LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Mali culturali. L'Italia dei tagli/I musei statali sono aumentati del 20% in dieci anni Ma le risorse sono pi che dimezzate
di FABIO ISMAN
26-NOV-2005 Il Messaggero




QUESTO un viaggio in un Ministero ridotto al lumicino: quello "degli archi e delle colonne, cui demandato di provvedere alla massima ricchezza nazionale, cio l'azienda "Leonardo, Michelangelo, Raffaello & Co", non ce la fa pi nemmeno a sopravvivere. In quest'ultimi tempi, s' molto (e giustamente) protestato per i "tagli" al Fus, il Fondo per lo spettacolo, che mettono in crisi la lirica e il cinema; ma assai meno s' parlato dei beni culturali, che ancor pi pesanti "tagli" subiscono ormai da anni. Avanti di questo passo, e dovr davvero chiudere qualche museo, ammette il ministro Rocco Buttiglione. aggiungendo che tutto ci gli sembra proprio assai miope. Ovviamente, i sindacati usano termini pi icastici: Siamo alla canna del gas, avverte Libero Rossi, storico capofila della Cgil; la situazione non pi sopportabile, afferma Gian Franco Cerasoli, UIL. Poche cifre bastano a spiegare perch. Prendiamo, ad esempio, il caso dei musei, s'intende quelli statali. Oggi, sono 420, di cui 186 gratuiti; attirano 31 milioni e mezzo di visitatori all'anno, e garantiscono oltre 90 milioni di euro d'introiti. Ma, soprattutto, costituiscono un nostro biglietto da visita, e sono una componente fondamentale dell'educazione collettiva, del nostro essere come siamo: cio diversi da chi viva in qualsiasi altro Paese. Ebbene, nell'ultimo decennio, il numero dei musei statali italiani aumentato del 20 per cento; e si sono prolungati del 28 per cento gli orari in cui si possono visitare (accadde con i governi Prodi e D'Alema). Tuttavia, le risorse per il loro funzionamento, e per quello delie soprintendenze, cio gli uffici cui fanno capo, si sono invece pi che dimezzate. Aggiornando le cifre all'odierno valore dell'Euro, tra il 1996 e il 2005, i fondi per le pure spese di funzionamento sono diminuiti esattamente del 57,1 percento. Non solo: si sono dimezzati (-55,5 per cento) anche quelli per far fronte ai costi telefonici. E per noleggiare le vetture di servizio (che non sono certo le "auto blu" di rappresentanza; bens mezzi indispensabili, ad esempio, per compiere i sopralluoghi), le risorse sono il 37,6 per cento in meno; con l'aggravante che se nel 1996 era possibile, per i Ministeri, possedere dei veicoli di propriet, oggi non pi: vietato, ad esempio, alle soprintendenze.

Il "grande crack (perch, con parametri di bilancio simili, qualsiasi azienda privata porterebbe i libri in tribunale) iniziato nel 2002. Gli 85 milioni d'euro/2005 stanziati nel '96 per far funzionare musei e soprintendenze, nel 2002 erano gi diminuiti: ma in misura ancora sopportabile: ammontavano a 71 milioni di euro/2005; oggi, sono invece precipitati a poco pi di 36 milioni: in tre anni, dimezzati.

Esistono delle soprintendenze che ormai gi da vari mesi hanno dovuto cancellare le missioni dei loro funzionari, spiega Irene Berling, larcheologa che rappresenta la categoria, riunita nella sigla di Assotecnici. Perfino i buoni-benzina ordinari per le auto (queste s "blu") del Gabinetto del Ministro, del Ministro, Viceministro e dei Sottosegretari sono finiti da mesi.
Il portavoce di Buttiglione gira in motorino. Per sopperire a queste emergenze, al Ministero lo ammettono a mezza bocca perch non sarebbe lecito, s'usano come fondi ordinari, a titolo sperimentale, le risorse destinate invece agli investimenti: ai "progetti speciali", e cos via. Ma, come da proverbio, piove sui bagnato: gli stessi introiti del turno supplementare del Lotto, creato il mercoled proprio per sopperire alle carenze di risorse per "archi & colonne", da un po' di tempo servono pure per altri scopi; quindi il loro gettito, come ogni altra fonte di sostentamento, s' ridotto; e cos pure la quota dell 8 per mille del prelievo fiscale destinata al dicastero.

In compenso, si fa per dire,
il numero delle soprintendenze aumentato: la recente riforma del Ministero n'ha aggiunte infatti una per Regione, rette da dirigenti generali; e a Roma, nell'amministrazione centrale, da cinque che erano, i direttori generali sono divenuti 14; complessivamente, il Ministero ora ne possiede ben 40. Mentre s'ingigantiscono i vertici, per, delle 66 soprintendenze che esistono nel Paese, la vera "ossatura" del Ministero, 27, cio quasi la met, risultano vacanti dei rispettivi responsabili, dice Irene Berling.

Un quadro impietoso, quanto mai allarmante. Se mancano i fondi per le missioni, si paga a vuoto chi le dovrebbe svolgere, spiega ancora il Ministro. E le ridotte disponibilit, provocano effetti devastanti; un paio d'anni fa, il museo archeologico di Napoli, uno dei pi importanti nel nostro Paese, ad agosto aveva esaurito il capitolo di spesa per la pulizia dei servizi igienici, gi ridotta da due ad una sola volta al giorno. Ed appena un caso.
La compressione delle risorse per i beni culturali pone il nostro Paese in controtendenza con gli altri europei, che. invece, le stanno incrementando. Al patrimonio culturale italiano, secondo Federculture, va lo 0,39 del bilancio delle Stato, e i sette decimi sono pei spese correnti: la media europea dello 0.50 ma, pur possedendo patrimoni di ben minore entit, Francia, Germania e Portogallo spendono di pi: rispettivamente l'uno, l'I,35 e lo 0,90 per cento. Il raffronto ancora peggiore se si paragona il bilancio dei Beni culturali al Pil: lo 0,16 per cento in Italia, lo 0,35 in Portogallo, lo 0,9 in Spagna, l'un per cento in Francia, l'1,35 in Germania. Eppure, Michelangelo, Giotto e Leonardo per citare solo tre nomi non erano italiani? Vedremo che cosa ne pensa il Ministro; e vedremo che, anche per quanto riguarda gli organici, i Beni culturali non sono ormai lontani da uno stato quasi preagonico



news

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

25-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news