LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Strategie di rientro / Le ricette degli esperti di Nexus. Avanzo primario e superSpa: cos cala il debito
Isabella Bufacchi
27-10-2005 IL SOLE 24 ORE




ROMA - Ridurre in maniera drastica il rapporto debito/Pil attraverso un massiccio programma di dismissioni di partecipazioni azionarie, crediti e immobili dello Stato, anche attraverso la creazione di una "superspa" da 430 miliardi di euro come proposto dal giurista Giuseppe Guarino, un obiettivo ambizioso, non facile da realizzarsi e comunque complementare, secondario rispetto al traguardo principale della finanza pubblica: il ritorno a un avanzo primario strutturale, duraturo e consistente abbinato al rilancio di una solida crescita economica.
questa, in estrema sintesi, la strada maestra individuata ieri da politici, economisti, giuristi ed accademici di spicco che hanno affrontato, in una giornata-seminario organizzata dall'associazione di cultura politica Nexus, il problema allarmante e grave di un debito/Pil che, invertendo la tendenza virtuosa degli ultimi anni, tornato a salire. La crescita il metodo migliore per abbattere il debito, ha sentenziato Daniele Franco, responsabile della finanza pubblica presso il servizio studi della Banca d'Italia, portando ad esempio l'Irlanda e affermando con vigore che occorre accrescere l'avanzo primario per ricondurre il debito sul sentiero della difesa. Questa tesi, ampiamente condivisa e sostenuta negli interventi del responsabile economico della Cgil Beniamino Lapadula, Mario Sarcinelli, Marcello De Cecco e Roberto Pinza (deputato della Margherita), ha lasciato ampi spazi al dibattito. stato riconosciuto dai pi che la razionalizzazione e il contenimento della spesa corrente primaria come anche l'aumento delle entrate, per quanto auspicabili ai fini del debito pubblico, non sono affatto facilmente realizzabili in una fase di stagnazione economica.
Meglio ancora sarebbe intervenire direttamente sul rilancio della crescita, anche potenziando gli investimenti pubblici. Il debito si paga con la crescita, ha detto il deputato Pagliarini. Ma, come ha riconosciuto Paolo Emilio Signorini, direttore del servizio centrale di segreteria del Cipe, per chiudere provvedimenti gi adottati e in progettazione (Alta velocit, Legge obiettivo, Anas e Rfi) occorrono 100 miliardi di euro che non ci sono. E per fare politica economica, ha incalzato Guarino, occorrono risorse.
Proprio per questo, in un quadro congiunturale grigio, e senza prospettive di schiarite sul breve termine, Giuseppe Guarino propone di costituire una spa con un capitale da 430 miliardi di euro - tramite il trasferimento di immobili, partecipazioni azionarie e crediti pubblici - per venderne le azioni a investitori istituzionali e privati, italiani ed esteri al fine di abbattere il debito e risparmiare fino a 60 miliardi di euro l'anno sulla spesa per interessi.

Questa "Italia spa" non per dietro l'angolo. Secondo Savino Pezzotta, segretario della Cisl, occorre evitare concentrazione di potere e discrezionalit eccessiva. Al contrario bisogna tornare alla logica della concertazione, di patto su debito e competitivit.
La spa di Guarino stata promossa da Antonio Pilati, commissario dell'Antitrust, in quanto potrebbe servire da volano per la liberalizzazione di risorse a livello locale : inoltre ridurre la presenza pubblica nell'attivit economica un elemento importante per modificare le regole e smantellare i monopoli. Ma sono emersi numerosi punti di criticit sulla superspa: governance, valutazione degli immobili ceduti, modalit di dismissione, commissioni alle banche. Ed gi scattato l'allarme contro le svendite frettolose.



- Tutte le strade per ridurre il debito
Quattro strumenti per scendere sotto il 100% del Pil
Sostenere la crescita: investimenti in infrastrutture, ricerca e sviluppo, alta tecnologia; liberalizzazione dei servizi e apertura dei mercati bancari-assicurativi; rilancio della competitivit riforme strutturali (lavoro, pensioni, sanit). Il Pil italiano resta agganciato alla crescita europea
Accrescere il saldo primario strutturale: Occorre un avanzo primario duraturo e considerevole, tra il 3% e il 5% del Pil per molti anni attraverso il contenimento della spesa primaria corrente e/o maggiori entrate (aumento della base imponibile, lotta all'evasione)
Abbassare il costo medio del debito: la politica monetaria sui tassi nell'area euro spetta alla Banca centrale europea ed legata a inflazione e crescita in Eurolandia; il Governo pu migliorare il rischio-Italia e rafforzare l'affidabilit creditizia e la reputazione del Paese per ridurre lo spread, il premio a rischio sul rendimento dei titoli di Stato
Privatizzazioni, dismissioni di immobili: la cessione di asset pubblici, evitando le svendite frettolose, pu servire ad abbattere il debito/Pil in fasi di crescita bassa o stagnazione ma non pu sostituire l'obiettivo dell'avanzo primario




news

16-11-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 16 NOVEMBRE 2019

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

Archivio news