LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

SICILIA: Fruizione dei BB.CC. aretusei: "situazione d'emergenza"
di Isabella Di Bartolo
www.qds.it, 30 nov 2005



Riduzione delle ore di apertura e carenza di personale mettono a rischio il turismo nella provincia di Siracusa


--------------------------------------------------------------------------------


Fruizione ridotta nei siti archeologici e nei musei regionali della provincia di Siracusa e mancata valorizzazione di alcuni monumenti, impropriamente conosciuti come "minori". è quanto la città rimprovera alla Soprintendenza ai beni culturali e ambientali aretusea, l'ente preposto a gestire il patrimonio culturale della città.
Come è difatti opportuno ricordare, la tutela dei beni appartenenti al patrimonio nazionale spetta allo Stato, come previsto dalla Costituzione nell'articolo 9 comma 2 e, nello specifico, al ministero per i Beni e le attività culturali, istituito nel 2001 a seguito della riforma dell'organizzazione del Governo introdotta dal decreto legislativo 300/1999 che svolge le azioni di difesa e valorizzazione dei beni culturali. Il compito di rendere effettiva tale tutela spetta poi alle Regioni, attraverso l'emanazione di leggi volte proprio a salvaguardare il patrimonio archeologico-culturale, storico ed artistico del proprio territorio. Tale attività, come accennato, è svolta poi attraverso la mediazione delle Soprintendenze regionali: organismi locali che gestiscono siti, musei e monumenti.

Nel caso della provincia di Siracusa, la più ricca di beni culturali della Sicilia, la Soprintendenza locale è coordinata da quasi due anni da Mariella Muti che è successa a Giuseppe Voza, oggi soprintendente emerito. Spetta quindi a questo organismo, diramato in più settori, provvedere a gestire tutti i siti di interesse culturale di Siracusa e della sua provincia.
Al momento, è proprio la gestione delle risorse finanziare erogate dalla Regione e destinate a garantire la fruizione dei siti archeologici e dei musei regionali ad essere oggetto di dure critiche da parte dei sindacati di categoria.

Tale dura polemica, sfogata in assemblee sindacali e palesata pubblicamente attraverso una nota inviata dalla Sa.di.rs (sindacato autonomo dipendenti Regione siciliana) di Siracusa all'assessorato regionale ai Beni culturali, nasce a seguito della riduzione delle ore di fruibilità pubblica dei siti aretusei. Tale provvedimento è stato causato dall'insufficienza di fondi da parte della Soprintendenza (nella Finanziaria non sono difatti stati previsti i fondi per le prestazioni straordinarie del personale che custodisce i siti culturali dell'isola), la quale ha quindi deciso la chiusura nelle ore pomeridiane dei giorni festivi dei monumenti di Siracusa e la riduzione degli orari di fruibilità pubblica nei giorni feriali, con l'entrata in vigore dell'orario invernale.

Come indica l'ordinanza della Soprintendenza (protocollo n. 17705 del 18/11/05) dallo scorso 20 dicembre, è ridotto l'orario di apertura dei seguenti siti: il parco archeologico della Neapolis, che comprende il teatro greco, l'Orecchio di Dioniso, l'anfiteatro romano e l'ara di Ierone, il castello Eurialo di Belvedere (siti che, nei festivi, saranno visitabili solo di mattina sino alle 14, con chiusura della biglietteria alle 13) e, in provincia, il teatro greco di Palazzolo. Stessa situazione anche nei confronti del circuito dei cosiddetti "monumenti minori" (ovvero Ginnasio romano, tempio di Giove e tempio di Apollo), dell'Ipogeo di piazza Duomo che sarà fruibile solo la sera del sabato e della domenica, del castello Maniace e del museo regionale Paolo Orsi ed ancora, in provincia, di Eloro, della zona archeologica di Leontinoi e del suo museo e dei resti di Megara Hiblaea.

Una situazione considerata dai membri del S.a.di.rs (sindacato autonomo dipendenti Regione siciliana) di Siracusa "d'emergenza", come spiega il suo segretario provinciale Matteo Aprile, e tale da danneggiare il turismo nella provincia, soprattutto in prossimità delle festività natalizie che attireranno numerosi visitatori nel territorio. Ma, al momento, non sembrano esistere soluzioni adeguate, visto anche il perdurare del blocco delle assunzioni del personale di vigilanza.

Una delle motivazioni della mancata apertura al pubblico di alcuni siti minori e, quindi, della loro valorizzazione (quali, ad esempio, il tempio di Giove o il Ginnasio romano nella periferia della città o ancora, nella provincia, l'area dei Santoni di Palazzolo Acreide), è infatti la carenza di custodi.
In tutta la provincia sono presenti soltanto 56 unità di vigilanza (a fronte, per esempio, dei 403 a disposizione della Soprintendenza di Palermo): un numero troppo esiguo per assicurare la tutela dei numerosi luoghi d'arte e cultura che Siracusa possiede.
«Si sta predisponendo una variazione di bilancio – rende noto l'assessorato ai Beni culturali a cui la Soprintendenza aretusea fa capo – per affrontare il problema».

http://www.qds.it/qds.nsf/(ArticoliWWW)/9F1D1BEB35B7C4EFC12570C800627F65


news

20-02-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 20 febbraio 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news