LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

(Bari) Museo a S.Pietro occasione perduta.
Nicola Signorile
La Gazzetta del Mezzogiorno, 23-NOV-2005






Deludente progetto del «polo archeologico» della Provincia a Bari Vecchia. Ora si farà un concorso d'architettura?

Siamo proprio sfortunati con i nostri vecchi cocci. Chiuso per lunghi anni il museo archeologico nella sua propria sede di Palazzo Ateneo; naufragato l'incarico a Gae Aulenti per progettare il nuovo museo nel complesso di S. Scolastica, intanto ridotto a deposito; rubati preziosi reperti e ancora oggi, un anno dopo il crimine, non si sa né guanti né quali né se ci sia stata qualche negligenza di funzionari della Provincia. E adesso un discutibile progetto di «polo museale».
La settimana scorsa è stato presentato dalla Amministrazione Provinciale uno studio di fattibilità subito contestato dagli esperti: «Si avverte la mancanza di un archeologo nel gruppo dei progettisti», ha detto Giuseppe Andreassi, il Soprintendente ai Beni archeologici della Puglia. E già questo dovrebbe bastare a convincere il presidente Divella a non proseguire sulla strada intrapresa.
Lo studio di fattibilità, finanziato attraverso l'accordo quadro Stato-Regione, dove-i va-ìn origine definire solo gli interventi di recupero dell'area di piazza S. Pietro. Ma si è pensato di allargarsi al tema del museo, dal momento che a questo uso era stato destinato l'adiacente complesso di S. Scolastica. Dello studio è stata incaricata la Soprintendenza ai Beni Architettonici e per il Paesaggio di Bari e Foggia. Ma, come sì legge nella relazione, il progettista - l'architetto Marcello Benedettelli - ha ritenuto che «la presentazione nello studio di fattibilità del progetto preliminare del nuovo polo museale archeologico possa consentire nel breve termine la definizione di una progettazione definitiva». Chi debba essere incaricato del progetto definitivo non è ancora stato deciso né se attraverso un concorso o se per affidamento diretto.
In ogni caso le scelte di questo studio lievitato a progetto preliminare comprometterebbero l'esito anche di un eventuale concorso. Ciò che è stato mostrato in pubblico è già sufficiente per esprimere un giudizio critico, che è negativo sia considerando il metodo, sia dal punto di vista urbanistico, sia sotto l'aspetto dell'architettura e dei materiali.
Vediamo i punti uno per volta. Il progetto consiste nella ristrutturazione di S. Scolastica e nella nuova costruzione di volumi sull'area degli scavi. Nell'ex convento andrebbero collocati il book-shop, la caffetteria, la sala convegno, la mediateca e alcuni spazi espositivi. Il lavoro di Benedettelli, con la consulenza dell'architetto Giovanni Vincenti e dell'ingegner Antonello Vernale, riduce la questione ad un problema dì barriere per i disabili e non si confronta con i temi culturali che ancora oggi suscita un restauro, quello progettato negli anni Settanta da Angelo Ambrosi e Giuseppe Radicchio, meritevole di ben altra considerazione che non il disprezzo esibito verso l'invadenza del calcestruzzo (ma di questo si dovrà tornare a parlare). Sull'area archeologica sì prevede di realizzare un ingresso secondario, sale espositive su due livelli per circa 1.200 metriquadri, collegate a S. Scolastica attraverso passerelle e corridoi aperti che consentano di vedere l'attività di scavo, e infine un blocco destinato a depositi, servizi tecnici e uffici (quattro livelli), collocato sul margine esterno dell'area, di fronte al porto.
I progettisti sostengono che «la campagna di scavi potrà confermare ovvero modificare l'andamento e il posizionamento dei percorsi e delle altre strutture», tuttavia i risultati già ottenuti con gli scavi appena conclusi non sono tenuti in minima considerazione. Proprio lì dove è stata localizzata la chiesa romanica di S. Pietro Maggiore rimangono collocate le sale espositive, seppur sospese; l'edifìcio con maggiore impatto sul suolo, cioè il deposito con un piano interrato, è previsto proprio dove gli scavi hanno messo in luce diversi strati archeologici, perfettamente leggibili (da manuale per le scuole), fino ai grossi conci delle murature normanne, a circa tre metri dì profondità rispetto al piane dì campagna.
Ad eccezione di questo edificio, «tutte le strutture realizzate saranno di tipo trasparente, delimitate da pareti vetrate opportunamente schermate». Benedettelli dice che una nuova architettura nella città antica non dev'essere mimetica, ma onestamente contemporanea. Perfettamente d'accordo. Ma quando poi ne vediamo l'esito ci appare un padiglione fieristico di ferro e vetro, con una copertura inutilmente strallata, secondo l'erroneo convincimento che così si ottiene un effetto di leggerezza. Mentre è ben noto - basti guardare alle opere di Jean Nouvel - che il vetro ha una sua solidissima matericità, che viene anzi esaltata dalle straordinarie qualità performative, capaci di una invasività percettiva addirittura superiore alla pietra.
Infine, l'inserimento urbanistico. Siamo nel punto in cui è nata la città di Bari e che potrebbe essere, per chi viene dal mare, per chi arriva in porto, il suo miglior luogo
d'ingresso. Anzi lo era, come dimostrano le tracce visibili della porta rinascimentale, emerse con gli scavi. Ma il progetto di Benedettelli al mare volge le spalle con la cieca parete del deposito e apre entrambi gli ingressi sull'interna piazza S. Pietro. È del tutto evidente che invece l'ingresso al museo archeologico debba essere dal mare, anzi proiettato nel porto, magari attraverso un ponte pedonale che arrivi sino alle banchine e al parcheggio degli autobus. Questo almeno nel caso in cui pensiamo ad un museo che debba essere visitato, nel quale il famoso turista o crocerista debba essere naturalmente condotto.
Presunzione del critico? L'idea non è per nulla originale. Anzi è già norma urbanistica del Comune di Bari che i progettisti non dovrebbero ignorare. Nel Piano particolareggiato di Bari Vecchia, infatti, si prevede di realizzare «una passerella pedonale - citiamo alla lettera - che colleghi direttamente, sovrapassando la strada., la Città Vecchia alla zona della Dogana, sfruttando il salto di quota oggi costituito dal complesso di case popolari S. Nicola; anche questo piccolo intervento può servire a rafforzare il rapporto con il flusso turistico dell'area portuale».
Si può dunque costruire un museo con incarichi urbani di tale spessore attraverso un affidamento diretto anziché bandire un importante concorso dì architettura, come giustamente reclama da anni l'Ordine degli architetti? Si può sprecare una così rara occasione per dare qualità architettonica alla città incaricando del progetto quello stesso soprintendente che deve poi controllarlo? Certo non è vietato, ma - come si vede - non ci sembra nemmeno opportuno.



news

26-01-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 26 gennaio 2021

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

Archivio news