LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Biblioteche e musei dimezzati così la cultura non sogna più
BRUNELLA TORRESIN
GIOVEDÌ 24 NOVEMBRE 2005 LA REPUBBLICA






II piano di Guglielmi per far fronte ai tagli.
Seicentomila euro in meno per teatro e musica

DAL 1° gennaio la biblioteca centrale di Sala Borsa sarà aperta al pubblico dalle 10 alle 20, e non più, come accade adesso, dalle 9 alle 21. E i musei civici, oggi aperti dalle 9 alle 18.30, potrebbero re-
stare chiusi al pubblico tutti i pomeriggi dal lunedì al venerdì: è un'ipotesi che i direttori, che si riuniscono proprio oggi, stanno discutendo. Né il Comune potrà assicurare ad alcuni teatri e compagnie il sostegno finanziario dato fino a quest'anno. Sono le scelte più vistose conseguenti al taglio di 2 milioni di euro al Settore Cultura di Palazzo d'Accursio, previsto nel bilancio provvisorio che la giunta ha discusso l'altro ieri: e colpiscono i servizi, non solo le iniziative culturali dell'assessorato (festival, mostre, eventi estivi e
il Capodanno, per il quale si spenderanno quest'anno 200mi-la euro).
Bilancio provvisorio alla mano, biblioteche e musei devono ridurre un quarto dei loro costi. La biblioteca Sala Borsa riduce l'orario di apertura: questo le consentirà
di risparmiare sui costi del personale esterno della Working. Ma ridurrà anche gli acquisti di libri, ed e film, e il programma delle attività [mostre, convegni, animazioni) rivolte a ragazzi e adulti. None confermata invece la limitazione al solo mattino del servizio di prestito, come aveva prospettato l'assessore Angelo Guglielmi.
La chiusura pomeridiana dei musei civici (Archeologico, Medievale, Collezioni Comunali d'Arte, Patrimonio Industriale, Museo della Musica e anche Museo Morandi, benché sezione dell'Istituzione Galleria d'arte moderna), nei periodi in cui non ospitino mostre temporanee, come saràil caso del Medievale, con dotto e le arti a Bologna fino al 28 marzo, è l'altro argomento sul tavolo. In che percentuale un provvedimento così radicale possa incidere sui costi e sui risparmi, è una valutazione difficile da fare complessivamente: varia da museo a museo. Certo suscita perplessità tra gli stessi direttori. Per un museo come il Morandi, che ha buone entrate di biglietteria, potrebbe non essere affatto efficace, benché «l'ottimizzazione degli orari» sia un'esigenza ben presente anche al direttore Gianfranco Maraniello, dopo che anche la Gam ha subito un taglio di 220mila euro sui trasferimenti comunali. È efficace, viceversa, spiega Massimo Medica, per le Collezioni Comunali d'Arte, che hanno anch'esse sede a Palazzo d'Accursio. Quel che fa la differenza è il ricorso, che un museo può aver fatto o no, a personale d'agenzia esterna per i servizi di guardiania o altro. Ma è abbastanza improbabile che i musei civici, quelli del centro soprattutto, non unifichino i loro orari d'apertura, vista la necessità di salvaguardare almeno l'idea del «sistema museale cittadino», a vantaggio di
ciascun istituto che ne faccia parte. Se sarà decisa, la chiusura pomeridiana riporterà gli orologi dei musei, schiacciati non solo dai tagli ma anche dalla distinzione tra budget concordato (ridotto) e budget promesso (reintegrato), indietro di 15 anni.
I fondi a disposizione del Settore Cultura per i teatri, lo spettacolo e i giovani artisti, che nel 2005
ammontavano a 3,300 milioni di euro, sono stati ridotti a 2,7 milioni. In apparenza è il taglio più contenuto. In realtà un'ampia percentuale di questa cifra è legata a convenzioni poliennali: con il Teatro Comunale per 1,394 milioni di euro, con l'Arena del Sole per 620mila euro, con il Testoni Ragazzi per 250mila euro. È evidente che quel che rimane da spartire tra teatri, compagnie teatrali e associazioni musicali è fortemente decurtato. Chi è a rischio? Innanzi tutto Teatri di Vita, teatro di prima fascia, cioè di proprietà comunale, la cui convenzione scade il prossimo mese di dicembre. Poi i tre grandi teatri finanziati «a progetto»: Duse, Celebrazioni e Dehon. I «piccoli» teatri: Moline, San Martino, Accademia '96, Ridotto, Palco Reale...; le compagnie di produzione; le associazioni musicali: Bologna Festival, Musica Insieme, Angelica...



news

22-01-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 22 gennaio 2021

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

Archivio news