LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Taranto, buco nel bilancio comunale in vendita scuole e impianti sportivi
la Repubblica on line 22-11-2005

TARANTO - I conti non tornano: circa 43 milioni di euro di deficit solo nel 2004, ai quali ci sarebbero da aggiungere i debiti pregressi rivenienti da amministrazioni precedenti. In tutto fanno, certificazione alla mano, circa 148 milioni di 'buco'. Cos il Comune di Taranto, a parte un piano di razionalizzazione della spesa approvato subito dopo l'estate con la dismissione di quote in societ partecipate, ha deciso di vendere i suoi 'gioielli' e anche qualcosa di pi per coprire il disavanzo.

L'ok arrivato la scorsa notte dal consiglio comunale fra mille polemiche. La maggioranza di centrodestra, guidata dal sindaco, Rossana Di Bello, ha approvato un piano di cartolarizzazione dei beni comunali che l'opposizione di centrosinistra ha osteggiato e criticato con forza. Via dunque alloggi, terreni (mandorleti e uliveti soprattutto), ma anche impianti sportivi, mercati e anche un paio di scuole. Il tutto ha un valore di mercato di 280 milioni, ma dalla vendita di questi beni il Comune in realt spera di ricavare qualcosa come 143 milioni.

Di questi, 25 vanno subito restituiti alla Banca Opi-Gruppo San Paolo, che li ha anticipati proprio in vista della cartolarizzazione. Dunque, resterebbero nelle casse 118 milioni, quanto basta per tamponare in maniera consistente il 'buco' finanziario. Cos dalla mappa dei beni comunali scompariranno ad esempio il Campo scuola di atletica leggera, il Palazzetto Ricciardi, la piscina comunale al quartiere Salinella (prima ancora che venga costruita), il vecchio mercato rionale di piazza Icco, e anche due scuole: una storica, il Circolo didattico 'Giusti' al rione Tambur, e una pi recente, l'istituto comprensivo 'Frascolla' nella frazione di Lama.

Per l'assessore ai rapporti istituzionali, coordinamento e programmazione, Umberto Ingrosso (Partito dei moderati), "parlare di operazioni virtuali, come afferma l'opposizione, falso". "Noi - spiega - abbiamo deciso di mettere in vendita solo quei beni che al Comune creavano problemi e povert e nessuna ricchezza. In tutto, ci costavano otto milioni di euro all'anno solo di manutenzione e incassavamo qualcosa come 700 mila euro. Non venderemo i palazzi di pregio che abbiamo ristrutturato e che, come Palazzo Woityla, ospiteranno sedi universitarie".

"Buc coperto? Macche", almeno secondo l'opposizione di centrosinistra. "Sono operazioni di cassa puramente virtuali" afferma l'ex candidato sindaco dell'Unione, Ludovico Vico, a nome della coalizione. Perch secondo il centrosinistra il Comune avrebbe un debito complessivo di 860 milioni di euro, la met del quale contratto negli ultimi cinque anni di amministrazione di centrodestra, sindaco Di Bello, riconfermato il 3 aprile scorso.

Numeri da far impazzire i tecnici, forse compresi anche i periti ai quali la procura della Repubblica ha affidato l'incarico di fare chiarezza su quei conti dopo un esposto presentato da 14 consiglieri comunali di opposizione.



news

13-10-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 13 ottobre 2019

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

Archivio news