LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

enti di previdenza - Immobili pubblici gestiti a perdere
di Antonio G. Paladino
ItaliaOggi - Pubblica Amministrazione 22/11/2005



La relazione della commissione parlamentare di controllo sulla gestione degli enti di previdenza.







Case occupate senza titolo o affittate a prezzi fuori mercato

Sugli immobili degli enti previdenziali, sia quelli pubblici sia privatizzati, c' ancora molto da fare. Da un lato molti degli immobili degli istituti di previdenza pubblici sono occupati addirittura sine titulo, mentre altri sono locati a prezzi notevolmente inferiori a quelli di mercato e altri invece lasciati deprezzare in quanto sono del tutto inesistenti gli interventi di manutenzione che difenderebbero il reale valore di mercato. Sul fronte degli enti privatizzati invece, si vede qualche spiraglio, soprattutto si intravede un cambio di direzione che va verso una presa d'atto' della necessit di passare da una gestione statica' a una gestione dinamica', finalizzata a incrementare il valore del patrimonio immobiliare.
quanto emerge da una recente relazione della commissione parlamentare di controllo sull'attivit degli enti gestori di forme obbligatorie di previdenza e assistenza sociale, che ha avuto come oggetto la valenza, la gestione e la dismissione del patrimonio immobiliare degli enti pubblici e privatizzati, trasmessa alla presidenza delle camere lo scorso 10 novembre e da poco resa nota sul sito internet istituzionale www.camera.it.

E la commissione non le ha certo mandate a dire. Si accertata l'elevata consistenza dei patrimoni immobiliari di propriet degli enti pubblici alla quale nel corso di questi anni corrisposta un'inefficiente politica di gestione'. Accade infatti che molti degli immobili degli enti pubblici sono risultati occupati sine titulo', altri sono locati invece a prezzi di molto inferiori' a quelli di mercato e, a chiudere il cerchio, la quasi totalit degli immobili risultata priva di un'adeguata manutenzione, con ovvi riflessi che questo comporta sul loro prezzo di mercato. Addirittura, si osserva, in molti casi stato accertato che i costi di gestione di tale patrimonio da parte degli enti pubblici sono risultati superiori alla redditivit dello stesso, mentre in altri casi la redditivit di tali beni immobili si presentava inadeguata' rispetto al valore degli stessi e al rendimento che si auspicava.

Sul piano delle operazioni di cartolarizzazione, avviate con la legge n. 410 del 2001 attraverso le operazioni Scip 1 e Scip 2, la commissione promuove la prima e rimanda la seconda. Scip 1 infatti ha permesso la quasi totale dismissione' degli immobili a essa trasferiti, con un ritorno agli enti proprietari di significative disponibilit liquide'. Scip 2, che invece ha riguardato anche la cartolarizzazione di immobili di propriet dello stato, essendo tuttora in corso non permette una piena valutazione, dovendo altres ammettere che la stessa ha subito dei rallentamenti rispetto ai tempi che si prevedevano avendo portato alla vendita di circa 18.200 unit immobiliari su 62.900 circa previsti dal business plan.

Il comune denominatore della dismissione degli immobili pubblici, si legge nella relazione, come risulta dalle audizioni dei rappresentanti di governo, quello di contribuire alla progressiva riduzione del debito pubblico, attraverso la razionalizzazione della gestione del patrimonio dello stato. Infatti, si sottolineato che tuttora il costo medio per la detenzione degli immobili pubblici, soprattutto quelli definiti strumentali degli enti previdenziali, piuttosto elevato, si parla di cifre che oscillano intorno al 10% del relativo valore di mercato; quindi un'incidenza elevata che permette di non ritenere ancora conveniente tenere nel bilancio della pubblica amministrazione tali immobili.

Anche i cosiddetti immobili dichiarati di pregio cadono sotto la lente della commissione. Per questi, si condivide l'orientamento governativo contrario all'abolizione di tale concetto che comporterebbe esclusivamente una vendita sottocosto di tutti gli immobili dichiarati tali', il che andrebbe a danno sia dell'erario sia di tutti i contribuenti, in quanto si dovrebbe indennizzare la Scip dei minori introiti realizzati.

Sul versante degli enti privatizzati, la commissione osserva che avvenuto un cambio di mentalit'. Adesso infatti si preso atto che occorre passare da una gestione statica' del ben a una pi dinamica', che valorizzi il patrimonio immobiliare nel suo complesso, e questo, si sottolinea, anche dovuto al risultato delle proiezioni che prefigurano una situazione prossima in cui le sole contribuzioni degli iscritti non saranno sufficienti a pagare le prestazioni previdenziali.



news

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

25-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news