LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

In ostaggio i capolavori dell’Hermitage per un debito che Putin non paga
Fabrizio Dragosei
CORRIERE DELLA SERA, 30-NOV-2005





San Pietroburgo, un miliardario svizzero fa sequestrare capolavori prestati ad altri musei. Caos nel mondo dell'arte, rischiano di rimanere chiuse molte mostre in tutta Europa

MOSCA — L'Hermitage, uno dei più importanti musei del mondo, lo ha già deciso: le sue opere d'arte non varcheranno più le frontiere se non ci saranno garanzie dei governi interessati contro eventuali sequestri cautelativi chiesti ai giudici da ditte che vantano crediti nei confronti dello Stato russo. E il Pushkin di Mosca farà altrettanto. Così nel resto del mondo si rischia di non poter più ammirare opere uniche, come i dipinti di Van Gogh, Monet, Renoir, Matisse, Picasso. Una reazione comprensibile dopo che quattro camion carichi di capolavori del Pushkin stimati un miliardo di dollari erano stati bloccati dalle autorità di un cantone svizzero. Per alcune ore i condizionatori che assicurano temperatura e umidità costanti all'interno dei camion sono stati spenti e le tele hanno rischiato di riportare seri danni.
Ora sono tornate «a casa» e tutto è finito bene, visto che ieri è stata aperta anche l'ultima cassa senza che i restauratori riscontrassero problemi. Ma in Russia e in tutto il mondo dell'arte la vicenda dei dipinti «presi in ostaggio» per dirimere controversie economiche ha suscitato violentissime polemiche. «Questi dipinti sono conservati in Russia, ma sono patrimonio di tutti i cittadini del pianeta e devono essere inviolabili», ha affermato lo speaker della Duma Boris Gryzlov. E Saumarez Smith, direttore della National Gallery di Londra gli ha fatto eco: «E' incredibile che capolavori artistici siano trattati da compagnie commerciali come garanzie collaterali nei confronti di debiti contratti da governi nazionali». Così ora sono in pericolo l'apertura delle Hermitage Rooms alla Somerset House di Londra, una esibizione di opere di Kandinskij alla Tate Gallery di Londra, la partecipazione di un'opera di Henri Rousseau a una mostra a Parigi. E tutto per un vecchio debito che la società svizzera Noga reclama dalla Russia. La storia si trascina dal 1991 quando l'imprenditore di origine sudanese Nessim Gaon firmò un primo accordo per fornire alimentari e beni di consumo in cambio di petrolio. Una parte del debito russo non è stato pagato e in questi anni la cifra, considerando gli interessi, è arrivata a quasi 900 milioni di dollari.
Gaon ha cercato in tutti i modi di costringere la Russia a saldare il conto e ha inseguito il Cremlino in tutti i paesi dove poteva far valere le sue ragioni. Ha ottenuto sentenze in Svizzera e Lussemburgo.
Ha vinto una causa davanti alla corte di arbitrato di Stoccolma. Un'altra a Parigi. Ma tutto senza risultati concreti. Allora è passato a chiedere sequestri cautelativi. Nel 2000 in Francia ottenne il congelamento dei conti del governo russo. Poi, dopo qualche mese, fece bloccare la nave a vela più grande del mondo, la Sedov che si trovava nel porto di Brest.
Nel 2001 fece scalpore al salone aeronautico di Le Bourget la fuga dei caccia russi. I piloti di Sukhoi e Mig presero il volo per non essere bloccati dai gendarmi francesi. L'indomito businessman ha anche tentato di mettere le mani sul jet governativo usato da Vladimir Putin, ma senza successo.
Poi, pochi giorni fa, il sequestro delle opere d'arte del museo Pushkin di Mosca che stavano rientrando da Ginevra.
In questo caso il governo svizzero ha annullato la sentenza dei giudici per motivi di Stato. Ma in futuro cosa potrà accadere? Mikhail Piotrovskij, direttore dell'Hermitage è stato lapidario: «Senza garanzie statali sulla inviolabilità delle opere d'arte, i nostri quadri non vanno da nessuna parte».




Lo scontro che dura dal '91
•IN TRIBUNALE
La battaglia legale che dal 1991 il miliardario svizzero Nessim Gaon sta mettendo in atto contro il governo di Mosca — che gli deve 900 milioni di dollari — potrebbe mettere a repentaglio due mostre in programma a Londra (nella foto un pezzo): «La via per Bizanzio» alla Somerset House, e l'esposizione su Kandinsky, alla Tate gallery.

•I RISCHI
E' stato lo stesso direttore dell'Ermitage, Mikhail Piotrovsky, a mettere in dubbio la realizzazione delle mostre. Secondo Piotrovsky, è possibile che in futuro nessuna opera d'arte proveniente dall'Hermitage possa essere esposta in Gran Bretagna o in altri Paesi europei. La condizione per continuare la collaborazione, invece, sarebbe che i governi dessero concrete garanzie che le opere prestate non siano messe sotto sequestro, come è accaduto nei giorni scorsi in Svizzera, a causa della diatriba legale in corso tra il miliardario svizzero e il governo di Mosca

RENOIR
«II ritratto di Jeanne Samary» fu dipinto da Renoir nel 1878: è fra i quadri del museo Pushkin sequestrati (e poi «rilasciati») in Svizzera
MANET
«In the bar (Le Bouchon)» di Manet, museo Pushkin: pure lui finito sotto sequestro

VANGOGH
Il dottar Felix Rey fa parte di una serie di ritratti dipinti da Van Gogh (Museo Pushkin). Dopo l'avventura svizzera, è di nuovo in Russia



news

25-02-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 febbraio 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news