LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Aumentano le liti tra Stato e Regioni
Andrea Maria Candidi, Marta Paris
Il Sole 24 Ore, 24 novembre 2005

LA RIFORMA DELLA COSTITUZIONE - FEDERALISMO ALLA PROVA - Dopo le modifiche del 2001 al Titolo V sono stati presentati 408 ricorsi

L'ultimo stop allo sconfinamento dello Stato nel territorio delle Regioni risale a pochi giorni fa, quando la Corte costituzionale ha bocciato il decreto legge 168/2004 che prevedeva un giro di vite sulla spesa pubblica locale determinando, secondo i giudici, «un'inammissibile ingerenza nell'autonomia degli enti». Ma questo è solo l'ultimo capitolo della querelle iniziata con la "vecchia" riforma del Titolo V della Costituzione, giocata sui confini della ripartizione per materia delle competenze legislative e che ha avuto una recrudescenza nel corso del 2005. Di fronte a una riforma che ha generato in quattro anni un contenzioso di queste dimensioni - sono 408 le richieste di intervento ai giudici delle leggi e 164 gli accoglimenti - c'è da chiedersi l'effetto che la nuova devolution avrà sul braccio di ferro Stato-Regioni. Il destino sembra già segnato dall'ulteriore allargamento delle competenze regionali almeno inizialmente, cioè fino a quando il Senato federale, che potrebbe avere un effetto deflattivo, non entrerà a pieno regime.
Aggiornando i dati del contenzioso Stato-Regioni (si veda «Il Sole-24 Ore» del 22 novembre 2004) si registra, nell'ultimo anno, un significativo aumento delle pronunce con le quali la Consulta, su segnalazione delle Regioni, ha censurato l'operato del Governo. Se tra il 2002, data di entrata in vigore della riforma, e il 2004 la Corte costituzionale aveva bocciato 49 leggi nazionali, negli ultimi 12 mesi la cifra è più che raddoppiata raggiungendo quota 108. Naturalmente, nello stesso periodo, il Governo non è rimasto con le mani in mano presentando 76 nuovi ricorsi contro le norme regionali. Ma la differenza salta subito agli occhi: dalle 218 impugnazioni avanzate da Palazzo Chigi sono scaturite 56 pronunce di incostituzionalità, mentre superano quota 100 i verdetti di illegittimità sui 190 ricorsi presentati dalle Regioni. Un bilancio che dimostra come la periferia abbia meglio assimilato il dettato costituzionale di quanto non sia avvenuto per l'amministrazione centrale. Dalla rilevazione effettuata, inoltre, emerge che la vertenza sia più accesa di fronte ad amministrazioni gestite da una maggioranza politica di segno opposto. Sui ricorsi complessivamente presentati dagli enti locali, circa un terzo (60) sono stati promossi da Toscana ed Emilia-Romagna. E, dato ancora più interessante, delle 108 pronunce di incostituzionalità su atti del Governo, ben 54, vale a dire la metà esatta, sono giunte su sollecitazione di queste due Regioni. Viceversa le leggi toscane risultano anche le più bacchettate con 25 ricorsi subiti che hanno finora prodotto 12 sentenze di cui quattro di illegittimità.
Mentre il primato negativo di incostituzionalità spetta alla Calabria che è stata censurata sei volte su sei.
Per quanto riguarda, infine, le materie del contendere, Stato e Regioni si sono affrontate soprattutto sul terreno della finanza pubblica - dal federalismo fiscale ai finanziamenti statali - e della tutela di ambiente e beni culturali. Ma non solo. Una parte consistente del contenzioso costituzionale è infatti alimentato da ricorsi sui temi del governo del territorio, della salute e dell'attribuzione di funzioni amministrative.



news

25-02-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 febbraio 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news