LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Spartiti, nastri e lettere al Parco della Musica. Ha aperto al pubblico l'archivio di S. Cecilia
Francesca Giuliani
la Repubblica – Cronaca Roma, 23-NOV-2005





Aperta al Parco della Musica la "bibliomediateca" dell' Accademia. Una biblioteca fatta di note. Volumi rari, spartiti e nastri dell’archivio di Santa Cecilia. Tutti i concerti registrati, 120mila libri e settemila manoscritti oltre 20 mila fotografie

L’INGRESSO è libero, bisogna soltanto registrarsi, prendere una password e poi si può passeggiare fra gli scaffali ancora profumati di nuovo, sedere ai tavoli bianchi e sfogliare le riviste di musica, sistemarsi ad una delle postazioni multimediali e ascoltare in cuffia un concerto di tanti anni fa, un'esecuzione rara, pregiata, di quel direttore d'orchestra memorabile per cui non c'erano più biglietti. È aperta da oggi la nuova Bibliomediateca dell'Accademia di Santa Cecilia, imponente repertorio storico culturale che ha trovato la sua sede in uno spazio luminoso e moderno nei settecento metri quadrati dell'Auditorium-Parco della Musica.
Il contenitore è pregevole: tavoli, scaffali e arredi, nei toni caldi del famoso ciliegio americano di cui sono rivestite le tre sale, sono firmati da Renzo Piano. Il contenuto è inestimabile e di massimo interesse per musicofili, studiosi e studenti ma anche per i semplici appassionati. I depositi, accanto alle sale di lettura e poco più in là nei sotterranei della Sala Santa Cecilia custodiscono oltre 120 mila volumi, tra cui settemila manoscritti, oltre ventimila fotografie e un migliaio di registrazioni di concerti a cui si aggiungono 650 metri quadrati di scaffali aperti. Le postazioni di lettura sono ottanta, l'ingresso lungo il viale che porta alla Cavea, accanto alla libreria.
La bibliomediateca - è una biblioteca ma punta molto sui supporti informatici e audiovisivi, da cui il brutto doppio nome - apre al pubblico per la prima volta i fondi preziosi raccolti lungo i secoli dall'Accademia di Santa Cecilia ed è stata inaugurata ieri da tutte le autorità possibili, segno dello sforzo congiunto in tempi di magra anche per la cultura. Il presidente dell'Accademia, Bruno Cagli ha tagliato il nastro mano nella mano con il sottosegretario alla Presidenza del Consiglio Gianni Letta, seguito da Walter Veltroni ed Enrico Gasbarra oltre al viceministro ai Beni culturali Martusciello e ai dirigenti del Parco della Musica. La Bibliomediateca è nata con il sostegno delle istituzioni pubbliche, dallo Stato che ha contribuito con 250 mila euro alla Provincia (che da oggi è tra i soci dell'Accademia) ma anche dei priva ti come Ibm Italia ed Enel che ha realizzato e coordinato il progetto tecnico fornendo il sistema informativo di gestione dei contenuti.
I supporti informatici consentono piccoli miracoli inimmaginabili nelle grandi strutture della città. Qui non esiste più il modulo di carta per la richiesta e i tempi di consegna saranno al massimo di un quarto d'ora, assicura la direttrice Annalisa Bini. Tutti potranno consultare partiture, documenti sonori che costituiscono l'insieme dei materiali che fanno parte dell'Accademia ceciliana mai ordinati e resi pubblici. Sono i fondi conservati dal 1874 nella biblioteca del conservatorio di Santa Cecilia cui si sono aggiunte le donazioni di direttori e compositori.
Qui non esistono cataloghi cartacei: tutto è su internet ed è consultabile anche dal proprio computer, a casa. Gli utenti possono inviare le richieste o sfogliare con il mouse i manoscritti preziosi, fare domanda per una fotografia di una locandina o di una esecuzione. E tra le chicche si segnalano i carteggi di compositori come Stravinsky, gli spartiti autografi di tanti maestri. Poi c'è l'archivio sonoro che consente, soltanto digitando il nome di un compositore, di visualizzare e ascoltare le esecuzioni avvenute presso l'Accademia nel corso degli anni. Un archivio già sterminato a cui si aggiungerà quello delle registrazioni di Musica per Roma, con tutti i suoi concerti.



news

22-01-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 22 gennaio 2021

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

Archivio news