LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

All'Addaura un patrimonio a rischio
Pippo Battaglia
Giornale di Sicilia, 02/12/2005

Sui fianchi del Monte Pellegrino, sul fronte mare, tre grotte conservano ancora tracce di insediamenti umani. I disegni sulle pareti sono fra le pi alte espressioni del Paleolitico. Ma nessuno pensa a difenderli e valorizzarli

Solo delle grate li difendono, ma niente che possa evitare vandali, crolli e inquinamento
PALERMO. Sui fianchi di Monte Pellegrino, che maestoso domina Palermo, in una delle tante grotte che lo costellano vi sono le tracce d'insediamenti umani risalenti al Paleolitico. Il monte gode di un straordinario patrimonio speleologico, archeologico e paleontologico che ha suscitato fin dall'Ottocento l'interesse dei ricercatori. Si sono scoperte 134 grotte, e in alcune di esse vissero i primi abitanti del capoluogo siciliano. Quelle che ancora oggi portano i segni di quelle antiche popolazioni sono denominate grotte Addaura 1, 2 e 3. Sono situate nel versante della montagne che si affaccia sul mare. Le grotte, d'origine marina, s'incavano nelle pendici Nord del Monte Pellegrino al di sotto di una parete rocciosa.
Nel Paleolitico le grotte abitate, forse, dovettero essere molte di pi e sicuramente furono intensamente popolate. Lo testimoniano i graffiti disegnati nelle pareti di alcune di esse. Di certo in quel periodo vi fu alle pendici di Monte Pellegrino un insediamento umano piuttosto cospicuo e continuo nel tempo. Studi minuziosi indicano che l'occupazione cavernicola prosegu per tutto il periodo mesolitico. Di questa lunga permanenza umana e della vita che si svolgeva nei pressi delle grotte e all'interno di esse ce ne danno conto sconosciuti artisti che tra i primi al mondo ci hanno tramandato uno spaccato delle loro usanze tribali. Nella grotta 2 si possono osservare sulla parete orientale bellissimi graffiti in cui sono raffigurati 17 persone e 13 animali. Gli animali, quasi tutti equini, sono tratteggiati in maniera realistica, alcuni raffigurati con naturalezza e vitalit, altri sono soltanto abbozzati. In altri compaiono figure umane che compiono forse rituali di cui non sempre si riesce a comprendere il significato. Colpiscono i corpi di giovani nudi che eseguono forse delle acrobazie con intorno sette persone che assistono oppure danzano. Tutti i personaggi hanno abbondanti capigliature e maschere a becco d'uccello. Probabilmente partecipano a una liturgia legata all'iniziazione sessuale o, come pensano alcuni studiosi, assistono al supplizio di prigionieri.
I graffiti della grotta 2 sono un patrimonio dell'umanit. Sono coeve a quelle delle grotte di Altamira in Spagna. Ma a differenza delle grotte spagnole i graffiti dell'Addaura non sono preservate e valorizzate. Eppure sono una delle pi alte espressioni dell'arte rupestre del Paleolitico esistente in tutto il mondo. Monte Pellegrino ormai inglobato dalle case di Palermo, un tempo si trovava immerso tra aranceti e limoneti. Le grotte sono abbandonate a se stesse da diversi decenni. A difendere i graffiti ci sono soltanto delle grate di ferro. Ma questa sorta di strano confine non si sa sino a che punto possa allontanare eventuali vandali. In ogni caso i graffiti non sono preservati dall'inquinamento e da eventuali crolli.
E il risultato di questo stato di incuria inizia a farsi sentire. Gli splendidi disegni rupestri ogni giorno si degradano sempre di pi. Qualche ente statale, regionale, provinciale o comunale dovrebbe salvaguardarli e soprattutto valorizzarli. Ma dallo stato di abbandono in cui si trovano facile dedurre che in tutti questi anni nessuna istituzione si preoccupata di preservarli alle future generazioni. E' un crimine immenso non preservare un patrimonio che appartiene a tutta l'umanit. In particolar modo colpevole chi conosce il valore enorme dei Graffiti dell'Addaura e sa, che giorno dopo giorno, si sta perdendo una testimonianza tanto preziosa dell'evoluzione dell'ingegno. Ed soprattutto chi conosce l'importanza dei Graffiti dell'Addaura, ed ha il potere d'intervenire per preservarli, che dovrebbe far s che non si degradino sino a distruggersi.



news

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

25-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news