LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Pescara scopre i suoi Giochi. E per le gare del Mediterraneo 2009 spunta la tassa del caffè
Antonello Caporale
la Repubblica, 29/11/2005

Voluti dal forzista Aracu quando la Cdl governava in Abruzzo, Del Turco guida i "dissidenti": "Più che un grande evento, rischiamo il flop"

PESCARA — Na' tazzulella e cafè. Nella bellissima gara di finanza creativa che in questi giorni si è aperta in Abruzzo in vista della realizzazione dei Giochi olimpici del Mediterraneo del 2009, la tassa sul caffè, cinque centesimi da versare al bancone del bar, è finora una proposta stimata come molto seria e anche tecnicamente fruttuosa.
Sono giornate memorabili per Pescara. In città è finalmente in visita la delegazione ufficiale del comitato internazionale dei Giochi, guidato dall'algerino Amar Addadi. Deve verificare lo stato di attuazione delle grandi opere finalizzate all'ospitalità di circa quattromila atleti provenienti dai Paesi che si affacciano sul Mediterraneo e che nel 2009 per una decina di giorni si sfideranno in numerose discipline sportive.
Come spesso accade in Italia, la candidatura della città di D'Annunzio si deve all'abilità di pochi. In questo caso alla passione e alla tenacia dì un solo uomo: Sabatino Aracu, deputatodi Forza Italia e sportivo di lungo corso, presidente della federazione nazionale di pattinaggio.
Aracu, volendo per il suo Abruzzo un palcoscenico di rispetto e di peso, tre anni fa candidò Pescara a sede di queste gare. Nel voluminoso dossier che stampò a sue spese non tralasciò alcun dettaglio e realizzò un'offerta impossibile da rifiutare. Se gli spagnoli di Almeria avevano appena speso cinquanta milioni di euro per garantire servizi e locations delle gare lì effettuate, gli italiani di Pescara avrebbero messo sul tavolo una cifra superiore di ben quattro volte. 200 milioni di euro e una serie sconvolgente di impegni; impianti tutti perfettamente a norma, nuove bretelle stradali, ponti e passi, cittadelle dello sport, appartamenti in uso gratuito. Se vince Pescara, non ci sarà da preoccuparsi di nulla: ogni ospite avrà gratis un appartamento, almeno 25 metri quadrati, e una colazione, un pranzo e una cena già pagati.
Quando il documento giunse in mano ai gestori internazionali dell'evento, non ci fu storia. Pescara l'outsider schiacciò ogni ragionevole concorrenza.
Ridusse l'offerta della greca Patrasso a una miserevole proposta, cancellò dall'elenco delle candidate il modesto pacchetto-soggiorno garantito da Napoli, distrusse le ambizioni dei croati. L'offerta fu talmente generosa che gli organizzatori internazionali, guidati dall'algerino Addadi, si complimentarono lungamente e assai vivamente. La mole dei complimenti fu tale anche perché questi Giochi hanno purtroppo un grosso handicap: non se li fila nessuno. Non li vuole la televisione, che non paga diritti perché non c'è chi li veda. Senza tv niente sponsor, senza sponsor niente soldi. E senza soldi che diavolo di affare è?
Pescara invece i quattrini li aveva. E infatti. Quando è giunto il momento di iniziare a firmare gli assegni l'onorevole Aracu, che intanto aveva messo in moto un efficientissimo comitato organizzatore, ha visto i compagni di cordata cambiare colore politico. In Abruzzo ha vinto Ottaviano Del Turco, un orco del centrosinistra in confronto al mite Giovanni Pace, delizioso compagno di centrodestra. Bandiera rossa, diciamo rosé, anche su Pescara. La Margherita ha issato Luciano D'Alfonso,sindaco fattivo ma poco incline ad aprire il portafogli. Del Turco, da vero lupo marsicano, ha subito iniziato con i dubbi: «Ma chi li vede questi giochi? Alzi la mano chi di voi ha visto almeno una volta Almeria in televisione. Più che giochi olimpici mi sembrano giochi clandestini».
Uccello di malaugurio, gli ha replicato Aracu. Che si è fatto forza chiamando in gioco due abruzzesi d'eccezione: Gianni Letta e Mario Pescante.
Il governo s'è mosso per tempo e ha decretato i Giochi come Grande evento. Grande evento, dunque Grandi giochi.
Aracu contentissimo, Letta sorridente, Pescante fiducioso e ottimista.
Quando Silvio Berlusconi è stato chiamato a dire la sua, ha giustamente passato la palla a Giulio Tremonti. Il ministro dell'Economia, sul trono da poco, non ne sapeva niente. O non ha capito bene. Fatto sta che neanche la finanziaria ha messo becco nella faccenda. L'onorevole Aracu, l'organizzatore tuttofare che di suo ha firmato fidejussioni bancarie per 400mila euro per mandare avanti il comitato di ospitalità, ha iniziato ad accusare foltissimi mal di pancia. Preso dalla paura ha incatenato ai propri doveri tutti i parlamentari abruzzesi i quali, anche in delegazione, hanno vivamente protestato con Letta, amico traditore. Alla fine Berlusconi ha scucito trenta milioni di euro.
Soldi però da spendere dall'anno 2007 e finanziati attraverso un mutuo decennale. Raddoppiata l'intensità della furia di Del Turco: «Ci danno meno di un quinto del dovuto, e ce li danno a rate, come quando si acquistano i mobili». Per capire le differenze: Torino per le Olimpiadi sta spendendo tre miliardi di euro. Miliardi. Qui trenta milioni.
Ne è seguita una rissa verbale gigantesca per la tradizione abruzzese, quieta e solidale. Del Turco, inviperito e svogliatissimo, ha continuato a bestemmiare: «Più che Grande evento sarà un Grande buco. Io lo ripeto: questi Giochi sono un pessimo affare». La rissa, purtroppo non sedata a Pescara, si è trascinata a Roma, davanti a Gianni Petrucci, presidente del Coni e membro del comitato organizzatore. Anche Petrucci ha preso paura: «Se non la smettete di litigare, io lascio l'organizzazione dei Giochi»". Infatti ha lasciato. Si è dimesso. «E propongo di cassare Pescara da sede ospitante», ha aggiunto minaccioso.
A questo punto la situazione si è fatta più serena.Gli abruzzesi si sono rimessi attorno a un tavolo e hanno ripreso a fare i conti. La Regione si è finalmente impegnata a cofinanziare l'impegno con dieci milioni di euro.
Trenta del governo più dieci fanno quaranta milioni. Aracu ha ripreso la lista della spesa e, limando di qua e di là, ha sentenziato: «Con ottanta milioni tutto si fa». Dai duecento dell'inizio già è un bel passo. Pescante, ancora più sobrio, ha sintetizzato: «Secondo me basterà anche molto meno». E dunque, sebbene in discesa, è nata la gara a trovare i soldi, pochi e maledetti, che comunque servono. Ogni abruzzese vi partecipa. E' una bella esperienza comunitaria di finanza creativa e ogni idea ha una sua dignità che va rispettata.
Si parte, come detto, dalla proposta della tassa sul caffè, ma siamo agli inizi. Intanto l'ospite algerino in visita ufficiale ieri sera ha avuto impegnata la serata: fuochi pirotecnici per lui, grande e scenografica ammuina per tutti.
Ai debiti pensiamoci domani.



news

01-03-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 01 marzo 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news