LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

PROPOSTA: Un Ministero per le aree urbane
di ANTONIO GUIZZI
IL TEMPO, 23-11-2005




LE RECENTI dichiarazioni di Berlusconi sulla necessità di dare un alloggio alle famiglie sotto sfratto — le cui condizioni economiche non hanno consentito loro di acquistare una casa — è stata considerata uno spot elettorale da Prodi e da altri esponenti del centro sinistra. Al di là delle polemiche è opportuno domandarsi se quella del Presidente del Consiglio è soltanto un'idea o se invece esista già un progetto. Ma, per fornire un utile suggerimento al fine di dare un contributo concreto a questa idea, è utile rammentare la "vexata quaestio" delle aree urbane già da vent'anni alla sopita attenzione dei partiti, dei governanti e del Parlamento.
Questione che sembrava tornata di attualità nello scorso gennaio quando era stata annunciata la ricostruzione di quel ministero per le aree urbane, nato nel 1987 per volontà di Craxi, assegnato all'ex sindaco di Milano Tognoli, allo scopo di superare le difficoltà dovute alla frammentazione dei poteri divisi tra i diversi ministeri (Lavori Pubblici, Lavoro, Interno, Ambiente e Beni Culturali) e per fornire una direttiva politica e opportuni indirizzi alle regioni e ai comuni. Pur troppo di questo Ministero si rammenta soltanto un intervento legislativo, giusto nella sua ratio, ma pasticciato nel suo articolato: la legge 24 marzo 1989 n"122, nota come legge Tognoli, volta alla realizzazione dei parcheggi a iniziativa dei privati e dei comuni. Il Ministero per le aree urbane hi poi travolto dallo tsunami di tangentopoli e da un certo ostruzionismo delle regioni, gelose della propria autonomia e dalla pigrizia di troppi comuni.
Il governo Berlusconi si trova oggi in conseguenza della modifica del titolo V della Costituzione intervenuta il 18 otto bre 2003 e dell'approvazione della legge sulla devolution forse in difficoltà per la costituzione di questo Ministero. Eppure se si vuole avviare a soluzione il proble ma della realizzazione di massicci interventi edilizi occorre proprio che un organismo centrale impartisca le opportune direttive giacché è difficile ripercorrere le strade del passato con la realizzazione di piani attuativi su arce libere sottratte all'agricoltura anche perché gli interventi "extra moenia" aggravano il fenomeno del pendolarismo e quindi della congestione del traffico e delle inevitabili diseconomie, laddove più opportuno appare l'acquisizione delle aree dismesse dalle industrie, il recupero di vecchi edifici abbandonati e di quei fabbricati, sparsi dappertutto sul territorio nazionale, per i
quali non è stata rilasciata la concessione in sanatoria e che i comuni non hanno demolito in applicazione degli articoli 4 e 7 della legge sul condono edilizio del 1985.
Per il reperimento delle risorse economico-finanziarie occorrerebbe far ricorso al finanziamento europeo, alla formazione di un fondo di rotazione, a provvedimenti legislativi per sgravi fiscali agli enti preposti alla realizzazione di questi interventi, abbattimenti dell'Iva, a con cessioni di mutui fondiari a tassi ridotti e a lungo termine in maniera che il nucleo familiare possa sostenere l'onere della rata in luogo di un canone di locazione.
Molto utile alla creazione di questo fondo appare la proposta del Consigliere economico di Palazzo Chigi, Renato Brunetta, il quale ha suggerito la vendita dell'alloggio a prezzo simbolico a 500mi-la inquilini dell'Istituto autonomo case popolari (la manutenzione del patrimonio di quest'ente costa ben 5 miliardi di euro l'anno); si potrebbe vendere a prezzi di mercato negozi e box e immobili di pregio con un ricavo stimato fra i 30 e i 50 miliardi di euro.
C'è quindi un nesso logico fra l'idea di Berlusconi e la proposta di Brunetta: un provvedimento di urgenza per dare la casa agli inquilini sotto sfratto può essere adottato con l'integrazione di questo progetto nel quadro degli interventi previsti dalla "legge obiettivo" (legge 443 del 2001 e dal decreto legislativo di attuazione 190 del 2002).
Se la ricostruzione del Ministero per le aree urbane può essere utile per una politica a medio termine volta a favorire la costruzione di alloggi da dare in proprietà a quel 19 per cento di famiglie che non hanno ancora raggiunto questo traguardo, il ricorso alla legge obiettivo o ad altro provvedimento legislativo straordinario è dettata dall'urgente necessità di dare un tetto alle famiglie sotto sfratto.



news

24-01-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 24 gennaio 2021

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

Archivio news