LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Un patrimonio eccezionale che non sappiamo valorizzare
di Maurizio Cecconi*
iL GAZZETTINO, 30/11/2005


II viaggiatore che aveva attraversato montagne e pianure e visto laghi e monumenti incontrò al fine del suo percorso in Italia un oste che gli ispirava simpatia e gli disse; "Siete certamente fortunati in questo Paese- Non vi è borgo che non sia ricco d'arte e d'archeologia, non c'è sito che non abbia straordinarie tradizioni enog astronomi che.

Non avrete mai crisi, il vostro patrimonio e unico". Questo racconto breve è oggettivamente banale. Ma soprattutto è vero e accade ogni giorno a chiunque dì noi ed in qualsiasi luogo del nostro Paese. E allora, perché non funziona?

La risposta è semplice. La parie del bilancio dello Stato destinata alla cultura è solo lo 0,45%.

Gli enti locali e le Regioni vedranno i loro bilanci assottigliati drammaticamente dai tagli del Governo e oggettivamente dovranno diminuire sia gli investimenti in conto capitale sia quelli in conto corrente destinati alla cultura e ai beni culturali, e mentre questo accade appare chiaro a tutti che i nostri patrimoni enormi per quantità, straordinari per qualità, unici per caratteristiche e diffusi in ogni piccolo borgo potrebbero essere un volano economico di incredibile potenza. Abbiamo delle condizioni patrimoniali eccezionali e le consideriamo solo da conservare e non da valorizzare.

Il Salone dei Beni Culturali che, giunto al suo nono anno di vita, si apre a Venezia è un'occasione per dare uno sguardo a ciò che accade, per discutere dì questi temi, per capire se vi e un futuro e quale esso sia. In particolare si vuole dare un segnale. Non occorre ipotizzare incredibili cessioni di beni al privato o considerare necessario avviare dismissioni e cartolarizzazioni, Occorre invece capire bene che si può aprire una nuova stagione di seria e qualificata economia della cultura: non banalmente intesa come uso dei patrimoni, quanto piuttosto come incrocio tra beni culturali, paesaggio, beni enogasironomici, prodotti DOC dell'agricoltura e dell' artigianato.

Un'economia del territorio possibile ovunque e certamente competitiva in qualità e distinzione. Un'economia ad alto tasso di occupazione e non massificata che trova nelle differenze e nella qualità il proprio indice di attrazione, Le mostre su cui discuteremo, la forte presenza delle Province come luogo della programmazione e della formazione delle sinergie cui dedichiamo un importante convegno, l'intervista a Salvatore Settis che con coraggio ha denunciato "il tacere di quasi tutti gli addetti ai lavori sul degrado" che colpisce questo mondo, la presenza di Restaura che lega alla valorizzazione i protagonisti della conservazione, nonché la presentazione della mappatura del patrimonio architettonico ed archeologico di sette Paesi dei Balcani, sono solo alcune delle occasioni che si offrono a esperti e visitatori. 160 espositori, 60 dibattiti, 180 relatori, quasi la metà degli stands espressione di un mondo privato che vuole crescere e ancora 26 Province, 9 Regioni e tantissimi enti locali segnalano che il problema è sentito e avvertito. Segnalano anche che il Salone è divenuto, nel panorama italiano, luogo deputato a questi dibattiti.

È ora di cambiare e cogliere l'occasione. Non si può assistere silenziosi ad un declino che, per di più, agisce proprio in un comparto dalle ampie possibilità di crescita. Anche coloro che ogni giorno governano i Beni Culturali possono e debbono fare una riflessione. Infatti spesso la carenza finanziaria permette di dichiarare la propria impossibilità all'agire, al trasformare. Occorre invece sapere che se i Beni Culturali sono un patrimonio che va difeso e conservato non si può però guardarli, capirli con le tecnologie e i sistemi di comunicazione dell'800. La modernità dei patrimoni culturali sta tutta nella nostra capacità dì renderne attraente la visione e la frequentazione. Il rapporto tra arte e visitatore va dotato di mezzi di comprensione di questo secolo. E allora multiraedialità, virtualità, servizi, prenotazione remota sono esempi di come si può adattare il bene antico o moderno ad un uomo che nella fine del '900 e nel nuovo secolo vive una straordinaria trasformazione della comunicazione come novità primaria.

* Direttore Salone Beni Culturali



news

25-02-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 febbraio 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news