LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Stupinigi, pagata la taglia. Per i mobili rubati a Stupinigi pagati 40mila euro
Meo Ponte
la Repubblica, 28 novembre 2005

La svolta nelle indagini per la refurtiva della Palazzina dopo un accordo segreto

All 'informatore versati i 40mila euro
Gli investigatori non forniscono particolari sulla ricompensa finita al mediatore
Il pm Arnaldi di Balme promette di continuare a indagare: "Troverò i responsabili"


QUARANTAMILA euro. Questa sarebbe la cifra pagata per riavere i «tesori» rubati dalla palazzina di Caccia di Stupinigi nel febbraio del 2004. Euro più, euro meno la somma versata all'informatore corrisponde alla «taglia» offerta subito dopo il furto dall'Associazione Amici dell'Ordine Mauriziano per qualsiasi notizia utile sulle scrivanie intarsiate dal Piffetti e sugli altri mobili razziati. A pagare però non è stata l'associazione. «Su questo argomento è meglio non scendere in particolari troppo dettagliati -spiegano gli investigatori - II fatto più importante è aver recuperato intatti capolavori di valore inestimabile...». Tre mesi di trattative dopo il primo contatto, nel settembre, sono poi sfociati nella telefonata di venerdì sera: «Andate a Villastellone, cascina Broglietta, la roba è lì, è in buono stato». Poco dopo carabinieri e polizia erano di fronte al bottino razziato nella notte del febbraio 2004. Le indagini però continuano: gli investigatori hanno un'idea precisa, sanno che il furto alla palazzina di Caccia è stato messo a segno da professionisti. Il procuratore aggiunto Francesco Saluzzo d'altronde lo ha promesso durante la conferenza stampa in cui veniva data notizia del ritrovamento degli arredi di Casa Savoia: «Questo recupero non ci fermerà, continueremo ad indagare sino a quando non troveremo i responsabili del furto». Il sostituto procuratore Enrico Arnaldi Di Bal-me, il magistrato che ha coordinato l'inchiesta, infatti ha già ripreso il lavoro potendo contare su una straordinaria collaborazione tra polizia e carabinieri. Il recupero dei tesori di Stupinigi è infatti il frutto di un sorprendente coordinamento tra le due diverse forze, arrivate entrambe allo stesso informatore per vie diverse. Gli arredi sono stati riportati a Stupinigi già sabato mattina e si è posto immediatamente il problema della loro sicurezza. «Il custode questa volta lo abbiamo scelto noi» ha ironizzato il procuratore capo Marcello Maddalena. Ora infatti all'ingresso del museo nella Palazzina di Caccia ci sono vigilantes armati. E il responsabile della sicurezza dell'Ordine Mauriziano, l'ingegner Francesco Rabino, sta pensando all'installazione di un nuovo sistema antifurto, più moderno e soprattutto più efficace. Anche se la notte della razzia l'allarme suonò. Tre volte addirittura. Ma fu staccato perché si credette ad un contatto elettrico. Una decisione che ancor oggi suscita perplessità negli investigatori.



news

25-02-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 febbraio 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news