LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Palazzo Barberini. Il Museo, finalmente
di RITA SALA
Sabato 3 Dicembre 2005 Il Messaggero





IL CIRCOLO ufficiali dellEsercito ha occupato Palazzo Barberini per quasi settantanni, cio a partire dal 1937, quando il bellissimo edificio di via delle Quattro Fontane, a Roma, era ancora di propriet privata. Fu inaugurato, il club militare, con gran risalto. Era il 9 maggio e si festeggiava nella Capitale, con fasto particolare, il primo anniversario della fondazione dellimpero.
Pi tardi, nel 1949, il palazzo fu acquistato dallo Stato, che lo assegn al ministero della Pubblica Istruzione, di cui allora facevano parte i Beni Culturali. La destinazione definitiva era chiara, quasi ovvia: un museo. Ma i militari, evidentemente a loro agio in una delle pi importanti e imponenti dimore del barocco capitolino, cominciata nel 1625 da Carlo Maderno con laiuto del Borromini, e compiuta dal Bernini nel 1633, opposero subito strenua resistenza. Come separarsi da riunioni e relax in un ambiente sfarzoso e arioso al tempo stesso, con la bellissima scala a chiocciola, ellittica a colonne binate, del Bernini, e la galleria istituita nel 1895, grazie alle collezioni Corsini e Torlonia, fra le cui gemme si ammira la celebre Fornarina di Raffaello?
Palazzo Barberini. Uno dei mille cuori nobili di Roma. Basta ricordare come DAnnunzio lo descrive nel Piacere , durante una delle disperate fughe di Andrea Sperelli, innamorato pazzo di Elena Muti, verso il proprio appartamento di palazzo Zccari, in piazza di Spagna: ... Nella piazza del Quirinale, dinnanzi alla reggia, sonava una fanfara. Le larghe onde di quella musica metallica si propagavano per lincendio dellaria. Lobelisco, la fontana, i colossi grandeggiavano in mezzo al rossore e si imporporavano come penetrati duna fiamma impalpabile. Roma immensa, dominata da una battaglia di nuvoli, pareva illuminare il cielo. Andrea fugg, quasi folle. Prese la via del Quirinale, discese per le Quattro Fontane, rasent i cancelli del palazzo Barberini che mandava dalle vetrate baleni; giunse al palazzo Zuccari....
Adesso, finalmente, ledificio si riappropria (quasi integralmente) della funzione cui lo Stato lo aveva destinato. Nel giro di un anno dovrebbe essere possibile percorrerlo in lungo e in largo eccezion fatta per le aree riservate al ministero della Difesa godendo appieno della collezione darte. Via i cartelli visti fino a poco fa: Palazzo Barberini in restauro, parte della collezione non visibile, possibile accedere esclusivamente al Salone di Pietro da Cortona, alla sala dei Marmi e agli appartamenti del Settecento.
Per dare unidea della lussureggiante quadreria a disposizione del museo, ricordiamo Giuditta e Oloferne di Caravaggio, Cristo e ladultera di Tintoretto, il ritratto di Stefano IV Colonna del Bronzino, il celeberrimo ritratto di Enrico VIII di Hans Holbein, la Madonna col Bambino di Filippo Lippi, la Fornarina di Raffaello Sanzio, il Narciso del Caravaggio e tante altre opere eccellenti. Scrivono i manuali che i Barberini avevano cominciato ad alienare le loro collezioni gi nel Settecento, con le vendite dellultima discendente, Cornelia Costanza, sposata a Giulio Cesare Colonna di Sciarra. Poi, le liti ereditarie dei figli, chiamati a dividere le primogeniture Colonna e Barberini, portarono ad una divisione delle collezioni fra i due rami della famiglia, con un accordo stipulato a Parigi nel 1811. Solo nel 1934 si arriv alla definitiva dispersione delle collezioni, con lavallo dello Stato. Che, in cambio di un piccolo nucleo in propriet, rinunci cos alla tutela di una delle pi importanti collezioni romane. Bisogna arrivare al 1984 per vedere riportata e risistemata nella sede storica la collezione Corsini, con lobiettivo di creare a Palazzo Barberini una Galleria Nazionale nel vero senso del termine, dotata di impianti degni dei grandi musei e di tutti i servizi moderni.
Sar la volta buona, ora che i militari hanno riconsegnato alla Cultura la gran parte delledificio? Che una certa area rimanga comunque a disposizione del ministero della Difesa ha suscitato non poche reazioni sfavorevoli. Una buonuscita francamente esosa commenta Giovanna Melandri, a suo tempo ministro della Cultura, quella pretesa dal ministro della Difesa per liberare Palazzo Barberini e ottemperare cos agli obblighi di un accordo concluso nel 1997. E ancora: La pretesa di Martino di concedersi saloni di alta rappresentanza a titolo permanente, a scapito della Galleria nazionale di Arte Antica, inaccettabile. Il Circolo Ufficiali dellEsercito avrebbe dovuto lasciare tutti in saloni di Palazzo Barberini, trasferendosi integralmente nella Palazzina Savorgnan di Brazz. Uno scambio pi che equo.
I militari si tengono il salone centrale di Palazzo Barberini, quello col grande affresco di Pietro da Cortona?, si chiede il presidente del Comitato per la Bellezza, Vittorio Emiliani. E commenta: La vertenza va avanti da settantanni e purtroppo si conclude con un successo soltanto parziale per i Beni Culturali. La Galleria Nazionale darte antica - in cui devono da decenni confluire alcune grandi collezioni patrizie romane - avr finalmente a disposizione quasi tremila metri quadrati sin qui occupati dal Circolo Ufficiali, ma non potr disporre dello spazio pi prestigioso del Palazzo. Come invece prevedeva, meno di dieci anni fa, lintesa intervenuta fra gli allora ministri Andreatta e Veltroni. Feste, battesimi e matrimoni per i gradi elevati della Difesa troverebbero certo, a Roma, altre possibili sedi dalta rappresentanza, liberando il cuore della Galleria Nazionale dArte Antica.







news

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

25-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news