LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Non solo castelli e cattedrali ecco l'altra Puglia da salvare
Antonio di Giacomo
Repubblica Bari, 19 novembre 2005

I risultati di un censimento del Politecnico ordinato dal ministero per i Beni culturali e durato un paio d'anni
Franchetti Pardo: "Tra le 52 opere segnalate anche il Cto a Bari,
borgo Incoronata e il cimitero di Parabita"


MEZZO secolo di architetture da sottrarre all'oblio. O meglio, all'illusione che appartengano all'ovvietà del patrimonio urbanistico contemporaneo pugliese. Perché accanto ai capolavori architettonici di tutti i tempi, quelli cioè su cui nessuno si azzarderebbe a discutere — per citare un paio di esempi: dal sistema castellare federiciano alla vertiginosa austerità delle cattedrali romaniche — c'è qualco-s'altro che merita tutela. E che forse, per quanto paradossale possa sembrare, domanda innanzitutto un'acquisizione di consapevolezza. La posta in gioco, insomma, coincide con quelli che potremmo definire i gioielli architettonici della strada accanto. Cioè quei manufatti sorti nella seconda metà del Novecento che contrappuntano il disegno urbanistico delle città e del territorio pugliesi e che, guarda caso, fanno parte del nostro abituale quotidiano.
«In Puglia, come nel resto d'Italia — spiega l'architetto Alessandro Franchetti Pardo — esiste un patrimonio di opere architettoniche da tutelare, secondo alcuni caratteri che ne fanno realizzazioni di eccellenza. Guardando al caso pugliese, per esempio, dove l'architettura è caratterizzata da un carattere murario e fortemente organico, legato alla matericità e alla pesantezza della pietra, si possono riconoscere realizzazione architettoniche contemporanee basate proprio su questi principi. Opere che ereditano una tradizione culturale consolidata che è propria della Puglia, come delle altre terre del Mediterraneo». Da qui il programma di indagine sul patrimonio di architettura contemporanea in Puglia e Basilicata: a tutti gli effetti un censimento fra città e territorio condotto dall'Icar (dipartimento di Scienze dell'ingegneria civile e dell'architettura) del Politecnico di Bari e condotto da Franchetti Pardo sotto il coordinamento di Giuseppe Strappa.
Durato circa un paio d'anni, il lavoro di ricognizione dell'Icar ha portato all'individuazione e schedatura, fra Puglia e Basilicata, di un centinaio di opere architettoniche riconosciute, a diverso titolo, di rilevanza regionale e nazionale. L'indagine ha catalogato 52 realizzazioni in Puglia (di cui 23 di maggiore importanza e 19 con un impatto limitato al contesto locale). Commissionato dalla Dare (acronimo di Direzione generale per l'arte e l'archi-tettura contemporanee del mini-stero per i Beni culturali), il censi-mento rappresenta così, e non senza sorprese, un punto di partenza per le azioni di conoscenza e salvaguardia di questo patrimonio.
Dall'indagine dell'Icar, del resto, accanto a già discussi e riconosciuti esempi architettonici dei giorni nostri — valgano per tutti i casi dello stadio San Nicola a Bari, progettato da Renzo Piano, e della concattedrale di Taranto, disegnata da Giò Ponti — spuntano fuori imprevisti casi di eccellenza. Come il Cto, il Centro traumatologico ospedaliero del capoluogo di regione, edificato su progetto di Giuseppe Samonà. O ancora, a pochi chilometri da Bari, l'ingresso monumentale del complesso residenziale Barialto (una realizzazione di Aldo Rossi). Mentre, sconfinando a Sud, verso il Salento, assolutamente esemplare è il tesoro custodito dalla piccola cittadella di Parabita: il suo cimitero monumentale, edificato su progetto di Alessandro Anselmi e Paola Chiatante (tra il 1967 e il 1977). «Senza tema di smentita — assicura Franchetti Pardo — è una delle maggiori opere del dopoguerra a essere state realizzate in Puglia. Un esempio lampante di quanto dicevo poc'anzi, parlando del legame che certa architettura ha saputo mantenere con il carattere murario e organico del paesaggio architettonico del territorio. Non senza, come proprio in questo caso, una ricerca sull'aggiornamento delle tecniche costruttive e, al tempo stesso, un tangibile impegno nel recupero della storia».
Se il cimitero monumentale di Parabita versa tutto sommato in discrete condizioni di conservazione, al pari della chiesa del borgo dell'Incoronata (in Capitanata), vi sono casi che chiedono repentini interventi di tutela e recupero. «Penso al Cto di Bari, in avanzato stato di degrado — suggerisce Franchetti Pardo — ma soprattutto al quartiere dell'Ina Casa a Cerignola, costruito nei primi anni Cinquanta da Mario Ridolfi, tra i più grandi architetti italiani del Novecento. Si tratta di un quartiere residenziale per operai e braccianti agricoli che testimonia la profonda ricerca sull'abitazione, oggi spesso negletti in aderenza ai dettami della tradizione. Basti pensare che i tipi edilizi presenti nel quartiere dell'Ina Casa sono stati il frutto di ricerche effettuate da Ridolfi stesso per il Cnr».
Restando in tema di contemporaneità: se le archeologie industriali sono state ormai sdoganate e il dibattito sul loro recupero è all'ordine del giorno, abbastanza in salita è la strada per la salvaguardia del patrimonio architettonico contemporaneo pugliese (e non solo). «Tuttavia, e in maniera del tutto inattesa — dice Franchetti Pardo — sono i cittadini a manifestare il loro spontaneo interesse per la tutela delle opere architettoniche delle proprie città. A Cerignola sta nascendo un'associazione per la salvaguardia del quartiere dell'Ina Casa. Un'esperienza che, è soltanto auspicabile, potrebbe essere gemmata, per via altrettanto spontanea, ma con l'imprescindibile ausilio delle università sotto l'egida del ministero per i Beni e le attività culturali, a Bari per il Cto e altrove per quel moltissimo, che in Puglia e nel resto d'Italia, aspetto solo di essere riscoperto e messo sotto tutela».



news

11-01-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 11 gennaio 2021

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

Archivio news