LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Ecco chi vuole usare il patrimonio dello Stato per ridurre il debito
Il Foglio 1/12/2005

Roma. Toma a salire il debito pubblico e torna d'attualit l'idea di abbatterlo utilizzando il patrimonio dello Stato. La suggestione stata rilanciata nei giorni scorsi dal ministro dell'Economia Giulio Tremonti. Si tratterebbe di creare una superholding, fuori dal perimetro della pubblica amministrazione, alla quale conferire un po' di tutto -immobli e foreste, spiagge e caserme, i crediti, le partecipazioni societarie - attingendo sia al patrimonio dello Stato centrale sia a quello dei governi locali collocando poi sul mercato le quote della nuova societ e finalizzando il ricavato all'abbattimento del debito.
Gli osservatori pi attenti concordano sul fatto che proprio il debito, tornato a crescere dopo dieci anni, giunto ormai alla soglia del 110 per cento, sar il problema principale della prossima legislatura: destinato, secondo alcuni, a scalzare dal tavolo le discussioni sul deficit che hanno tenuto banco negli ultimi anni. Di questo consapevole anche il centrosinistra. Rispetto all'ipotesi Tremonti, non c' entusiasmo: ma, almeno ufficiosamente, la strada indicata dal ministro, a parte il "niet" quasi pavloviano di Vincenzo Visco, non viene bocciata a prescindere. Il problema del debito sar tale anche per un governo unionista, soprattutto con la risalita dei tassi d'interesse. Sta di fatto che in alcuni dei posti chiave per quella che potrebbe essere l'operazione che caratterizzer i prossimi cinque anni di governo - di qualunque colore - siedono personaggi non sgraditi, o stimati anche a sinistra: da Vittorio Grilli, direttore generale del Tesoro, al quale spetta il compito di studiare tecnicamente la fattibilit del progetto, a Elisabetta Spitz, potente direttore del Demanio, per le cui mani passa il destino di immobili e terreni di propriet pubblica, fino allo stesso Massimo Ponzellini, attuale guida di Patrimonio spa, da sempre legato a Romano Prodi (nonostante qualche recente ruggine).
Tra i decisamente favorevoli all'ipotesi della superholding stanno, in prima fila, i principali poteri economici e finanziari del paese, ai quali spetterebbe affiancare il governo nella realizzazione dell'operazione; sia come investitori istituzionali (assicurazioni, fondazioni, fondi pensioni, banche italiane ed estere), che come gestori del collocamento (le banche). Immettere sul mercato titoli per importi pari a 30 o 40 miliardi di euro l'anno significa, per le banche, incassare commissioni tra lo 0,6 e il 2 per cento. Un affare niente male, superiore perfino ai potenziali guadagni che potrebbero realizzare gli immobiliaristi mediante operazioni di compravendita del patrimonio pubblico. Per questo, anche se nel merito una parte della comunit finanziaria guarda all'operazione con sufficienza (c' un fattore scatole cinesi che non convince), di sicuro non saranno i poteri forti ad opporvisi.
Tra i decisamente contrari, invece, ci sono gli enti locali, fermamente intenzionati ad evitare che i propri asset vengano spostati nella nuova societ. In loro difesa sceso in campo Roberto Maroni, ribadendo che l'eventuale decisione di alienare il patrimonio dei governi locali non spetta certo al governo centrale. Qualcuno osserva che probabilmente, lo sbarramento di Maroni andrebbe letto anche in chiave di ripicca per la freddezza del collega Tremonti nei confronti della riforma del Tfr, rinviata al 2008 con disappunto del ministro del Welfare. Nella maggioranza, comunque, il tema delle superprivatizzazioni tocca altri nervi scoperti, soprattutto per quanto concerne la cessione di pezzi importanti del patrimonio demaniale, caserme in testa; in occasione del recente rimpasto di governo, l'Udc aveva fatto forti pressioni perch la delega sul demanio passasse dalle mani del sottosegretario Maria Teresa Armosino, di Forza Italia, a quelle di Michele Vietti, esponente dello stesso partito di Casini e Follini (il quale anche il consorte della signora Spitz). Alla fine, il braccio di ferro stato vinto dalla Armosino, che tuttavia deve ogni giorno combattere la sua battaglia contro l'attivismo della responsabile del Demanio: desiderosa, si dice, di sempre maggiore autonomia nella gestione del patrimonio pubblico.



news

14-08-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 14 agosto 2020

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news