LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Un'idea semplice ma seria per abbattere il debito pubblico
Enrico Cisnetto
Il Foglio, 25/11/2005



E' venuto il momento di mettere mano al debito pubblico. Con la decisione della Bce di alzare i tassi d'interesse, irritualmente preannunciata da Jean Claude Trichet per frenare le foltissime attese dei mercati, si aperta una nuova stagione, assai pi difficile della precedente, per la nostra finanza pubblica.

Due settimane fa. in questa rubrica, ho provato a calcolare gli effetti di quella che allora era solo una misura attesa sul piano del deficit, arrivando alla conclusione che la prossima Finanziaria, la prima della nuova legislatura, partir da una manovra minima di 50 miliardi di euro.

Oggi voglio invece capire cosa succede al nostro debito, considerato che la UE prevede che alla fine di quest'anno esso arrivi ad avere un rapporto con il pii di 108,6 per cento, oltre due punti in pi dell'anno scorso, mettendo fine a un processo seppur lento di riduzione di questo indice, iniziato nel 1995 dopo che nel 1994 il debito-pil aveva toccato il record di 126 punti di pil.

I pi semplicisti dicono: beh, se undici anni fa il debito pesava sul pil per ben 17,4 punti in pi di quanto sar a fine 2005, pazienza per l'inversione di tendenza ma non vale la pena fasciarsi la testa. Peccato che l'Italia si sia assunta l'impegno, firmando il patto di Maastricht, di ridurre il debito al 60 per cento del pil in un tempo congruo (non si mai messo nero su bianco quanto fosse, ma informalmente si era stabilito che fosse al massimo di due decenni), e che nel frattempo - secondo quanto recita uno studio di Giuseppe Guarino, che molti leader politici hanno in mano ma fanno finta di non aver ricevuto - tra il 1992 e il 2004, tenendo conto anche dei proventi delle privatizzazioni si sia spesa l'astronomica cifra di 800 miliardi di euro in moneta rivalutata per cancellare la parte eccedente il 60 per cento di deficit-pil (630 miliardi a fine 2004) trovandoci ora lontani ben 48 punti percentuali da quell'obiettivo.


Ora, se si considera che in questo scenario drammatico, l'unica nostra fortuna sono stati proprio gli interessi stracciati - ciononostante l'anno scorso abbiamo pagato interessi sul debito per 5 punti di pil (contro il 2,7 per cento di Francia e Germania e il 2,9 di media Eurolandia) - e che ora i tassi aumentano, si capisce perch qualcuno (come lo stesso Guarino) si assume la responsabilit di pronunciare la fatidica parola default.
Un grido d'allarme che condivido e che vale la pena di rilanciare ad alta voce nell'assordante rumore di fondo di uno scontro politico del tutto improduttivo.

Naturalmente denunciare non basta. Certo, la consapevolezza il primo degli strumenti per affrontare l'emergenza, ma occorre anche capire come si pu intervenire. Finora si sono viste in campo due logiche.
La prima quella del centrosinistra: ridurre il debito aumentando l'avanzo primario e privatizzando. Due buone soluzioni in via di principio, ma realizzate con i piedi: il primo obiettivo si raggiunto a scapito della crescita (il 1996-2001 erano gli anni in cui sarebbe stata pi agevole la trasformazione del modello di sviluppo), il secondo a scapito del nostro capitalismo (Telecom docet). La logica del centrodestra, invece, stata quella della finanza straordinaria, a cominciare dalle cartolarizzazioni degli immobili, che ha consentito al governo Berlusconi di evitare decisioni impopolari ma certo ha peggiorato la finanza pubblica (avanzo primario verso l'azzeramento, deficit ben oltre il 3 per cento, debito che cresce sia in valore assoluto che in percentuale sul pil) e prodotto crescita zero.


Il censimento del Demanio

Di fronte al fallimento di entrambe queste politiche e dunque del "bipolarismo all'italiana" - come evidenzia l'Economist. che una volta tanto fa un'analisi condivisibile -non rimane che il coraggio delle "grandi decisioni". Occorre immaginare, cio, un'operazione di tipo straordinario, che consenta di abbattere in un colpo solo il debito di alcune decine di punti. Qualcuno che si messo a fare dei calcoli c'. Guarino. per esempio, ha provato a ragionare su un intervento che abbatta il debito al 70 per cento del pii, pari a circa 430 miliardi. Il meccanismo pi semplice (di cui il Foglio ha gi scritto) potrebbe essere quello di costituire una Spa, di cui il Tesoro avrebbe il 100 per cento per poi gradualmente scendere grazie alla quotazione nelle maggiori Borse, nella quale si farebbero confluire partecipazioni (Eni, Enel ecc.) e beni immobili (abolendo il vincolo dell'inalienabilit) appunto per un ammontare di 430 miliardi. Da questo punto di vista, la notizia che l'Agenzia del Demanio, brillantemente guidata da Elisabetta Spitz, ha terminato il censimento del patrimonio immobiliare dello Stato, particolarmente favorevole perch consente di scegliere con pi facilit tra edifici pubblici che sono gi a reddito e altri (compresi quelli di valore artistico e ambientale) cui manca la valutazione d mercato (Guarino propone di stabilirla partendo da un canone di locazione del 3 per cento). Insomma, una public company per abbattere il debito e, risolti i problemi di finanza pubblica, rilanciare l'economia.
Possiamo parlarne, tra una discussione su Celentano e una su Santoro?



news

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

22-08-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 22 agosto 2019

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

Archivio news