LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Gi le mani della politica dagli istituti storici. La denuncia del medievista Girolamo Arnaldi sul nuovo regolamento approvato dal governo
Antonio Canori
Corriere della Sera, 20 novembre 2005

Sono forse la persona che pi ha insistito per la riforma degli istituti storici, ma ora temo che ne derivi una pesante ingerenza del potere politico nell'attivit di questi organismi. Il professor Girolamo Arnaldi, presidente dell'Istituto storico italiano per il Medioevo dal 1982 al 2001, non nasconde la sua preoccupazione per il regolamento approvato dal Consiglio dei ministri il 14 ottobre scorso.
Il testo spiega Arnaldi riordina la Giunta centrale per gli studi storici e gli istituti storici, intro-ducendo precise scadenze per le nomine dei loro dirigenti, che finora non avevano termine di mandato. Essi continueranno per ad essere designati dall'alto: del resto inevitabile per istituzioni prive di base associativa. Come evitare allora che il governo piazzi al vertice studiosi vicini al suo orientamento ideologico? Il ministro Antonio Martino aveva in precedenza proposto un meccanismo utile a evitare simili rischi. La Giunta o i vari istituti avrebbero dovuto formulare delle rose di tre nomi, nel cui ambito poi il ministro dei Beni culturali avrebbe effettuato le singole scelte. Purtroppo nel testo approvato in ottobre il sistema delle terne previsto solo per poche cariche, mentre escluso per le nomine dei direttori d'istituto, le pi delicate, che sono quindi lasciate a una totale discrezione ministeriale.
Ma c' di peggio: L'articolo 9 del regolamento denuncia Arnaldi . dispone che tutti coloro che ricoprono cariche nella Giunta e negli istituti decadano alla fine del 2005. Cosi il governo si assicura la possibilit di nominare per intero i nuovi organi direttivi prima delle elezioni. legittimo il sospetto che il suo obiettivo sia condizionare politicamente gli studi storici, come non mai avvenuto neppure in epoca fascista. Alcuni per avanzano il dubbio che il sistema degli istituti storici, regolato dalla legge del 1934 che istitu la Giunta centrale, non abbia oggi pi molto senso, visto che si assai ridotto il suo precedente contributo alla formazione dei giovani studiosi. In realt replica Arnaldi gli istituti svolgono tuttora un ruolo prezioso, ad esempio per quanto riguarda l'edizione delle fonti stori-che nazionali. Chi altro pubblicherebbe mai voluminose raccolte integrali di iscrizioni antiche o di pergamene medievali? Senza contare che gli istituti producono anche monografie specialistiche di valore (penso per esempio a un recente lavoro sugli esuli politici nell'Italia dei secoli XIII e XIV), che non interessano le case editrici commerciali. Di certo il sistema va cambiato, deve diventare una rete, coordinata dalla Giunta centrale, che consenta di utilizzare meglio le risorse. Ma proprio su questo il regolamento governativo del tutto carente. In compenso contiene contraddizioni che lo renderanno probabilmente inapplicabile, come ha avvertito a suo tempo, senza trovare ascolto, il Consiglio di Stato.



news

18-10-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 ottobre 2019

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

Archivio news