LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

«La Fondazione mista è un esempio da seguire»
Cristina Jucker
27/11/2005, Il Sole 24 ore

"La gestione dei beni culturali dovrebbe essere sottratta allo scontro fazioso tra le parti, è una materia su cui si dovrebbe giudicare con freddezza, senza farsi prendere la mano da contrasti partigiani".

Il ministro Rocco Buttiglione non è d'accordo con chi propone di sostituire il ministero con un'Authority, ma ammette che un granello di verità in questo c'è.

«Authority — dice — è diventata ormai una specie di parola magica. Ma se ogni anno è una dura battaglia per avere i fondi, se fa tanta fatica il ministro come può riuscirci il presidente di un'Authority?».

Professor Buttiglione, è difficile fare il ministro dei Beni culturali di questi tempi.

È difficile farlo senza soldi. Sto combattendo Una buona battaglia per ottenere almeno le risorse necessarie per le finalità istituzionali. Ho scoperto che in Italia convincere che il cinema è importante è possibile, per la LIrica è più difficile ma ci si riesce, per prosa e spettacolo dal vivo si fa un po' fatica, ma per i libri e gli archivi è veramente durissima.

Pensa di riuscire a portare a casa un po' di risorse?

Spero che alla Camera qualcosa venga fuori. Sono abbastanza fiducioso di recuperare fondi per il Fus, anche se meno di quello che selve, ma sono molto preoccupato per le spese generali. In
queste condizioni non posso mandare in giro la gente a fare i controlli: se non funzionano le soprintendenze viene meno la tutela.

Allora sarà inevitabile ricorrere a logiche più aziendaliste?

Dobbiamo ripensare il sistema dei beni cuLturali: l'idea che invece di costare portino reddito non è falsa, ma va capita.

In che senso?
I musei non possono vivere con i ricavi dei biglietti, l'ho sempre detto. Nello stesso tempo non possiamo fare come negli Stati Uniti, dove la pressione fiscale è al 30%, i cittadini sono incentivati a fare donazioni e musei e teatri hanno alle spalle un patrimonio di miliardi di dollari, i cui redditi sostituiscono le risorse dello Stato.

Quindi?

È più coerente puntare su un sistema misto pubblico-privato, perseguire fini pubblici con strumenti che mimano quelli privati.

Un esempio è la fondazione mista, che da un lato ricompone tutte le competenze, prima disintegrate, dall'altro dà la possibilità di chiamare il privato a contribuire. È quello che stiamo sperimentando con il Museo egizio di Torino, e puntiamo ad allargare l'esperimento. Certo, per coinvolgere i privati occorre che lo Stato mostri convinzione e passione per i beni culturali.

Il Governo è sulla stessa linea d'onda o c'è una sorta di braccio di ferro?

La riforma del Codice fatta da me è stata approvata in blocco.

Cosa deve fare di più il Governo per dimostrare che è d'accordo?

Questi sono fatti, il resto parole. E sfido chiunque a dire che questo Codice è lassista. Chi mi critica, contesti invece il Governo e dica che ci vogliono più fondi per i beni culturali.

Per tappare i buchi si ricorrerà ai soldi di Arcus o del Lotto?

Questa è un'altra parola magica. Trovo continuamente gente che mi dice che i fondi non ci sono, però c'è Arcus....

L'idea originaria per Arcus e il Lotto era quella di creare una massa di manovra per progetti pilota. In realtà oggi molta parte è diventata sostitutiva dell'ordinario. Ma penso che si debba restituire ad Arcus il suo ruolo: un esempio di iniziativa da finanziare è il progetto Galileo, che ci consente di realizzare grandi infrastRUtture salvaguardando il patrimonio archeologico, utilizzando l'osservazione satellitare, la fotogrammetria aerea e gli archivi. Lungo la linea di alta velocità tra Roma e Napoli abbiamo scoperto 200 siti archeologici. E ora abbiamo vinto un appalto europeo per l'uso del sistema satellitare nel campo dei beni culturali.

Qual è la sua idea di "valorizzazione" dei beni culturali?

È un patrimonio che porta denaro, però non dobbiamo pensare alle biglietterie ma ai turisti, all'indotto. La finalità prima dei beni culturali sono la dimensione estetica e l'identità storica. Quella che conta è la fruizione dell'opera. Molti musei non si preoccupano abbastanza di creare le giuste condizioni di fruizione per tutti i visitatori.

E poi?

Poi dobbiamo gestire l'enorme patrimonio che abbiamo a livello mondiale. La nostra arte è un biglietto da visita che apre tutte le porte, e deve far passare tutto il sistema Italia, aiutare le le imprese. E ancora. Noi siamo all'avanguardia nella scienza della conservazione, abbiamo un primato nel restauro, stiamo lavorando alla Muraglia cinese, al palazzo della Suprema armonia a Pechino. Questo porta con sé ricerca e sviluppo di alte tecnologie. Siamo i caschi blu dell'Onu per il recupero dei beni culturali.



news

01-03-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 01 marzo 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news