LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Gi le mani della politica dagli istituti storici. La denuncia del medievista Girolamo Arnaldi sul nuovo regolamento approvato dal governo
Antonio Canori
Corriere della Sera, 20 novembre 2005

Sono forse la persona che pi ha insistito per la riforma degli istituti storici, ma ora temo che ne derivi una pesante ingerenza del potere politico nell'attivit di questi organismi. Il professor Girolamo Arnaldi, presidente dell'Istituto storico italiano per il Medioevo dal 1982 al 2001, non nasconde la sua preoccupazione per il regolamento approvato dal Consiglio dei ministri il 14 ottobre scorso.
Il testo spiega Arnaldi riordina la Giunta centrale per gli studi storici e gli istituti storici, intro-ducendo precise scadenze per le nomine dei loro dirigenti, che finora non avevano termine di mandato. Essi continueranno per ad essere designati dall'alto: del resto inevitabile per istituzioni prive di base associativa. Come evitare allora che il governo piazzi al vertice studiosi vicini al suo orientamento ideologico? Il ministro Antonio Martino aveva in precedenza proposto un meccanismo utile a evitare simili rischi. La Giunta o i vari istituti avrebbero dovuto formulare delle rose di tre nomi, nel cui ambito poi il ministro dei Beni culturali avrebbe effettuato le singole scelte. Purtroppo nel testo approvato in ottobre il sistema delle terne previsto solo per poche cariche, mentre escluso per le nomine dei direttori d'istituto, le pi delicate, che sono quindi lasciate a una totale discrezione ministeriale.
Ma c' di peggio: L'articolo 9 del regolamento denuncia Arnaldi . dispone che tutti coloro che ricoprono cariche nella Giunta e negli istituti decadano alla fine del 2005. Cosi il governo si assicura la possibilit di nominare per intero i nuovi organi direttivi prima delle elezioni. legittimo il sospetto che il suo obiettivo sia condizionare politicamente gli studi storici, come non mai avvenuto neppure in epoca fascista. Alcuni per avanzano il dubbio che il sistema degli istituti storici, regolato dalla legge del 1934 che istitu la Giunta centrale, non abbia oggi pi molto senso, visto che si assai ridotto il suo precedente contributo alla formazione dei giovani studiosi. In realt replica Arnaldi gli istituti svolgono tuttora un ruolo prezioso, ad esempio per quanto riguarda l'edizione delle fonti stori-che nazionali. Chi altro pubblicherebbe mai voluminose raccolte integrali di iscrizioni antiche o di pergamene medievali? Senza contare che gli istituti producono anche monografie specialistiche di valore (penso per esempio a un recente lavoro sugli esuli politici nell'Italia dei secoli XIII e XIV), che non interessano le case editrici commerciali. Di certo il sistema va cambiato, deve diventare una rete, coordinata dalla Giunta centrale, che consenta di utilizzare meglio le risorse. Ma proprio su questo il regolamento governativo del tutto carente. In compenso contiene contraddizioni che lo renderanno probabilmente inapplicabile, come ha avvertito a suo tempo, senza trovare ascolto, il Consiglio di Stato.



news

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

25-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news