LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

I preziosi arredi rubati nel febbraio 2004 dalla Palazzina Stupinigi sono stati ritrovati integri
MEO PONTE
DOMENICA 27 NOVEMBRE 2005 TORINO LA REPUBBLICA



In un campo il bottino di Stupinigi
L'informtore telefona: "Andate a Villastellone, la roba l"

ABBANDONATI sotto la luna e gi rivestiti da un sottile velo di brina. In un prato di Villastellone, anzi come recita ufficialmente il verbale di ritrovamento: nell'agro di Villastellone. Ad una manciata di chilometri da Stupinigi e dalla Palazzina di Caccia da dove erano stati trafugati la notte tra il 18 e il 19 febbraio del 2004. Cos sono stati trovate le specchiere, le scrivanie, le ribaltine intarsiate da Luigi Prinotto, Pietro Piffetti, Giuseppe Maria Bonzanigo, i maestri artigiani creatori degli arredi di Casa Savoia. I mobili sono stati ritrovati in buone condizioni. Probabilmente la scoperta addebitabile alla pressione esercitata in certi ambienti dagli investigatori spiega il procuratore Marcello Maddalena, annunciando il ritrovamento con il suo aggiunto Francesco Saluzzo e il sostituto procuratore Enrico Arnaldi di Balme che ha coordinato l'inchiesta. Hanno ragione: non stato pagato nessun riscatto.
Ad intascare i soldi stato l'informatore agganciato da polizia e carabinieri del Nucleo Tutela Patrimonio nel settembre scorso. Gli investigatori dalla notte del furto avevano passato al setaccio gli ambienti dei ladri d'arte, degli antiquari con pochi scrupoli, dei ricettatori e dei collezionisti spregiudicati: nei mesi passati inseguendo quei mobili rubati i carabinieri del Nucleo Tutela Patrimonio avevano scoperto un ladro acrobata bosmaco, un latitante calabrese che si manteneva in Olanda con i furti di dipinti antichi, un colonnello della Guardia di Finanza che taglieggiava gli antiquari, tre corsi che avevano saccheggiato i nuraghe sardi ma non un solo indizio sul furto di Stupinigi. Poi nel settembre scorso la svolta: carabinieri e polizia hanno un contatto finalmente giusto, uno che parla con cognizione di causa e che, contrariamente ai tanti sentiti sino a quel momento, non millanta. La trattativa lunga e sempre sul punto di interrompersi. Gli investigatori vogliono una prova certa: il soffia mostra loro le foto di scrivanie e specchiere immortalate accanto alle pagine di un giornale di pochi giorni prima. E'il momento di parlare di soldi. Poi venerd sera, alle 21,30, l'ultima telefonata: Andate a Villastellone, la roba l, c' tutto. Dalla questura partono gli uomini della Quinta sezione della Mobile e poco dopo si trovano di fronte a quell'incredibile spettacolo sotto la luna.
Pressione investigativa non ci sono dubbi ma anche l'impossibilit di piazzare un bottino cos prezioso. Si tratta di pezzi di valore inestimabile - sottolinea infatti Carla Enrica Spantigati, sovrintendente del Piemonte per il patrimonio storico e artistico -Mobili che neanche le pi famose case d'asta inglesi avrebbero accettato di trattare.... Secondo gli investigatori i ladri che avevano scelta il bottino con una sorprendente competenza (quella notte infatti si impadronirono solo dei pezzi pi pregiati tralasciando il resto) avrebbero tentato inutilmente di rivendere i preziosi mobili senza per riuscire a trovare un compratore anche se qualche antiquario era stato a lungo tentato. Credo non fossero di grado di avere contatti a livelli internazionali spiegano al Nucleo Tutela Patrimonio dei carabinieri.
Il procuratore aggiunto Francesco Saluzzo comunque promette: L'inchiesta continuer sino a quando non arriveremo ad identificare i responsabili del furto. Furto che mise in evidenza le inadeguatezze del sistema di allarme che avrebbe dovuto proteggere i tesori della Palazzina di Caccia dei Savoia. Per entrare ai ladri bast tagliare i lucchetti di due cancelli e non ebbero bisogno di forzare nessuna porta. Paolo Trevisani, che allora aveva funzioni di custode, quella notte sent l'allarme scattare tre volte. Alla terza stacc la spina e Stupinigi rimase senza difese. Con calma e metodicit i ladri si portarono via 27 tra mo-
bili, specchiere e dipinti. Un bottino di oltre 20 milioni di euro, stando alla denuncia fatta il giorno dopo. Per portarli via probabilmente usarono due camion, le cui tracce furono scoperte il giorno dopo dagli investigatori nella neve appena caduta.
Venerd sera la scoperta a pochi chilometri dalla stessa Palaz-zina dove avvenne il furto come se quel tesoro inestimabile non si fosse mai allontanato dalla zona. E come se i ladri, artefici di quel colpo da artisti, fossero poi stati incapaci di spostarlo. In realt probabile che il bottino sia stato riportato in zona proprio per deviare i sospetti. Quando polizia e carabinieri sono arrivati i mobili erano stati abbandonati da qualche ora ammette infatti il procuratore aggiunto Francesco Saluzzo.



news

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

25-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news