LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Ponte sullo Stretto, alt in tre mozioni
di Laura Viscardi
ItaliaOggi - 23/11/2005



Rifondazione, Verdi e Carroccio chiedono alla camera anche lo stop al contratto con Impregilo.

Anche la Lega dice no: l'opera non in linea con la legge obiettivo

Sospendere le procedure per la realizzazione del ponte sullo Stretto di Messina, a partire dalla stipula del contratto con la Impregilo spa, vincitrice della gara d'appalto con un ribasso del prezzo a base d'asta del 12,33% . E procedere a una valutazione approfondita sia delle questioni economiche e finanziarie, come l'importo complessivo dell'opera e la redditivit della sua gestione, sia delle presunte situazioni di conflitto d'interesse tra membri del cda della societ Stretto di Messina, incaricata di individuare il general contractor, e le imprese impegnate nella gara d'appalto. E ancora, istituire un Osservatorio che controlli, sin dalla fase progettuale, l'erogazione delle risorse e i flussi di spesa per prevenire le infiltrazioni della criminalit organizzata negli appalti pubblici. Questi i punti fondamentali di tre mozioni, presentate, fra gli altri, da Francesco Giordano (Rifondazione comunista), Alfonso Pecoraio Scanio (Verdi) e Ugo Parolo (Lega Nord) in discussione, in questi giorni, nell'aula di Montecitorio per tentare di bloccare il percorso di costruzione dell'opera, in attesa del risultato delle indagini e delle inchieste aperte dalla magistratura e dell'adeguamento della normativa nazionale ai rilievi mossi da Bruxelles sul fronte delle tutela dell'ambiente. Nel mirino dei tre provvedimenti i costi dell'opera, la Valutazione di impatto ambientale (Via), prevista dalla legge obiettivo e non conforme ai canoni europei, e i danni alla bellezza e alla ricchezza di un paesaggio per il quale stata avanzata all'Unesco la proposta di dichiarare lo stretto patrimonio dell'umanit. Non a caso la Commissione europea, accogliendo i reclami formulati dai Verdi e dalle associazioni ambientaliste, ha contestato al governo italiano, con una lettera di messa in mora, la violazione di due direttive: la direttiva 92/43/Cee sulla conservazione degli uccelli selvatici e la direttiva 79/409/Cee sulla protezione degli habitat delle specie protette. In aggiunta a questi atti, che costituiscono il primo passo per l'apertura di una procedura d'infrazione, la Commissione ha inviato all'Italia un parere motivato relativo a una procedura d'infrazione, gi pendente nei confronti del governo italiano, e relativa alla violazione della direttiva 85/337/Cee sulla procedura europea della via. La procedura semplificata prevista dal decreto di attuazione della legge n. 443/01, meglio nota come legge obiettivo, viola la normativa comunitaria nel punto in cui prevede la discrezionalit del ministro dell'ambiente nel disporre l'integrazione e l'aggiornamento della valutazione di impatto ambientale nei casi in cui il progetto definitivo di un'opera sia modificato rispetto al preliminare. Passaggio, questo, che dovrebbe essere secondo la Commissione sempre obbligatorio nell'ipotesi di modifica del progetto preliminare e, non gi, rimesso alla discrezionalit del ministro dell'ambiente. Il capitolo costi rappresenta, per i promotori delle mozioni, un altro ostacolo alla realizzazione del ponte. Sono stati sottostimati i costi delle materie prime e, al contrario, per far quadrare i conti il traffico previsto stato sovradimensionato. Dal testo delle mozioni risulta che l'acciaio, che costituisce il 50% del costo dell'opera, ha subito un aumento negli ultimi anni dell'80% mentre le previsioni di crescita del traffico da sponda a sponda sono state innalzate sino al 2,5% contro l'attuale 1,7% a dispetto della diminuzione del 6% del passaggio di Tir e dell'8% del passaggio di auto. Dati che denotano un andamento decrescente del traffico lungo lo stretto di Messina e a farne le spese saranno le casse pubbliche. In particolare, il finanziamento dell'opera coperto per il 41% dalla societ stretto di Messina, di cui il 53% Fintecna, la rimanente quota divisa tra Anas, Rete ferroviaria e regioni Sicilia e Calabria, il restante 59% dovrebbe essere raccolto sul mercato internazionale con il sistema del project financing ma, in caso di discrepanze, queste somme saranno a carico pubblico.
Altri impedimenti al progetto sul ponte dello stretto di Messina provengono dal versante dei controlli giudiziari. La magistratura di Monza ha aperto, infatti, un'inchiesta sulla trasparenza della gara per l'assegnazione dell'appalto; il tribunale di Roma ha avviato un'indagine per falso in atto pubblico e abuso d'ufficio, con tre indagati fra cui il referente della commissione speciale per la via e, infine, la procura nazionale antimafia ha avviato un'indagine sulle possibili infiltrazioni della criminalit organizzata negli appalti.



news

13-10-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 13 ottobre 2019

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

Archivio news