LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Soru: entro la fine del 2006 via gli Usa dalla Maddalena
Marco Nese
Il Corriere della Sera, 25/11/2005

Il piano per l'area: alberghi e cantieri navali

ROMA — Almeno sei mesi, massimo un anno. Questo è l'arco di tempo entro il quale può avvenire lo smantellamento della base della Maddalena. Gli americani non sono in grado di andarsene prima. «L'operazione è molto complessa — spiega il presidente della Sardegna Renato Soru —. Occorrerà aspettare, ma di sicuro la base sarà libera entro la fine del 2006». Soru parla dopo un colloquio col ministro della Difesa Antonio Martino. Durante l'incontro il ministro ha confermato che nel 2004 gli americani avevano cominciato a demolire alcune costruzioni con l'intenzione poi di ricostruirle secondo criteri di massima sicurezza. Avevano elaborato un contingency pian, un progetto che, in caso di approvazione, comportava «un incremento di tre volte le volumetrie originali». Se il Pentagono avesse dato l'okay, la base sarebbe stata rafforzata e ingrandita. Invece a Washington è prevalsa l'idea di andarsene.
Renato Soru ha già in mente il piano di trasformazione dell'intera area. Quando i sottomarini partiranno, «gli edifici potranno essere riconvertiti in alberghi. La zona, in pieno Parco della Maddalena, è ideale per un turismo di qualità». In un primo tempo i 180 dipendenti civili della base militare verranno ricollocati in uffici della pubblica amministrazione, ma successivamente «potranno trovare impiego nelle attività turistiche». Fin dall'800, racconta Soru, la Maddalena ha svolto un «ruolo di supporto alla Marina militare, ma da tempo la Marina ha abbandonato il cantiere navale che oggi mantiene i circa 200 dipendenti senza una loro effettiva utilizzazione. Contiamo di riconvertire anche il cantiere, ne usciranno bellissime barche da diporto. In quella zona incrociano d'estate centinaia di maxi yacht che dopo agosto spariscono. Il cantiere può diventare una base per la manutenzione, in modo che quelle imbarcazioni abbiano un approdo sicuro tutto l'anno».
Secondo le valutazioni di Soru, lo sviluppo di un polo turistico alla Maddalena renderà disponibili almeno un migliaio di posti di lavoro. Importanti gruppi sono pronti a investire, l'Aga Khan, Tom Barrack, alcuni imprenditori francesi. «Faremo qualcosa di alto livello», promette Soru.
Gli americani abbandonano la base perché ormai non la considerano strategica rispetto alle nuove minacce rappresentate dal terrorismo. Troppo defilata, costosa, esposta a eventuali attacchi e con un accesso scomodo a causa degli scogli che punteggiano il suolo marino. Contro gli spuntoni rocciosi andò a sbattere il 23 ottobre del 2003 il sottomarino atomico Hartford. Ne venne fuori con notevoli danni e provocò una vera psicosi nella gente, qualcuno giurava addirittura di aver sentito boati e temeva contaminazioni radioattive.
«I nuovi pericoli — spiega da Londra il portavoce della Sesta Flotta Mark McDonald—impongono di passare da un assetto che andava bene per la guerra fredda a un sistema di difesa contro le minacce alla sicurezza». Per questo da tempo i sottomarini atomici della US Navy stazionano alla Maddalena solo periodicamente. Fissa nella base è la Emory S. Land, una delle due unità di supporto ai sottomarini d'attacco, l'altra, la Frank Cable, è attualmente ancorata nell'isola di Guam. Il nuovo dispiegamento delle forze americane, fa sapere il comandante Joe Carpenter dal Pentagono, «non coinvolgerà solo l'Italia e nemmeno solo l'Europa».



news

24-01-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 24 gennaio 2021

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

Archivio news