LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Sardegna. La Sella del Diavolo all'Unione europea
La Nuova Sardegna 19/11/2005

CAGLIARI. La Sella del Diavolo è all'esame della Commissione Europea ed entro febbraio si saprà se il promontorio diventerà un parco finanziato dall'Ue su richiesta della Provincia che ha messo allo stesso tavolo militari, ambientalisti e il Comune, lo stesso dove, anni fa, quando guardavano la Sella si facevano venire in mente funivie e ristoranti sulla sommità. Se passerà il progetto della Provincia la Sella del Diavolo sarà un parco naturale e archeologico in cui i militari lasceranno il passo ai visitatori come già ora avviene, d'altronde, ma non in modo organizzato e con limitazioni tuttora visibili. Nelle intenzioni di Provincia e soci c'è anche quella di mettere un cappello sopra la sedia, se un giorno i militari se ne andranno.
«Per la prima volta — spiega Piero Comandini assessore alle attività produttive — militari e ambientalisti hanno lavorato a un progetto comune e, con noi, partner ci sono la provincia di Palermo e una provincia greca: la comunanza dei progetti sta nel fatto che anche in altre regioni del Mediterraneo si è guardato a luoghi di proprietà militare che potrebbero anche essere dismessi ma che i militari, già da ora, non hanno avuto difficoltà ad aprire ai cittadini».
A proposito di «prime volte», Comandini ci tiene a sottolineare un altro passaggio: «Gli enti hanno pensato alla valorizzazione di un'area militare che naturalmente dovrà tornare alla collettività». Il progetto Life natura ha due scopi: preservare il promontorio e facilitare l'accesso dei cittadini. Facilitare non significa spianare strade sui fianchi del colle ma tenere puliti i percorsi, marcare i percorsi e allestire un punto ristoro minimo, naturalmente non sulla sommità che non è vasta ma riesce a contenere una macchia mediterranea bellissima, i resti di un tempio punico dedicato ad Astarte, quelli di un monastero benedettino, i fortini di avvistamento della seconda guerra mondiale, una cisterna punica scavata nella roccia di 27 metri, i resti di una strada punico-romana dove si notano le impronte dei carri e, poco sotto, il pozzetto punico sotto il quale arrivavano i naviganti a prelevare acqua dolce e che ha dato il nome all'intera spiaggia, appunto, Poetto. Di recente l'università di Cagliari ha promosso scavi vicino al luogo dove era stato rinvenuto un frontone del tempio di Astarte, edificio realmente esistito e di cui non c'è quasi più traccia perché vi sorse sopra un monastero cristiano. Lo scavo darà conto delle sovrapposizioni e certo rappresenterà un'ulteriore attrattiva. La macchia mediterranea ha agavi di svariati metri e un timo particolarmente odoroso. I primi a segnare la strada della collaborazione coi militari sono stati gli ambientalisti di Gruppo di intervento giuridico e Amici della Terra, ora inseriti nel progetto, che già da qualche anno hanno marcato i sentieri con segni di colore grigio-verde di tintura naturale. Il successo delle visite guidate tenute gratuitamente dai due gruppi ambientalisti ha dimostrato l'opportunità di un recupero totale alla collettività della Sella.



news

24-01-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 24 gennaio 2021

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

Archivio news