LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Una deregulation senza precedenti sta per abbattersi sul patrimonio storico , artistico e culturale del nostro paese
Anna Maria Nassisi
Il Manifesto, 26/06/2002

Il decreto salva-deficit approvato dai due rami del Parlamento istituisce con l'articolo 7 societ la "Patrimonio dello Stato s.p.a e con l'articolo 8 una societ finanziaria la "Infrastrutture s.p.a. La Patrimonio dello Stato ha come compito primario "la valorizzazione , gestione e alienazione del patrimonio dello stato (comma I). La societ opera secondo gli indirizzi strategici stabiliti dal Ministero dell'Economia e delle Finanze, e le vengono trasferiti beni immobili facenti parte del patrimonio disponibile e indisponibile dello stato e cio i beni del demanio ;vengono inoltre traferiti a detta societ beni di particolare valore storico artistico e storico, d'intesa con il Ministero per i Beni e le Attivit culturali (comma IO).
Se il concetto di alienabilit si fosse limitato ad indicare solo beni immobili di nessun valore artistico, il problema non sarebbe cos grave, saremmo cio sul terreno del possibile . Il punto grave , che molta stampa ha gi messo in rilievo, l'estensione del concetto di alienabilit a beni di particolare valore storico artistico e storico, il diavolo sta in quel "particolare" come sottolinea Antoni Paolucci( Il sole 24 ore di Domenica I6 giugno ): non pare che siano in pericolo gli Uffizi o i Fori Imperiali (per lo meno lo speriamo) , bens quella pletora di beni di rilevante valore artistico che fanno dell'Italia un "museo all'aperto", cio di quel patrimonio artistico diffuso e reticolare che rendono il nostro paese un fatto inedito nella storia del mondo.
Il decreto legislativo n.II2 del marzo I998 rafforza il concetto di tutela previsto dall'articolo articolo 9 della Costituzione Italiana ed estende il concetto di beni culturali intesi come "quelli che compongono il patrimonio storico, artistico , monumentale , demoetnoantropologico, archeologico, archivistico e librario e altri che costituiscono testimonianza avente valore di civilt". La tutela di essi spetta allo stato , d'intesa con le sovraintendenze regionali alle quali vengono attribuiti compiti di archiviazione e conservazione e valorizzazione dei beni stessi. A parte l'aspetto discutibile di una separazione cos netta di competenze tra Stato e Sovraintendenze regionali, tale separazione non mette ,in ogni caso, in discussione il ruolo di tutela dello stato e delle sue ramificazioni periferiche in materia di beni artici e storici, semmai rafforza ed estende il loro ruolo forte controllo su beni piccoli e grandi , che l'UNESCO ha definito "beni dell'umanit tutta". Ora la legge Tremonti apre il varco a un'operazione senza precedenti nel momento in cui prevede l'alienabilit per il tramite della cartolarizzazione (comma 11 ) cio di un trasferimento di partecipazioni azionarie dal Tesoro alla Patrimonio s.p.a. che pu emettere azioni e ottenere prestiti per la Infrastrutture s.p.a. mediante l'impegno del rendimento di qualunque bene di sua propriet in cambio di un prestito da parte di banche o di privati per un numero di anni fissato per accordo . Alla scadenza del termine previsto , se il debito non viene restituito , la banca o il privato pu fare proprio il bene immobile o il bene storico- artistico I) senza alcun controllo del Parlamento; 2) senza di fatto compiere un atto contro la Costituzione. Si annida quindi nelle pieghe di ambiguit non chiarite la pericolosit di una manovra cos concepita.
Solo se si abolisce il concetto di alienabilit possibile pensare a una gestione pubblico -privato a termine del patrimonio artistico e culturale del nostro paese, di tutta quella mappatura di beni artistici diffusi sull'intero territorio nazionale . Per potere compiere un'operazione di deregulation sono state necessarie due societa (v. art. 7 e 8) che agiscono di concerto e in maniera complementare. Il nodo sta dunque in due termini "alienabilit " e "particolare" che pesano come macigni sia su un patrimonio che lo stato dovrebbe tutelare, nella sua emergenza di grandi e piccoli beni , e che costituiscono in ogni caso l'ossatura della nostra identit nazionale , espressione della nostra storia e della nostra cultura. In caso contrario rischiamo di scivolare verso una deriva che snatura innazitutto la Costituzione Italiana, in secondo luogo offende il vivere civile , l'identit e la memoria storica di milioni di cittadini di questo paese.
Incrinando alla base il principio il principio della propriet pubblica del patrimonio culturale , il decreto Tremonti desta un allarme giustificato. Non si tratta di rifiutarsi ai cambiamenti con atteggiamenti che ricordano l'Accademia della Crusca ma di trovare delle vie migliori che coinvolgano in modo nuovo cittadini e Stato nella salvaguardia di un patrimonio comune sulla scia ad esempio dell'inglese National Trust.
Rivolgiamo , in chiusura, un accorato appello alle forze politiche perch si adoperino alla abolizione dell'articolo 7-8 del decreto su citato e alle forze intellettuali italiane e straniere , affinch facciano sentire con forza il proprio sdegno e la preoccupazione per il pericolo che corre lo straordinario patrimonio storico, artistico e culturale italiano.



news

18-11-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 NOVEMBRE 2019

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

Archivio news