LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Immobile su palmare ma il Demanio non sa che farci
Julia Giavi Langosco
Il Sole 24 Ore, 25-NOV-2005



Ha cinque anni. consapevole di possedere immobili per 70 milioni di metri cubi. Ma non ha ancora deciso che cosa fare da grande. sostanzialmente questo il quadro che emerge dall'incontro-scontro con alcuni protagonisti del reality (gestione del patrimonio immobiliare) in Italia, organizzato da Elisabetta Spitz, direttore generale dell'Agenzia del Demanio, per fare il punto su quanto fatto e quanto resta da fare nella valorizzazione del patrimonio pubblico.

A buon diritto Spitz rivendica i 3,3 miliardi freschi portati a casa con il Fondo immobili pubblici Non meno meritevole la tenacia, con cui la sua amministrazione riuscita a convincere un numero crescente di inquilini dello Stato a pagare l'affitto. Nel 2005 si raggiunto un livello di riscossione del 70% sul dovuto. Sembra poco? Nel 2002 non superava il 30%.
Anche il censimento degli immobili pubblici da valorizzare, di cui si parla da un decennio, a buon punto. Circa 1.400 tecnici hanno passato al setaccio il territorio, acquisendo 17 milioni di informazioni e 600mila immagini.
Tutto materiale che Spitz e gli 830 che lavorano con lei presto potranno richiamare in tempo reale sul display di un palmare.

La documentazione raccolta consente di monitorare fari, spiagge, caserme, aeroporti dismessi, ma anche ville storiche, castelli diroccati e molto altro di quanto fa Demanio storico-artistico. Ma proprio qui sta il punto critico. Su come trattare i beni culturali, le posizioni sono infatti molto divise. Nemmeno i pilastri normativi vigenti aiutano a capire.
La legge 1089, che da decenni regola il regime vincolistico dei palazzi di valore artistico, contempla l'alienazione, pur con certe condizioni. Il ben pi ostico comma 1 dell'articolo 823 del codice civile, non contempla invece l'alienabilit del patrimonio storico-artistico.

Mentre l'articolo 12 del codice dei beni culturali, introdotto nel 2000, non disdegna il termine alienazione. Risultato: negli ultimi due anni e mezzo non si venduto nulla. Ma sul piano concettuale, come stato rilevato proprio nel corso del faccia a faccia di Spitz con i big dell'immobiliare in Italia, non nemmeno questo che preoccupa. Ci che va definito da parte della pubblica amministrazione, Demanio in testa, che cosa si intenda per patrimonio culturale.

Va accettata una visione storicistica, prevalente nelle soprintendenze, che mira sostanzialmente a conservare l'esistente, secondo l'accusa lanciata dal presidente dell'Ance, Claudio De Albertis? Oppure si pu fare spazio anche a una cultura in fieri? Il quesito cruciale. Perch accettare la seconda ipotesi significa considerare come patrimonio culturale anche la capacit progettuale di molti nuovi talenti dell'architettura, che in questo caso, a buon diritto, potrebbero pretendere di sostituire con le loro opere, una parte, non primaria, dell'esistente. Come del resto avvenuto a Roma, a Firenze, a Venezia nel corso degli ultimi mule anni. La valorizzazione futura del patrimonio immobiliare pubblico passer, anche attraverso questa scelta di campo.



news

11-10-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 11 ottobre 2019

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

Archivio news