LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Cagliari. Sant'Elia, finalmente gi i casermoni
Alessandra Sallemi
La Nuova Sardegna 23 /11/2005

CAGLIARI. Buttare gi i palazzoni popolari di Sant'Elia e costruire qualcosa di meglio per gli abitanti si pu fare. Come, si sapr a marzo quando verr presentato lo studio di fattibilit commissionato dalla giunta regionale dopo che mesi orsono la stessa giunta aveva ottenuto dal Cipe 800 mila euro per studiarci sopra. Un tab che crolla, l'intoccabilit dei palazzoni, brutti da sempre e sotto accusa da qualche anno, in particolare ogni volta in cui si dibattuto sull'esclusione sociale che affligge Sant'Elia dall'origine e che tanta parte ha nella moltiplicazione dei disagi privati. La qualit dell'abitare ha un suo peso nella vita degli individui e, non per caso, il dibattito sui disordini nella cintura parigina viene affrontato anche da architetti di fama i quali puntano il dito sulla cattiva progettazione delle periferie. Tornando a Sant'Elia, c' anche la speranza che la fattibilit non resti sulla carta: nella legge finanziaria regionale 30 milioni di euro potrebbero essere destinati a Sant'Elia.
Ne hanno parlato ieri mattina il presidente della giunta regionale Renato Soru e il sindaco di Cagliari Emilio Floris in un incontro promosso per valutare gli ultimi passaggi di un protocollo d'intesa sul museo della civilt dei sardi che, secondo un'idea, dovrebbe essere costruito nella vecchia darsena del porto e, secondo un'altra, invece, a Sant'Elia, quartiere ghetto finalmente al centro delle migliori intenzioni. L'ipotesi di buttare gi i palazzoni nella volont della giunta regionale si accompagna a un profondo ripensamento delle scelte urbanistiche sul tema case popolari. Nei paesi, infatti, si vorrebbe inserire l'abitazione popolare in centro, in edifici gi costruiti che potrebbero essere acquistati dallo Iacp, ristrutturati e consegnati alle famiglie delle graduatorie. Nelle citt si dovrebbero valutare la storia degli insediamenti e gli eventuali disagi sorti nel tempo per decidere cosa fare. Su Sant'Elia c' un'idea chiara: non c' modo di rimediare al-l'invivibilit provocata da quei palazzoni, bisogna buttarli gi e costruire edifici, magari in altri quartieri della citt alla ricerca di un amalgama e non di una separazione. La fattibilit dell'intera operazione da mesi in corso di valutazione, i risultati saranno presentati ufficialmente a marzo, l'ipotesi prender forza se passer l'articolo della legge finanziaria regionale dove si stanzieranno 70 milioni di euro per la politica della casa, 50 dei quali indirizzati sulle aree urbane e 30 tutti per Sant'Elia. Ma gi un passaggio destinato a creare interesse l'ipotesi di far sparire i casermoni considerati alla stregua di una barriera architettonica che ostacola ogni giorno tutti gli abitanti del quartiere. Costruiti negli anni Settanta su un modello che, neppure allora, era fuori luogo definire sovietico, nel tempo sono stati oggetto all'inizio di un imbarazzato silenzio da parte della sinistra e, con l'andare degli anni e la moltiplicazione dei problemi, di critiche destinate a infrangersi su un'evidenza: ormai c'erano e bisognava sopportarli. Non c' dubbio che la bruttezza dei palazzi e la concezione che li aveva ispirati sono stati un'ottima scusa, in seguito, per evitare interventi capaci comunque di migliorarli: niente verde condominiale, niente verde in piazza, nessuna attenzione per arredare il quartiere, nessun impegno per dare luce al quartiere con una scelta accurata delle illuminazioni, niente vita sociale e culturale. Su questo ultimo fronte trov una soluzione brillante la giunta Delogu con la ristrutturazione del Lazzaretto, il sindaco Floris ieri mattina ha indicato la strada che il Comune ha deciso di seguire e che ben si sposa con l'azione della Regione. Il Comune ha dichiarato il sindaco all'agenzia Agi sta investendo circa 20 milioni di euro per trasformare il vecchio ed il nuovo borgo in una realt viva ed integrata. La prima condizione per fare questo creare spazi sociali e fisici che colleghino in maniera pi stretta il quartiere al resto della citt, a partire dal lungomare che va da Su Siccu a Sant'Elia. Floris ha detto anche che il primo progetto, gi in fase di attuazione, prevede una strada di accesso al quartiere che si snoda dal parcheggio 'cuore', all'altezza del canale di San Bartolomeo, sino a via Schiavazzi. Il secondo passo la creazione di un porto per i pescherecci con annesse strutture per attivit produttive (ristorazione, artigianato e per la conservazione del pesce), in modo tale da creare op-portunit di nuova occupazione. In questo caso si tratta di spendere 5 milioni di euro a cui si aggiungono i 10 milioni del contratto di quartiere che sta per partire. Altri 700 mila euro saranno utilizzati per realizzare un percorso, pedonale e ciclabile, archeologico-naturalistico sulla Sella del Diavolo, partendo dalla passeggiata sul lungomare che dal molo Ichnusa porta a Sant'Elia, sino a Calamosca, con la ristrutturazione del fortino di Sant'Ignazio.



news

03-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 3 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

Archivio news