche le aziende radicate sul territorio si sono fatte avanti. Fiat Iveco, tra i principali sponsor della manifestazione, ha investito 14 milioni di euro su un totale di 40 milioni stanziati dal gruppo. I servizi connessi al trasporto delle persone durante i giochi saranno infatti effettuati con i nuovi Iveco Irisbus. Circa 1.200 autobus (fra turistici, urbani e minibus) al servizio di atleti, spettatori, giornalisti. Sempre Iveco ha messo a disposizione il parco automezzi per i trasporti durante la fase dei lavori per realizzare, tra gli altri, i villaggi Media, il Palavela e il Palasport dell'hockey a Torino, i palazzi del Ghiaccio di Torino, Pinerolo e Torre Pellice, i trampolini di Pragelato, gli impianti di bob e slittino di Cesana Torinese. Ancora pochi giorni e poi si entrer nel vivo della manifestazione. L'arrivo a Torino della torcia olimpica in programma il 9 febbraio, dopo aver toccato 140 citt e percorso 11.400 chilometri in 64 giorni. Una torcia hi-tech, disegnata da Pininfarina, realizzata (in ben 12 mila esemplari) in alluminio con rivestimento interno in acciaio, rame e tecnopolimeri dove non arde pi il legno, ma il metallo



news

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

25-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news