LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Uffizi. II bookshop va a ruba ma ci vuole il biglietto
di Letizia Cini
27/11/2005, La nazione, Firenze


«II dvd su Caravaggio, tre bottiglie di vino e una di olio extravergine, per favore». Dalla prossima settimana, potrebbe essere questa l'ordinazione di un turista al bookshop degli Uffizi. «Fra i progetti di Buonitalia c’é anche “Il Gusto italiano. Quando il cibo è arte', che introduce i prodotti agroalimentari di qualità nei bookshop dei principali Poli museali italiani e con il quale, tra breve, saremo agli Uffìzi», conferma infatti Fabrizio Mottironi, presidente della società creata per valorizzare il patrimonio agroalimentare del Bel Paese. Non solo arte, quindi, in Galleria: d'ora in poi anche vino, olio e liquori italiani troveranno spazio sugli scaffali del bookshop degli Uffizi prima, e degli altri musei in futuro.

«Luoghi della bellezza e ora anche luogo del gusto — spiega il soprintendente regionale nonché direttore della Galleria, Antonio Paolucci — . Negli spazi eleganti e sommessi, fra i libri su Michelangelo e i foulard di Ferravamo, sarà possibile acquistare prodotti agroalimentari di qualità».


L'esperienza, già in corso al Museo di Capodimonte di Napoli, arriverà a Firenze al fine di diffondere nel mondo anche la cultura e la tradizione del gusto italiano.
«Ospiteremo Buonitalia nei punti vendita dei musei dove esporrà prodotti di eccellenza enogastronomica — sottolinea la soprintendenza —. Prodotti fatti ad arte, meritevoli di una cornice assolutamente speciale».

Per tenere a battesimo l'iniziativa, arriveranno dalla Capitale due padrini d'eccezione: insieme al soprintendente Antonio Paolucci, martedì prossimo ci saranno anche il ministro per le Politiche agricole.

Gianni Alemanno, e Rocco Buttiglione, ministro per i Beni e le attività culturali). Qualunque siano le considerazioni in merito, resta un particolare illogico, secondo i più elementari principi del libero mercato: al bookshop degli Uffizi, come a quello di ogni altro museo statale italiano, possono accedere solo i visitatori dotati di biglietto.

Vietato, come accade invece al Louvre di Parigi, ad esempio, e in
gran parte del Nord Europa, entrare a fare acquisti (magari da spedire ad amici all'estero), in un museo.

«Un vero peccato», interviene Patrizia Asproni, presidente di Confcultura, l'associazione che raggruppa la gran parte dei privati che gestiscono i servizi dei luoghi d'arte».

II motivo?
«In primo luogo la sicurezza. Inoltre i nostri musei, contenitori storicizzati, nella maggioranza dei casi non si prestano strutturalmente a questo tipo di dicotomia: ingresso peri visitatori da un lato e ingresso per i frequentatori del bookshop da un altro. Inoltre...».

Inoltre?
«Noi oggi diamo per scontati i servizi aggiuntivi nei musei, ma bisognerebbe tener presente che sono nati nel '97. Prima c'era il Poligrafico dello Stato e un mondo selvaggio. Se in Italia sono otto anni che esistono, al Luovre sono 150 e negli Stati Uniti sono nati insieme ai musei. All'inizio non conoscevamo i meccanismi di acquisto, tanto che i bookshop erano stati messi all'ingresso e non all'uscita delle gallerie, come accade oggi. Ma molto è stato fatto».

Ad esempio?
«Pochi sanno che agli Uffizi esiste tanto di ufficio postale per spedire i suovenir acquistati. Si tratta di oggetti di alta qualità, prodotti in Italia da abili artigiani».

Peccato che per i fiorentini e tanti turisti non sia possibile farli propri, a meno che non decidano di farsi la coda ed entrare in gallerìa...
«Soprattutto ora, che non ci sono lunghe file, perché non farlo? Non dimentichiamo che l'acquisto all'interno di un museo è dominato dall'emozione positiva della visita, un ricordo dell'esperienza vissuta».
Vino e olio come c'entrano, allora? «Fanno parte di un concetto ancora diverso, quello della valorizzazione del territorio: del tipo 'porto con me un pezzo del territorio su cui quest'arte è nata". Un progetto voluto dal ministero, che resta pur sempre un esperimento».



news

25-02-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 febbraio 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news