LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Come tradurre in limba larchitettura dellIsola
WALTER FALGIO
l'Unione Sarda 24 novembre 2005

Antonio Simon Mossa: si riparla di un personaggio che ha precorso i tempi, soprattutto per lambiente sembrava che di Antonio Simon
Mossa nessuno volesse pi parlare. Dalla sua morte, avvenuta nel 1971, poco o nulla era stato detto e scritto su di lui. Personaggio dificilissimo da raccontare, larchitetto aveva
lasciato tuttavia segnali tangibili e inequivocabili del suo sfaccettato impegno professionale e politico. I trentanni di imbarazzante silenzio erano stati interrotti nel 2003 da un convegno internazionale organizzato a Sassari dalla Consulta per la promozione della lingua e della cultura sarda. Qualche giorno fa a Cagliari lassociazione Shardana ha presentato gli atti di quelliniziativa.
Cinquantatre interventi ordinati in seicento pagine dagli
storici Federico Francioni e Giampiero Marras: Antonio Simon
Mossa. Dallutopia al progetto (Edizioni Condaghes, 18
euro). Unesplosione di testimonianze a dimostrare che laver
taciuto per diversi lustri non ha portato alloblio. Anzi.
Nato nel 1916 a Padova, documentarista, regista, pioniere
di Radio Sardegna, giornalista tagliente sul Solco, sulla Nuova,
su Ichnusa. Architetto della Costa Smeralda ma non solo, leader
del Partito Sardo dAzione, poliglotta e internazionalista.
Sebbene sia molto arduo sintetizzare il poliedrico impegno di
Simon Mossa, laccademico dei Lincei Giovanni Lilliu isola un bel
ritratto delluomo politico: Sembra di poter vedere in lui un eroe romantico di un partito giovane.
Di uno di quelli descritti da Tocqueville: Quando nascono i partiti politici hanno per qualche tempo gli attributi della giovinezza. Nelle loro passioni e nei loro eccessi vi generosit, tensione, dedizione. La politica era indubbiamente
al centro della vita di Simon Mossa. Il suo anelito
verso lindipendentismo nasceva da un interrogativo molto
chiaro: Si chiedeva se lautonomia cos come stata concepita
S sino ad oggi avesse risposto ai desideri dei sardi, riette Bachisio Bandinu. Secondo lantropologo la strada indicata dallintellettuale porta coerentemente a uno stato sardo basato su una forte coscienza linguistica. Concetto su cui insiste il docente Francesco Casula e il leader di Sardigna Natzione Bustianu
Cumpostu.
Ma il carattere marcatamente identitario del pensiero di Simon
Mossa si coglie soprattutto nella sua architettura. A partire dal
Museo delle tradizioni popolari di Nuoro e dalla Escala del cabirol di Alghero, le sue opere riflettono il legame con la cultura sarda, con i suoi materiali, con i suoi luoghi, spiega lo storico dellarchitettura Franco Masala.
Straordinaria la sua attenzione per lambiente: In questo come
in tanti altri aspetti precorreva i tempi, continua Masala. La vertiginosa scalinata che da Capo Caccia porta alle Grotte di Nettuno costruita nel 1954 uno dei primi interventi di valorizzazione di un percorso naturale con finalit turistiche. Il progetto era stato pensato dallarchitetto senza
sconvolgere la parete rocciosa, mimetizzando pietra su pietra,
esaltando lardita verticalit del paesaggio. nella sua Alghero
che lintellettuale coglie le notevoli potenzialit di uno sviluppo turistico sistematico. Era contrario allimprovvisazione e credeva in un coordinamento delle diverse realt territoriali, dice Masala. La volont precorritrice
di realizzare un programma turistico a lungo termine per
la Sardegna, la sua inconfondibile architettura identitaria e sostenibile fatta di archi catalani e latte di calce, portano Simon Mossa al soglio del principe. LAga Khan lo vorr nellequipe dei suoi consulenti per lideazione della Costa Smeralda. Si trattava di un Comitato di Architettura
composto da nomi prestigiosi come Martin, i Busiri Vici, Coulle,
Rohan, Vietti, Rastrella. Il compito di Simon Mossa in questo
gruppo era quello di tradurre in limba il progetto, immettere un
valore aggiunto costituito dai richiami alla tradizione, aggiunge
larchitetto Giovanni Pigozzi, il tutto lontano dai gigantismi
applicati alle coste sarde che nulla hanno a che vedere con il paesaggio dellIsola. Lintellettuale algherese era profondamente contrario al folklore banalizzato
e irridente, al dileggio mediatico della lingua sarda, alla riduzione a macchietta della cultura tradizionale, argomenta lo scrittore Alberto Contu.
Di questo poeta di armonie territoriali, urbanistiche, umane
e politiche, come amava definirlo il leader sardista Mario Melis,
resta ora un documento ordinato.
Un primo passo per comprendere il pensiero frastagliato
di Simon Mossa, per penetrare il suo schietto e ruvido linguaggio
politico, come emerge dalla lettura di una corrispondenza inedita
riscoperta da Federico Francioni. Per individuare la
geografia del suo impegno internazionalista ben descritta da
Giampiero Marras. In fondo Simon Mossa era un po come i
fantaccini della Brigata Sassari nelle giornate del giugno sul Piave , scrive lo storico Manlio Brigaglia: Li caricavano sui camion, e dove gli austriaci aprivano le falle loro si precipitavano a turarle. Lui era cos: appena qualcosa andava storto, subito metteva lingua.



news

13-07-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 13 luglio 2019

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

Archivio news