LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Tutela, tragico finale di partita. Dalla nuova legge restano fuori energia, rumore e parchi
di Valerio Calzolaio
Avvenimenti, 25 nov.-1 dic. 2005








Un mostro di 318 articoli e centinaia di pagine approdato nel Consiglio dei ministri. E potrebbe stravolgere larga parte della legislazione ambientale italiana. In pochi minuti Berlusconi e sodali hanno messo la firma e il testo ha iniziato a far danni istituzionali. Ora devono avere il parere (non vincolante) della conferenza unificata con Regioni e Comuni; s sono inventati un termine di venti giorni (immotivato e irricevibile). Poi devono avere il parere a maggioranza di centrodestra delle commissioni parlamentari; deputati e senatori non emendano n votano le singole norme, sono vincolati ad un'opinione in soli 30 giorni. Poi un nuovo Consiglio dei ministri potrebbe emanare il decreto definitivo, diciamo a met gennaio. Speriamo che non accada, che non si arrivi. Ho cercato di seguire la vicenda passo passo, dedicandovi la rubrica una decina di volte in questi quattro anni. Berlusconi e Matteoli avevano chiesto nel 2001 una delega a riscrivere tutto, ottenendola all'inizio del 2005, dopo aver scelto l'inattivit, nell'attesa. Sono stati autorizzati a predisporre schemi di riordino di sette materie con l'ausilio di una commissione nominata discrezionalmente dal ministro. La commissione stata costretta a lavorare poco e male, amici del ministero lo hanno fatto al suo posto. Hanno preparato cinque schemi con decine di allegati, con discutibili abbinamenti e un clamoroso immotivato vuoto che riguarda le aree protette. Il Parlamento, mentre attendeva senza notizie, ha chiesto di esaminarli uno per volta, una volta arrivati. Allora li hanno cuciti insieme, cos, per ragioni di opportunismo politico. Potremmo trovarci con un'unica legge di centinaia di articoli che, per, non un testo unico (ad esempio, restano fuori energia, rumore, parchi), non un riordino (nelle materie affrontate restano in vigore altri testi), non un coordinamento (mancano definizioni univoche e ordinate, si copiano norme gi in vigore, vi sono innumerevoli disposizioni di dettaglio), non un'integrazione coerente (qui si centralizza l si decentra, qui si liberalizza l si statalizza, ovunque si rinvia ad ulteriori attuazioni governative), non un impegno di organiche politiche concrete (ovviamente mancano disposizioni finanziarie). In breve, sarebbe una controriforma in contrasto con l'Europa, capace solo di aggiungere confusione, lasciare nell'incertezza per anni ogni privato e ogni amministrazione, incrementare conflitti amministrativi e giudiziari. Giunte e parlamentari non sono in grado di bloccarla; intanto possono denunciare il rischio e condizionare il percorso. Innanzitutto Regioni e Comuni: non ci sono le condizioni minime per un esame serio di un "mostro" che espropria competenze e travolge centinaia di leggi, enti, controlli regionali. utile presentare una piattaforma-appello di richieste al governo sul calendario e nel merito della delega, non limitandosi al parere negativo. Lo stesso Parlamento dovrebbe essere investito degli evidenti elementi di incostituzionalit: la delega stata approvata non nel merito ma con la richiesta di fiducia; lo schema di decreto unico viene esaminato durante la sessione finanziaria, in pochi giorni utili, su un testo che non rispetta i principi della delega stessa. Le presidenze delle assemblee parlamentari non hanno nulla da dichiarare? Come pu essere al pi presto coinvolta la Corte costituzionale? I parlamentari della maggioranza (come tutti a fine mandato) possono anteporre un qualche senso dello Stato o, almeno, suggerire un percorso legislativo che coinvolga formalmente i parlamentari della maggioranza e dell'opposizione nella prossima legislatura? Possibile che si debba solo "salvarsi" con i due anni di verifica previsti dalla stessa legge delega, accettando un lungo periodo di indeterminatezza di norme e politiche? E gli stessi vertici dell'Unione colgono la gravit della situazione? Verr promossa una manifestazione a met dicembre contro le nere cronache ambientali del governo Berlusconi, per lo sviluppo sostenibile?



news

13-10-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 13 ottobre 2019

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

Archivio news