LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Tre a giudizio per il villaggio abusivo
MAURO LISSIA
La Nuova Sardegna, 24 novembre 2005

In tribunale il capo dell'area tecnica di Sant'Anna Arresi con i due costruttori. Ammesse al processo le associazioni degli ecologisti: chiederanno i danni. .

CAGLIARI. Nessun condono: i tre indagati per il presunto villaggio abusivo costruito al centro della laguna di Porto Pino dovranno rispondere in tribunale di tutte le accuse avanzate dal pubblico ministero Daniele Caria. Il gup Ermengarda Ferrarese ha accolto la richiesta di rinvio a giudizio e ha fissato la data della prima udienza, davanti ai giudici della prima sezione:
è il 20 febbraio. Cinque giorni prima si farà un indispensabile passaggio in camera di consiglio. Il gup dovrà verificare l'oblazione - col pagamento di una somma - del reato minore, la violazione del codice della navigazione. Se la cifra risulterà versata il reato sarà estinto. Ma resteranno in piedi le
altre imputazioni: l'amministratore delegato della 'Isolotto Immobiliare srl' Francesco Monti e il direttore dei lavori Fulvio Pilloni sono accusati di concorso in violazione delle norme ambientali per l'assenza dell'autorizzazione dell'ufficio tutela del paesaggio. Poi il dirigente dell'area tecnica comunale di Sant'Anna Arresi, Massimino Paolo Granella, che deve rispondere di abuso d'ufficio. Il suo difensore, l'avvocato Guido Manca
Bitti, ha sostenuto l'assenza del dolo nel comportamento di Granella, che avrebbe concesso l'autorizzazione di sua competenza convinto che le opere in costruzione fossero regolari. L'impegno del legale non è bastato a salvarlo
dal processo pubblico.
Il giudice per l'udienza preliminare ha sciolto anche le riserve sul diritto a costituirsi parte civile delle due associazioni ecologiste - Gruppo di Intervento giuridico e Amici della Terra - che l'avevano chiesto, con l'assistenza dell'avvocato Carmela Fraccalvieri: l'istanza è accolta, quindi gli ambientalisti - seguendo una prassi che si va affermando in campo nazionale - potranno partecipare al dibattimento e chiedere il risarcimento
dei danni agli imputati, se saranno giudicati colpevoli. L'indagine della Forestale era partita ai primi di giugno dell'anno scorso, quando le due associazioni guidata da Stefano Deliperi e Bruno Caria hanno presentato un esposto segnalando la costruzione di 45 unità immobiliari e di nove strutture
commerciali nell'isoletta di Corrumanciu, esattamente al centro dello stagno di Porto Pino. Quell'area pregiatissima appartiene al Demanio ed è collegata al mare, quindi - secondo l'accusa - risulta pienamente protetta dal vincolo paesaggistico. A stabilirne l'inedificabilità è stato il servizio regionale
tutela paesaggio, che alla richiesta di chiarimenti inviata dalle due associazioni ecologiste ha risposto senza possibilità di equivoci: nessuna autorizzazione concessa alla società 'L'isolotto', proprietaria del villaggio. Un diniego firmato dall'ex direttore dell'ufficio, quel Lucio Pani
finito poi in carcere con l'accusa di corruzione legata proprio a concessioni edilizie facili. In questo caso però il 'sì' della Regione non è partito: attorno a Corrumanciu d'altronde si muovevano già con grande curiosità gli uomini del Corpo Forestale, l'indagine era già in corso. Il 25 ottobre 2004
il complesso turistico era stato messo sotto sequestro penale dalla Forestale su disposizione del pm Caria. Ed è da quel momento che si è aperto il confronto con la difesa, centrato in particolare su un punto: le case si trovano a ridosso della laguna, ma la laguna è collegata al mare? E' un
dettaglio fondamentale, perchè se non lo fosse le costruzioni potrebbero essere regolari. La Forestale però, mappe alla mano, sostiene il contrario, quindi - se questa è la situazione reale - è come se il complesso edilizio fosse stato realizzato quasi sulla spiaggia. Il che escluderebbe in partenza
qualsiasi possibilità di sanatoria.



news

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

11-01-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 11 gennaio 2021

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

Archivio news