LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

«Un ecomostro a Cortina» Rivolta contro la tangenziale
Marisa Fumagalli
Corriere della Sera, 28 novembre 2005

Contestato il progetto da 440 milioni. Oggi il voto del Comune

Turisti e cittadini in assemblea: così cambierà la valle

CORTINA D'AMPEZZO (Belluno) — Al capezzale di Cortina. Perché non muoia di traffico e di smog. Tutti vorrebbero salvarla; è il come a dividere gli abitanti della Regina delle Dolomiti. Discutono animatamente anche i villeggianti, famiglie aristocratiche e borghesi che da quel dì hanno casa nella conca ampezzana. «Ci vuole un piano ragionato per il traffico». «Ma una variante stradale serve, purché abbia il minimo impatto per l'ambiente». «E se ripristinassimo il trenino del tempo che fu?».
Si è sentito di tutto, l'altra sera, sotto il tendone del Pala-Volkswagen (fuori la neve cadeva copiosa), tra il pubblico (circa 200 persone) invitato a discutere di «Valori ambientali-paesaggistici e viabilità a Cortina». Titolo generico che, tuttavia, sottintendeva il preciso obiettivo degli organizzatori: opporsi al progetto dell'Anas, cioè alla tangenziale che dovrebbe portar via Tir, camion, auto inquinanti, liberando il centro della città dalle micidiali polveri sottili.
Si tratta, intendiamoci, di un progetto preliminare. Già criticato dalla Sovrintendenza per i Beni architettonici e paesaggistici. E bersagliato dal presidente della Provincia di Belluno, Sergio Reolon, che non accetta l'idea di Cortina, bella e famosa, privilegiata nel sottrarsi a un più ampio piano di viabilità per tutta la valle del Boite. La Giunta, comunque, l'ha fatto proprio; e, nella seduta del Consiglio comunale, convocato per stasera, sarà approvato a larga maggioranza. «Diciamo sì—puntualiz-za il sindaco Giacomo Giacobbi—ma indicando alcune modifiche e chiedendo approfondimenti». Spiega al Corriere Paolo Franceschi, assessore alle Infrastrutture: «La tangenziale sarà davvero utile, se supportata da un sistema integrato di mobilità. Il fulcro? Un parcheggio scambiatore, allo sbocco della galleria di Meleres, dove fermare auto e pullman».
«E' utile ribadire — aggiunge -— che la tangenziale sarà in gran parte interrata, quindi invisibile».
Risultato? Pollice verso, da parte dei contestatori, sostenuti da ambientalisti, avvocati, e perfino dal Dipartimento di Urbanistica dello luav, Università di Venezia. Schieramento compatto sul palco, con Virginio Bettini (luav), Marco Stevanin, Maria Luisa Perissinotto (Studio Terra), Stefano Verocai (consigliere comunale di minoranza), Gian Luigi Cerati (Studio legale), Marina Lecis (battagliera corrispondente del Corriere delle Alpi); moderatore, Ennio Rossignoli. In platea, cittadini e villeggianti. Grandi assenti, l'Anas e gli amministratori. Sicché, il contraddit-torio va in fumo. Unica voce (pubblica) contro: «La variante è necessaria — salta su un signore — e le vostre paure
per l'impatto della cantierizzazione non hanno senso. Quando ho rifatto il bagno di casa, ho dovuto portar via i detriti; così sarà per le gallerie da scavare».
Mail «marziano» viene subito tacitato con numeri da incubo: un milione e 600 mila metri cubi di montagna da asportare, 160 mila e più mezzi pesanti, necessari per la movimentazione del materiale. In altre parole: 5/6 anni (il tempo per la costruzione) di traffico impossibile. Costo previsto dell'infrastruttura, 440 milioni di euro circa. Con accenti diversi, dunque, tutti i relatori bocciano, motivando le loro osservazioni, un progetto, che non rispetta l'ambiente,
che non considera a fondo l'assetto idrogeologico dell'area. «Impattante, sovradimensio-nato, inutilmente faraonico», sì dice. Per dimostrarlo, vengono proiettate alcune foto che simulano l'effetto dell'opera già realizzata. Sotto accusa, in particolare, lo svincolo di cemento armato, che dovrebbe convogliare ì Tir nelle gallerie. «Ecomostro», sentenzia Virginio Bettini.
«Vorrei saperne di più — confida Gemma Marzotto —. A senso, mi sembra che gli esperti abbiano ragione; credo che Cortina abbia bisogno di interventi più contenuti», Iaia Coin, altra villeggiante famosa, ribatte: «L'opera è di ampio respiro. Assolutamente indispensabile. Avanti, senza temere i contestatori».



news

25-02-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 febbraio 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news