LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Barrack si ferma ai preliminari
ANTONELLA MANCA
L'Unione Sarda Ed. Olbia Gallura 24-11-2005

Votato l’accordo preventivo, piano da discutere
Tom Barrack ha incassato il primo sì. Forse non quello che
si attendeva all'inizio ma è comunque un primo passo l'approvazione della delibera di intenti.
«Un documento di indirizzo – ha sottolineato l’assessore
all’urbanistica Giovanni Pileri – che ci permette di avviare
un dibattito, che coinvolgerà tutti i soggetti interessati».
Inizia così il lungo iter per l’approvazione del piano di riquali
cazione della capitale del turismo a cinque stelle. Un risultato
diverso da quello che la maggioranza si era proposta all’inizio, ma che ora trova tutti favorevoli. Almeno tra i banchi
della maggioranza.
«Visto l’approfondito esame da parte del Consiglio del progetto
– si legge nella delibera approvata - che ha comportato la necessità di un approfondimento in merito agli aspetti relativi
alla varianti allo strumento urbanistico, al sistema infrastrutturale, alle aree parcheggi, alle ricadute socio-economiche e alla consistenza e destinazione delle aree pubbliche
che rientrano a far parte della stessa pianicazione, si esprime
un preliminare parere favorevole in relazione all’eventualità
di procedere alla definizione di un accordo pubblicoprivato
». La maggioranza, quindi, è d’accordo all’uso del piano Integrato che prevede l’accordo tra l’amministrazione
arzachenese e la Sardegna Resort, la società che fa capo
alla Colony Capital, e che ha presentato il progetto di riquali
cazione. Ma il piano di Tom Barrack non può essere approvato
così come è stato presentato.
«C’è da rivedere il discorso delle aree pubbliche e, soprattutto,
il cantiere nautico», sottolinea il sindaco Pasquale Ragnedda. «Stiamo riconoscendo la validità del Piano –
continua – ma ci proponiamo di esaminare successivamente,
attraverso una conferenza di servizi, l’intero progetto che
permetterà a Porto Cervo di essere più vivibile e apprezzabile».
Nei banchi dell’opposizione non sono invece mancate le critiche.
«Dall’inizio questo è sembrato un investimento immobiliare
piuttosto che un piano di riqualificazione – ha sottolineato
Salvatore Spanu – non per altro si parla di un raddoppio
delle volumetrie». Il piano integrato di Porto Cervo prevede
infatti un nanziamento di 180 milioni di euro e un intervento
di 170 mila metri cubi, 90 di nuove volumetrie. «Non abbiamo
capito sin dall’inizio – ha detto Giovanni Andrea Giagoni,
capogruppo dell’opposizione –l’intento della maggioranza
di portare a tutti i costi il piano in consiglio, visto che non si
collocava all’interno di procedure legislative e normative
corrette. Neanche oggi abbiamo ricevuto la relazione del dirigente
tecnico che metta per iscritto il suo parere favorevole
in merito al piano integrato».
Polemiche anche per la visita di lunedì scorso di Renzo Persico,
presidente del Consiglio di Amministrazione della Sardegna
Resort, e di Franco Carraro, della Smeralda Holding, società
che fanno capo alla Colony Capital.
«Avremmo voluto partecipare anche noi a quell’incontro
e alla formulazione della delibera di intenti che oggi volete
rmare», ha concluso Giagoni.
Una maggioranza più unita che mai ha votato ieri sera nella seduta del Consiglio comunale di Arzachena una delibera di intenti per il Piano integrato di Porto Cervo: in pratica il primo passo verso la stipula di un accordo pubblico-privato.



news

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

11-01-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 11 gennaio 2021

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

Archivio news