LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

PATRIMONIO ITALIA Il mercato vuole edifici pubblici
Evelina Marchesini
Il Sole 24Ore, 24/11/2005

24-11-2005 IL SOLE 24 ORE

- INVESTIMENTI E FINANZA - Il Real Estate Summit del Sole-24 Ore: il rialzo dei tassi non frena l'attivit

La domanda resta alta anche sul settore residenziale - Ponzellini (Patrimonio Spa): disperante la gestione statale, rendimenti irrisori


MILANO - Uffici? Logistica? Centri commerciali? Niente di tutto questo. Pur rappresentando settori di grande interesse, il futuro del l'industria immobiliare si giocher su due grandi, quanto controversi, temi: il residenziale e gli immobili pubblici.

I principali operatori del real estate si sono trovati concordi ieri - in occasione dell'Italian Real Estate Summit del Sole-24 Ore, che si svolto in Borsa a Milano e che continuer oggi con focus sui fondi immobiliari e sulle riqualificazioni urbane - nel disegnare un quadro completamente mutato del mercato, che s alle prese con un rallentamento della corsa dei prezzi delle case, prospettive al rialzo dei tassi d'interesse e un quadro macroeconomico penalizzante, ma che ha davanti a s ancora molta strada da percorrere.

La sfida, per, si presenta tutt'altro che semplice: il residenziale deve affrontare la vasta tematica delle problematiche sociali e delle politiche abitative, mentre il pubblico tuttora ingessato in un meandro di iter burocratici e interessi particolari che lo tengono ancorato a una situazione di immobilismo giurassico. Eppure proprio dallo stesso settore immobiliare che possono giungere, oggi, importanti stimoli per l'intera economia nazionale.

L'industria del real estate, come ha sottolineato Gualtiero Tamburini, vicepresidente di Nomisma e presidente di Assoimmobiliare, vanta una dimensione complessiva che trova scarso riscontro nel ruolo politico e sociale che le si finora riconosciuto: Stiamo parlando di un totale di 140 miliardi di euro di valore complessivo delle transazioni e di circa 100 miliardi di euro di investimenti - ha sottolineato - a cui vanno associati 330mila addetti nel solo real estate.

Il residenziale rappresenta l'80% del mercato immobiliare italiano e gli investitori istituzionali ne sono completamente assenti - ha spiegato Carlo Puri Negri, ad di Pirelli Real Estate -. Se le condizioni cambiassero, si spalancherebbe un mondo nuovo.

E si potrebbe contribuire a risolvere il nodo dei disagi abitativi delle famiglie, tema per il quale si sta facendo ancora troppo poco. Quello della mancanza di case in affitto un tema fondamentale che va risolto - ha aggiunto Puri Negri -. Il mercato della locazione rimane ancora poco trasparente, contribuendo cos al rallentamento dello sviluppo economico, a causa di una scarsa mobilit per esigenze di lavoro. Soprattutto per le fasce di reddito pi basse, ma anche per gli studenti, il problema della ricerca di una casa in affitto a prezzi ragionevoli ormai una vera e propria emergenza.

E secondo i relatori del Summit - tra cui Matteo Cabassi dell'omonimo gruppo, Luca Castelli di Aedes, Elio Gabetti, Giulio Rasetta di Risanamento, Manfredi Catella di Hines e Gianni Verga del Comune di Milano - una delle strade percorribili promuovere l'investimento del pubblico risparmio e degli istituzionali attraverso i fondi immobiliari, il che porterebbe a una maggiore regolamentazione ed efficienza del mercato.

Ancora pi problematica, seppure potenzialmente pi promettente, la questione del patrimonio degli immobili pubblici, sulla quale Massimo Ponzellini, AD di Patrimonio dello Stato, ha tracciato un quadro sconfortante.

Di fronte all'incapacit dello Stato nel gestire i propri immobili abbiamo ormai passato la fase della disperazione e anche quella della rassegnazione, ha detto Ponzellini, spiegando che i beni del patrimonio pubblico hanno un costo di gestione e un costo opportunit che supera ogni pi cupa previsione - ha detto -. Nel mondo reale quando l'impresa distrugge valore questa va chiusa o dismessa, ma nel mondo del pubblico non accade nulla di tutto ci.

Ponzellini ha anche spiegato che ci sarebbero ancora 20 miliardi di euro di immobili pubblici da immettere sul mercato, considerando solo i 30 miliardi che fanno capo allo Stato (sono esclusi i beni culturali).

Molto pi consistente, poi, il patrimonio di propriet degli enti locali: circa 120 miliardi, di cui 93 dei Comuni, finora gestiti a rendimenti irrisori se non negativi.

Ma non tutto. Lanciando una provocazione, Ponzellini ha fatto qualche esempio della scarsa redditivit delle concessioni pubbliche: Per tutta la rete autostradale - ha detto - lo Stato riceve il corrispettivo, in canone annuo, di due giorni di tariffe degli utenti. Per tutte le spiagge, non si raggiungono i 140 milioni di euro. E per i beni storico artistici, tra cui i musei, riscuotiamo 10 milioni di euro l'anno: anche solo facendo girare dieci quadri all'anno nei musei internazionali prenderemmo di pi.




news

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

25-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news