LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Sassari. Il Soprintendente: Ribadisco che l'ultimo progetto rappresenta un ibrido privo di coraggio.
Stefano Gizzi
La Nuova Sardegna 25/11/2005

Dal Soprintendente ai beni architettonici, Stefano Gizzi, abbiamo ricevuto questa nota che pubblichiamo.


Stefano Gizzi
Soprintendente per i Beni architettonici e il paesaggio per le province di Sassari e Nuoro

Desidero esplicitare alcune delucidazioni sulla questione del nuovo volto proposto su Piazza Italia, dopo i recenti dibattiti e alcuni articoli pubblicati sugli organi d'informazione, dato che alcune mie idee sono state, forse, eccessivamente enfatizzate e non riportate in maniera del tutto esatta. La discussione su piazza d'Italia senz'altro utile e stimolante da un punto di vista culturale e mi sembra perci opportuno chiarire alcuni criteri che sottengono i pareri formulati finora dalla Soprintendenza da me diretta. Premetto che mi esprimo solamente da un punto di vista tecnico-architettonico, senza assolutamente entrare nel merito di scelte politiche, o di altro genere, dell'amministrazione comunale, n tantomeno pronunciare giudizi sul suo operato, meritorio, anzi, nell'aver aperto, forse per la prima volta, un costruttivo colloquio con la cittadinanza. Anche se le posizioni della Soprintendenza e del Comune sono diverse, ci non significa che i rapporti fra i due enti non siano cordiali e che il colloquio non sia costruttivo.
In occasione dell'incontro svoltosi alla Camera di commercio ho sostenuto che l'ultima revisione progettuale proposta dall'amministrazione comunale rappresenta un ibrido, in quanto non palesa il coraggio di un'innovazione in senso contemporaneo (siamo nel 2005 e non nell'Ottocento) e, al contempo, non ha i canoni di un restauro conservativo. Uno dei princpi fondamentali del restauro, infatti, dal punto di vista "etico" e "morale" (e l'aspetto "etico" ne costituisce uno dei cardini, fin dall'epoca di John Ruskin), quello che ogni intervento attuale su una preesistenza deve scongiurare il pericolo del "falso storico", non ingannare il pubblico facendogli credere antica una integrazione odierna e, soprattutto, evitare rifacimenti in stile o secondo il nostalgico adagio del "comera e dov'era", ma deve recare il segno della nostra epoca, beninteso accordandosi con il contesto attraverso un'accurata analisi delle situazioni e dopo un attento ascolto della vocazione dei luoghi.
Il lato "etico" e "morale" riguarda intrinsecamente la disciplina del restauro e non parlo certo di "moralit" di scelte amministrative. Vale forse la pena dichiarire questo equivoco, dato che la distinzione pu apparire labile e sottile: "etica" del restauro semplicemente come principio tecnico-estetico, riguardante la necessit di "denunciare" sempre (con i mezzi pi svariati) il nuovo intervento per non indurre in inganno il fruitore.
La linea del ripristino tout-court non n quella del ministero per i Beni Culturali n quella della Soprintendenza. Non si possono avallare improbabili ritorni al passato, n, tanto peggio, rimandia un presunto "splendore originario", posto che scopo del restauro , al contrario, quello di trasmettere alle generazioni future il bene cos come ci giunto con l'intera carica delle sue trasformazioni, addizioni, palinsesti, stratificazioni nel tempo, beninteso valutando ognuna di esse secondo un giudizio critico e selezionando le scelte (mai, peraltro, da parte di una sola persona).
Ci, a mio modo di vedere, non appare dalla nuova soluzione per piazza d'Italia, dove si spacciano per ottocenteschi una seriedi arredi(da quelli relativi all'illuminazione sino alle panchine e alle ringhiere) che sono pessime copie (neanche fedeli) di originali, i quali sono stati peraltro, a suo tempo, senza alcuna remora e opposizione da parte di chi di dovere, traslati o spostati (come i lampioni finiti ad "abbellire" gli spazi pubblici di Sorso).
Mentre il progetto presentato a fine settembre, che poteva piacere o meno (ma ci rappresenta un dato soggettivo), possedeva una propria coerenza interna, questa nuova proposta, riduttiva, frutto di un compromesso, come tutti gli accomodamenti non solo non convince, ma frutto di confusione, di incertezza progettuale, nel voler a tutti i costi recepire le voci pi svariate e discordanti e dissonanti, senza una logica convincente.
La domanda che rivolgo come mai, delle idee di ben 32 gruppi progettuali che si sono cimentati sul tema, fra i quali sono compresi alcuni tra i pi attenti professionisti sardi, non sia stato, alla fin fine, tenuto in alcun conto: ci mi sembra, francamente, anche una manifestazione di sfiducia nei confronti di colleghi architetti della citt e al loro sforzo di traduzione, in chiave architettonica, delle esigenze proposte.
Nella soluzione settembrina, se il tipo di pavimentazione, in granito dalle diverse sfumature, compresi i "disegni a terra", aveva un senso nel recepire alcune assialit che andavano a raccogliersi all'interno dei quattro lievi rialzi centrali e nel ribaltamento "disegnato" dei prospetti dei palazzi limitrofi (un tema pi argentino che italiano: si pensi alle realizzazioni di Miguel Angel Roca per gli spazi pubblici di Cordoba) nella nuova proposta appare del tutto incongruo.
Perch impreziosire col granito (per di pi di vari colori) uno spazio che sempre stato semplice, sobrio e soprattutto unitario. E se restauro conservativo dev'essere, che senso ha tornare a un improbabile stato ottocentesco (e a quale, poi, delle varie fasi della piazza, visto che sono sempre mutate?), posto che a noi non concesso invertire la freccia irreversibile del tempo, cos come resuscitare i morti?
Ultima questione, quella dei parcheggi. Non ho mai dichiarato, e rettifico quanto uscito sul giornale, che l'ipotesi, da parte dell'assessore competente, fosse stata sollevata in Conferenza di servizi: si trattava di una semplice idea interna, la quale, peraltro, mi sembrava, e continua a sembrarmi, interessante, e come tale proponibile.



news

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

25-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news