LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Valorizzare il bello non un optional, un dovere
Michela Ravalico
Finanza Mercati, 19 novembre 2005

DIFESA DEL PATRIMONIO ARTISTICO LE IMPRESE CHIAMATE A RACCOLTA DAL FAI

Giulia Maria Crespi, presidente del Fondo per l'ambiente italiano, chiede aiuto alle aziende: L'arte non solo benessere spirituale anche una virtuosa leva che serve al rilancio dell'economia

Giulia Maria Mozzoni Crespi, fondatrice storica del Fai, ha riunito ieri nella sua splendida dimora milanese tutti i giornalisti delle principali testate economi-che finanziarie per lanciare un appello forte e sentito al mondo delle imprese italiano. Abbiamo bisogno di finanze per mandare avanti il nostro lavoro - ha spiegato la presidente del Fondo per l'ambiente italiano - Questo momento di grande crisi offre al Paese la possibilit di ripensare dove investire risorse e energie. L'ambiente, il paesaggio, l'arte e la cultura, al di l del loro valore etico e spirituale, sono ima grande occasione di crescita economica per tutti. Prima di lasciare la parola all'amministratore delegato culturale del Fai Marco Magnifico, che ha illustrato i risultati della imponente ristrutturazione della villa Gregoriana di Tivoli, la presidente Crespi ha voluto precisare anche un'altra grande virt degli investimenti nella cultura: Investire capitali nel rilancio di un monumento non un'attivit a perdere, questo deve essere chiaro a tutti. Attorno a una villa restaurata o a un parco bonificato si crea un microindotto che pu fare da leva per la ripresa economica anche di regioni o province dimenticate e in difficolt. Due gli esempi portati per chiarire le parole della signora Crespi, n via libera al progetto di restauro di un mulino seicentesco nella alta Val Brembana e la riapertura della villa Gregoriana di Tivoli, che dopo anni di incuria stata riconsegnata agli abitanti della cittadina laziale e ai turisti in tutta la sua ottocentesca bellezza. Per trasmettere l'importanza di questo appello, il Fai si messo a nudo e per la prima volta ha mostrato il bilancio annuale di gestione. Un'operazione trasparenza che esprime la volont ferrea dei suoi dirigenti di mettersi in gioco e di chiedere altrettanto
impegno a chi vorr buttarsi in questa avventura per la valorizzazione del bello. Il bilancio al 31 dicembre 2004 stato chiuso con un avanzo di esercizio di 29.977 euro. Un dato positivo che per non deve trarre in inganno, n Fai, come fondazione senza scopo di lucro, molto attenta nella gestione delle risorse ed evita di bruciarsi con operazioni rischiose quel fondo di cassa che ha con fatica accumulato negli anni. Per avere le spalle sempre coperte, insomma, preferisce non fare, piuttosto che fare troppo. La chiusura in attivo, dunque, ancora di pi un segnale di bisogno di finanziamenti. Uno dei programmi lanciati dal Fai per allargare il ventaglio dei sottoscrittori Corporate Golden Donors. Un programma ad hoc per piccole e medie imprese che possono associarsi al Fai versando 2.800 euro all'anno (completamente deducibili). Tramite il Corporate Golden Donors, e la campagna porta a porta in tutte le provice d'Italia (il Fai vanta lmila iscritti e conta di arrivare a lOOmila entro la fine del 2007), la fondazione conta di raccogliere, tra il 2005 e il 2007, venti milioni di euro. Questi denari saranno utilizzati per iniziare (o portare a termine) gli interventi per palazzo e torre Campateli! a San Gimignano (Siena), villa dei Vescovi a Luvignano (Padova), casa Necchi Campiglio a Milano, il mulino di Baresi (Bergamo) e le batterie Tahnone a Palau (Sassari). Un ultimo desiderio? Pi che un desiderio, una speranza. Che in futuro non sia pi il Fai a bussare alle porte di banche, aziende e societ (porte tante volte sbarrate o sbattute in faccia) per fare la questua, ma che siano le stesse imprese a rivolgersi al Fai per promuovere e finanziarie attivit cultura1 i. Solo allora sar evidente che la cultura avr vinto. Un vantaggio per tutti, anche per i portafogli.



news

18-10-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 ottobre 2019

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

Archivio news