LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

FIRENZE: Un modo per finanziare il nostro patrimonio artistico
LA NAZIONE 27/11/2005


«La legge 4/1993, meglio nota come legge Ronchey ha cambiato il regime finanziario della nostra soprintendenza e di tutte le soprintendenze italiane — spiegava il soprintendente Paolucci su queste colonne nel settembre di cinque anni fa — . Quando fu approvata, io fui fra quelli che la valutarono con un certo scetticismo. Dubitavo che avrebbe portato a risultati concreti, non ero convinto della sua applicabilità alla situazione italiana. Adesso devo ricredermi e lo faccio volentieri di fronte alla evidenza dei risultati».
Intanto, che cos'è la legge voluta dal ministro dei beni culturali Alberto Ronchey? «È la legge che disciplina, per la prima volta nella storia della Repubblica, lo sfruttamento ai fini commerciali del patrimonio culturale della Nazione, un patrimonio che fino a ieri era gratis per tutti — spiega Paolucci — . Chi vuole utilizzare l'immagine del David di Michelangelo per una pubblicazione divulgativa o per uno spot pubblicitario è giusto che paghi, perché il David è patrimonio del popolo italiano. Anche i musei sono patrimonio del popolo italiano e chi vuole vendere qualcosa dentro i musei (libri o cartoline, bibite o caffè) deve offrire
canoni d'affitto e percentuali sul fatturato proporzionati al flusso turistico e al volume degli affari». Questa, in sintesi, è la filosofia che governa la legge. «Grazie ad essa i servizi aggiuntivi nei musei sono stati messi sul mercato e affidati, tramite pubblica gara, al migliore offerente. A Firenze la gara, bandita nel 1997, è stata vinta da un consorzio di imprese guidate dall'editore Giunti. Attualmente 'Firenze Musei' gestisce i servizi aggiuntivi per tutte le soprintendenze fiorentine e in tutti i musei dello Stato — la conclusione del soprintendente — . A norma di concessione il 23% dei denari incassati deve essere versato alla soprintendenza. Oggi i visitatori dei nostri musei possono prenotare a distanza e con anticipo anche di mesi il biglietto di ingresso, evitando code fastidiose. Una volta dentro il museo hanno a disposizione librerie fornitissime, dove possono comprare di tutto, dall'oggetto di artigianato esclusivo, raffinato e costoso, al libro specialistico, alla cartolina, al gadget popolare. Pochi anni fa i musei erano privi di bookshop e chi voleva comprare una cartolina o un souvenir doveva rivolgersi agli ambulanti in piazza. Come nella Turchia degli anni Quaranta.



news

01-03-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 01 marzo 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news