LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Una legge a tutela dei centri di fondazione
F.R.
Secolo d'Italia 24-NOV-2005

Paradossi: l'Italia, centro mondiale del patrimonio artistico e monumentale, si permette di nascondere i suoi tesori negli scantinati museali e ospedalieri. Si tutelano frammenti infinitesimali di scavi archeologici ma si distruggono, con un semplice atto amministrativo, esempi di architettura razionalista nel centro storico di Roma da Teca di Morpurgo che custodiva l'Ara Pacis. Si fanno leggi sui frontalini dei balconi ma s'ignorano le città di Fondazione. Proprio così: nel Paese a più alto tasso europeo di legificazione, regolamentazione, classificazione, catalogazione, quegli esempi urbanistici di architettura razionalista sortì tra gli Anni Venti e Quaranta del XX secolo non compiano nelle normative di tutela nazionale. Si tutelano gli uccelli, le patate, le baie, i pozzi, le borgate, ma non città come Latina e Sestriere, non quartieri-modello tipo Macchia Scantona nel grossetano, Fertilia in provincia di Alghero, l'Eur e il Foro Italico a Roma. La politica degli ultimi 60 anni ha preferito rimuovere quella parte della storia politica e architettonica italiana, censurando per furore ideologico non solo un modello urbanistico ma anche una prospettiva di sviluppo urbano compatibile. E mentre le università di tutto il mondo da almeno tre decenni riscrivono una parte della nostra storia architettonica pubblicando centinaia di libri, l'Italia ha appena cominciato...
Noi ci siamo già messi al lavoro e non da oggi. Già nel 2001 Alleanza nazionale fece approvare una legge in Consiglio regionale del Lazio per la loro valorizzazione. Ora i tempi sono maturi affinchè si possa riaprire questo capitolo della storia con la presentazione di una proposta di legge nazionale che recuperi dall'oblio le città e i nuclei di fondazione. Ed è poi questa, in sostanza, la premessa culturale che sottende al convegno di oggi sul Foro Italico. Un appuntamento con il quale Alleanza nazionale scommette sul proprio futuro attraverso la riscoperta architettonica del recente passato. È stato approntato un disegno di legge nel quale, in virtù del preminente interesse nazionale, la Repubblica promuove la conoscenza, il recupero e la valorizzazione di questo patrimonio architettonico e urbanistico, estendendo l'intervento di tutela anche a livello intemazionale.
Siamo convinti infatti della necessità che l'Unesco tuteli questi esempi di urbanistica razionalista che ha come simbolo Latina, nella proposta designata capitale delle città di Fondazione ma che ha avuto la sua estensione in tutta Italia: da Aosta a Caltanissetta passando attraverso le "rosse" Toscana ed Emilia Romagna, la Calabria, l'Abruzzo, la Campania, la Basilicata, la Sardegna. Insomma, tutte le regioni italiane hanno conosciuto... (anzi misconosciuto) le città di fondazione.
La proposta si prefigge di realizzare iniziative finalizzate al recupero, alla salvaguardia e al restauro del patrimonio edilizio esistente, allo scopo di preservarne l'identità definita dal rapporto con il territorio; la predisposizione di nuove strategie dì sviluppo locale mirate al completamento urbanistico dei progetti originali anche attraverso il ricorso agli interventi di sostituzione edilizia perseguendo contemporaneamente il miglioramento della fruizione; creazione di nuovi insediamenti urbani o elementi di arredo e decoro urbano culturalmente ed esteticamente coerenti con l'architettura tradizionale e razionalista; il disegno di legge punta anche sul rilancio turistico, produttivo ed economico delle aree interessate.
E per supplire al vuoto storiografico in materia, è prevista un'attività di valorizzazione culturale delle città e dei nuclei di fondazione tramite studi a carattere architettonico, storico e antropologico, censimento e catalogazione dei beni culturali, la promozione di eventi, manifestazioni e mostre e potenziamento delle strutture museali già presenti sul territorio.
Sarà forse azzardata come ipotesi: ma sono certo che questo è il primo vero passo culturale e identitario di un'Italia unita e federalista che trova nella valorizzazione delle realtà locali quel filo rosso che le unisce alla memoria storica comune.




news

24-01-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 24 gennaio 2021

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

Archivio news