LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Bono contrattacca I ritardi nella ricostruzione non dipendono da me
La Gazzetta del Mezzogiorno, 25/11/2005

Il sottosegretario ai beni culturali Nicola Bono replica in una nota a quelle che definisce nuove esternazioni da parte dell'assessore regionale Godelli, circa le presunte intenzioni del Ministero e mie personali di fare propaganda attraverso la vicenda della ricostruzione del prestigioso Teatro.
Come si pu pensare - afferma - che l'intento di questo Governo sia semplicemente quello di poter gridare al mondo intero prima che la legislatura finisca che la Casa delle Libert stata in grado di appaltare quest'opera, quando chiaro a tutti chi si impegnato per l'effettiva ricostruzione del Teatro? Se qualcuno, al contrario, vuole invece impedirne l'esecuzione al solo scopo di non vedere realizzata un'opera di cui non pu oggettivamente rivendicare i meriti, dovr renderne conto alla citt e non solo.
Il sottosegretario, sulle fasi che hanno riguardato l'iter per la ricostruzione del teatro barese, ricorda di essersi impegnato per reperire i fondi per la ricostruzione sin dal 1996, quando da deputato d'opposizione presentai, insieme all'indimenticabile Pinuccio Tatarella, un emendamento che stanziava le prime somme necessarie. Successivamente - aggiunge - ho condotto le trattative per trovare l'intesa tra tutti i soggetti istituzionali e gli eredi, per la stipula di quella convenzione, che unanimemente considerato l'atto strategico che ha determinato la soluzione dei problemi connessi alla ricostruzione, che languivano irrisolti da oltre dieci anni, e che ha consentito l'avvio della
prima parte dei lavori e il completamento del foyer. Sin d'allora, tutti gli impegni presi dal Ministero sono stati rispettati, nell'unico interesse della collettivit, per un Teatro le cui sorti interessano lo stato, molto pi di quanto finora pare interessino le istituzioni pubbliche locali.
Dallo scorso gennaio - afferma ancora il sottosegretario - gli uffici del ministero hanno inviato la convenzione, che era gi stata concordata con gli enti territoriali, per l'attuazione del progetto. E ritardo accumulato in questi mesi chiaro a tutti a chi dovuto e a cosa imputabile. Le eventuali penali, che inevitabilmente dovranno essere pagate in caso di ritardi nell'ultimazione dei lavori, non potranno certamente essere addebitate all'operato del Ministero per i Beni e le Attivit Culturali. Lo scorso 28 luglio, infatti, proprio per fare compiutamente il punto della situazione sullo stato dell'arte della ricostruzione, il sottoscritto presiedette una riunione presso il Ministero, alla presenza dei presidenti Vendola e Divella, del sindaco Emiliano, degli assessori Balducci, Godelli e Sisto, e dei funzionari Nastasi e Soragni, dalla quale si usc con un comunicato congiunto che recitava: "Al termine della riunione, tutti i soggetti partecipanti hanno concordato una prima intesa di massima, basata su tre punti". Quali? "I tre enti territoriali si impegnano a versare le somme previste per la ricostruzione nel pi breve tempo possibile; la Fondazione Petruzzelli e Teatri di Bari nominer due consulenti che affiancheranno la direzione generale per i Beni culturali della Puglia nell'opera di
monitoraggio delle verifiche progettuali; qualora, fatta salva la validit del progetto in esecuzione, si dovesse consensualmente prevedere interventi migliorativi rispetto a quelli previsti, l'accettazione di tali miglioramenti sar sottoposta all'individuazione della copertura finanziaria, a carico di tutti i soggetti rappresentati in Fondazione".
A fronte di tale accordo, come si pu affermare -conclude Bono - che "il Sottosegretario Bono vuole importo, quel progetto, cos com'"? Se sono stati incaricati due tecnici che stanno lavorando alla valutazione del progetto, perch non li si lascia lavorare in autonomia? Come pu qualcuno essere gi certo delle conclusioni alle quali arriveranno i consulenti nominati dalla
Fondazione? Inoltre, come si pu affermare che "dovr essere lo Stato a farsi carico delle maggiori spese", quando tutti insieme abbiamo convenuto che l'accettazione delle eventuali migliorie al progetto sar sottoposta all'individuazione delle risorse da parte di tutti i soggetti rappresentati in Fondazione? In conclusione, respingendo con forza le gratuite provocazioni e gli attacchi personali, concepiti in tal modo proprio perch in assenza di argomentazioni oggettive: non posso che augurarmi che i tecnici nominati dalla Fondazione esauriscano al pi presto possibile il loro mandato e che non si perda altro tempo prezioso su un percorso di ricostruzione e fruizione del pi prestigioso contenitore culturale pugliese.



news

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

25-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news