LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Il popolo mancante dei Beni culturali
Fabio Isman
Il Messaggero

Nel XXI secolo, i Beni culturali sembrano un Ministero dell'Ottocento: pressoch privi di specializzazioni oggi irrinunciabili. Ed anche in quelle, diciamo cos, pi "storiche" e tradizionali, i vuoti d'organico sono troppi, per permettergli di funzionare come dovrebbe; in pi, problematica perfino la distribuzine territoriale delle singole persone: quale Regione ne ha troppe, quale invece troppo poche. Cos, oltre ai gravi problemi delle risorse economiche (come abbiamo visto, quelle per far funzionare i 420 musei dello Stato, e le soprintendenze cui fanno capo, si sono dimezzate negli ultimi quattro anni), il Ministero incaricato di provvedere alla principale Azienda italiana, la "Leonardo, Michelangelo, Raffaello & Co", si trova alle prese anche con rilevanti disfunzioni nella sua struttura. Mancano un quarto dei custodi previsti; almeno una trentina d'architetti, oltre 100 archeologi dei nemmeno 500 presenti nell'organico, ma anche 189 archivisti dei 959 che, sulla carta, dovrebbero esserci, e ben 668 persone nei ranghi amministrativi. Ma, soprattutto, la figura del "manager" culturale non neppure contemplata; e degli appena 57 informatici che dovrebbero essere sparpagliati sull'intero territorio nazionale, ne risultano in servizio soltanto 17; nemmeno un addetto ai computer per ciascuna Regione. E uno statistico dei due previsti in tutt'Italia; un geologo, invece di sei; un fisico, invece di cinque; tre chimici in tutto, anzich i 12 contemplati. Non male, per un Ministero che il fondatore Giovanni Spadolini indicava (nel 1974) come di natura tecnica e scientifica.
Per questo ancora niente, dice Antonio Paolucci, il soprintendente di Firenze che stato anche ministro nel Governo Dini: ad esempio, parliamo dellinvecchiamento dellamrninistrazione: sono anni che non si fanno concorsi; l'ultimo, pochi posti, oltre quattro anni fa; il precedente forse due decenni or sono; larcheologa Irene Berling, al vertice di Assotecnici, che l'organismo dei funzionari tecnico-scientifici, spiega: L'et media d'un funzionario attorno ai 50 anni; ma in svariate soprintendenze il pi giovane ne ha 55. Persone spesso frustrate, perch da tempo attendono riconoscimenti che non ricevono; e dice ancora Paolucci: Unazienda con i quadri tanto ags inevitabilmente obsoleta. Cinquantenni? Avercene, sospira Nicola Spinosa, la "vestale" dei musei napoletani: A me mancano del tutto gli architetti, i geometri, gli informatici; nel senso che, per i cinque musei di cui mi occupo, non ne ho nessuno; e ho appena met dei custodi: 300 su 620 previsti dall'organico); per non dire poi dei fondi, con cui pagare acqua, luce, gas, si potrebbero fare dei discorsi ncora pi seri: Paolucci parla, ad esempio, della pressione difforme del turismo, per cui parti d'Italia rischiano un collasso da ictus, e in altre arrivano solo pochi eruditi; ma forse, meglio ritornare all'organico.
Perch non solo risulta scoperto per un buon 31 per cento (7.918 posti vacanti, dice la Uil, su 25.175 assegnati), ma viene anche riempito come a "macchia di leopardo". Talora assai carente il numero delle persone al lavoro; invece, talaltra eccessivamente sovrabbondante. Frutto delle preferenze per il Mezzogiorno, che un po' tutti gli statali, massimamente ivi reclutati, palesano e cercano di soddisfare; ma anche dei sedimenti d'antiche leggi, come quella sui giovani, disoccupati, che ha beneficato alcune zone d'Italia.
In Liguria, mancano 50 custodi su 190 (pi d'un quarto); in Lombardia, 187 su 440 (il 42,5 per cento); in Sardegna, 78 su 248 (il 31,5 per cento); nel Veneto, 106 di 397 previsti (il 26,7 per cento); in Piemonte, 126 su 373 (circa un terzo in meno). Per, dei 164 archivisti assegnati al Lazio, solo 114 sono davvero esistenti; e in Lombardia sono 19, mentre dovrebbero essere invece 40. Le carenze colpiscono tutti i diversi settori, nessuno escluso. Ad esempio, prendiamo gli archeologi: in Campania, 46 invece che 72; in Basilicata, 9 invece di 17; in Puglia, 24 invece di 40 (ma manca anche la met dei 20 architetti che sono in organico). Il Molise non ha nemmeno uno storico dell'arte: nessuno; ma in compenso, possiede 67 archivisti al posto dei 28 previsti. Non la sola eccedenza: l'Abruzzo dovrebbe avere 13 architetti; ma ne risultano in servizio 33: cio pi del doppio. E anche gli 11 storici dell'arte previsti nelle tre sedi abruzzesi, in realt sono invece 45: ovvero un terzo di quelli che lavorano nell'intero Lazio (Roma compresa), tre volte tanto quelli all'opera in tuttala Liguria. E se dall'Abruzzo, qualcuno vennisse trasferito
in Toscana, dove ci sono 39 architetti in servizio, mentre dovrebbero essere 64?
Ormai, quando si bandiranno finalmente questi benedetti concorsi, dice Irene Berling, avremo saltato almeno una generazione; e la trasmissione del sapere avviene anche con l'esempio, con un passaggio diretto, con l'esperienza che si tramanda. Credo che da almeno dieci anni non sia indetto un concorso per soprintendente; in compenso, da cinque, i direttori generali, sono diventati, tra centro e periferia, quasi cinquanta; mentre gli incarichi riservati ai tecnici, sempre pi spesso sono assunti da architetti o da personale amministrativo. Esistono, poi, anche dei casi specifici, del tutto singolari. E' stata ricostituita, dopo che era sparita, la soprintendenza ai Beni artistici e storici del Lazio. Ma Rossel-la Vodret, che ne stata officiata, ha trovato soltanto precaria ospitalit a Palazzo Venezia: tre stanze e basta; e si accontenta di 15 persone in tutto, perch le altre non saprebbe fisicamente dove collocarle. Come stupirsi se una "macchina" del genere si dimostra poi ben poco efficiente? Il ministero dei Beni culturali in vetta alla graduatoria, dei residui passivi, fondi che non riesce a spendere; il pi grande edificio, forse di tutta la penisola, l'immenso Albergo dei Poveri di Napoli, progetto settecentesco di Francesco Fuga, diroccato pi o meno da che la guerra finita; a Firenze, i "grandi Uffizi" non sono ancora nati (e oggi, chiss se li faremmo cos: un progetto che nasce gi vecchio, dice Paolucci), e se ne parla, ormai, da tempi infiniti: La prima idea, dice il soprintendente, fu di Carlo Ludovico Ragghianti. Che era sottosegretario ai Beni culturali e Spettacolo (dipendeva dal ministro alla Pubblica istruzione Vincenzo Arangio Ruiz), nel I Governo Pani, rimasto in carica 156 giorni, dal 21 giugno al 24 novembre 1945. Davvero altri tempi.



news

14-08-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 14 agosto 2020

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news