LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Caro Galan, con i tagli alla cultura come fa la Regione a programmare?
Andrea Colasio*
Nuova Venezia-Mattino di Padova-Tribuna di Treviso 24-NOV-2005

L'altro giorno, dalla pagine di questo giornale, il Presidente Galan intervenuto nel merito di un incontro tenutosi a Padova con Davide Croff, il Presidente della Biennale. Incontro da me sollecitato perch ritengo che la Biennale, se vuole crescere, debba aprirsi al territorio: Biennale e Mostra del Cinema sono infatti una risorsa per tutto il Veneto. Da quanto poi il Presidente Galan scrive, nel suo ruolo di assessore alla Cultura, vengo a scoprire tutto un mondo sulle politiche e le istituzioni culturali del Veneto. Innanzitutto che la Regione ha un Programma per la cultura comprensivo di tutto ci che accadr in Veneto, da Verona a Venezia, da Oderzo a Vicenza, da Bassano a Jesolo, da Padova a Cortina, da oggi, cos si dice, al 2010! Si ho letto bene: da oggi al 2010!. E s, noi poveri parlamentari di provincia tiriamo a campare; ogni anno dobbiamo difendere il mondo della cultura dai tagli, che di finanziaria in finanziaria, questo governo ha apportato alle risorse per lo spettacolo dal vivo, il famoso FUS, agli investimenti a tutela del nostro patrimonio culturale, al sistema delle soprintendenze, agli Archivi, ai Conservatori, alla stessa Biennale e quindi alla Mostra del Cinema di Venezia.
Invece, in Veneto, estremo baluardo delle politiche per la cultura, non abbiamo solo un Assessore-Presidente, ma una sorta di Gran Pianificatore. Qui non si scherza, si pianifica: fino al 2010. Qui c' il Piano quinquennale: patate, bietole, barbabietole, trattori e cultura. La verit che in questi ultimi anni si discettato di devolution ma sul tema, strategico, delle politiche culturali non si stati in grado
di ripensare i rapporti centro/periferia, ovvero tra stato e governi territoriali, in primis le regioni. Vale per la tutela del patrimonio storico, artistico, archeologico, dove ci si dovuti difendere dal rischio che norme sbagliate, come quelle istitutive della Patrimonio Spa o del silenzio-assenso, comportassero la dismissione di beni culturali espressione della nostra identit territoriale: si pensi solo alla ventilata vendita del Castello Carrarese nel centro storico di Padova, fortunatamente restituito ai padovani. Per non dire del paradosso per cui l'Italia ancora oggi il Paese europeo con le politiche della cultura pi centralizzate: il caso delle politiche di sostegno allo spettacolo dal vivo. Ad onor del vero il centrosinistra, con la riforma del Titolo V, aveva previsto nuove e accresciute competenze regionali in materia. Non certo colpa del Presidente Galan se la legge quadro sullo spettacolo langue a Roma da quasi 5 anni; ma di certo la responsabilit di questo governo e dei suoi Ministri della Cultura.
Il vero problema che con la Legge quadro sullo spettacolo, sollecitata da tutte le Regioni, quindi anche dal Veneto, si proceder con una progressiva regionalizzazione del Fondo Unico dello Spettacolo. Quando si tratter di dividere le risorse le regioni oggi penalizzate non faranno sconti al Veneto, che avendo ben 2 Fondazioni Lirico-Sinfoniche, Fenice ed Arena, che ricevono 32,5 milioni di euro, dovr difendere con forza le sue posizioni. Se si considera poi che il Veneto riceve, senza considerare la Biennale, 40 milioni di euro, e che il taglio al FUS ora pari al 23%, significa che, oggi, non nel 2010, le istituzioni culturali venete riceveranno in meno qualcosa come 9,2 milioni di euro. Dalle Tabelle della Finanziaria, in discussione alla Camera, si ricava agevolmente come le risorse per la cultura siano ancora decrescenti, a dispetto anche degli interventi di Galan: il FUS sceso infatti a 385 milioni di euro, contro i 491 del 2005, mentre per il 2006 ed il 2007 lo si addirittura ridotto a 300 milioni di euro. Il che significa che se Galan non vuole chiudere o ridimensionare drasticamente la produzione culturale in Veneto deve dire con quali risorse integrer il suo bilancio; diversamente per le nostre Fondazioni Liriche, per lo Stabile del Veneto, per le Istituzioni concertistico orchestrali, per la Mostra del Cinema, per le circa 300 tra istituzioni ed associazioni culturali che ricevono risorse dal FUS si annunciano, grazie a questo governo, tempi cupi.
Insomma, Presidente Galan, mi scusi se mi occupo di tali questioni dove Lei si ritiene dominus, e se per farlo incontro persone ed istituzioni del Veneto. Lei pensa al 2010 e pare ritenere che si viva nel migliore dei mondi possibili, io, pi prosaicamente, temo che, se non vi sar un deciso cambio di strategia nelle politiche della cultura, molte prestigiose istituzioni della nostra Regione non vedranno l'alba del 2007. Infine, quanto alla forma, voglio ricordarle che quando si era a scuola assieme, Lei era un giovane e simpatico liberale, torni ad esserlo, avr sempre la mia simpatia e la mia leale collaborazione a favore delle istituzioni culturali del Veneto.


* Responsabile Nazionale Cultura Margherita- Ulivo



news

10-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 10 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

Archivio news