LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

La grande architettura del '900 all'Accademia di San Luca
Mario Padovan
Italia Sera, 20 novembre 2005

L'Eccellenza del Restauro Italiano nel Mondo, il titolo della significativa mostra allestita, fino al 18 dicembre, negli spazi espostivi del Complesso del Vittoriano, Sala Alcide De Gasperi, ingresso, Iato Aracoeli. Complesso monumentale, che negli ultimi anni diventato, grazie alla volont del Presidente della Repubblica, un luogo simbolo dell'identit nazionale ma anche del saper fare italiano. L'esposizione, posta sotto l'Alto Patronato del Presidente della Repubblica Italiana, stata inaugurata dal Ministro per i Beni e le Attivit Culturali Rocco Buttiglione. Curata da Giuseppe Proietti, Capo Dipartimento per la Ricerca, l'Innovazione e l'Organizzazione del Ministero per i Beni e le Attivit Culturali, si posta come obiettivo primario quello di raccontare, al grande pubblico l'attivit dei numerosi interventi del Ministero per i Beni e le Attivit Culturali realizzanti cefi l'Istituto Centrale per il Restami, in luoghi di grande rilevanza cinturale a sostegno del patrimonio mondiale, ed organizzata da Comunicare Organizzando di Alessandro Nicosia il quale ha inteso con questa mostra, documentare il significativo ruolo che l'Istituto Centrale per il Restauro, attraverso i propri tecnici e le maestranze specializzate, alfieri dell'identit italiana, svolge in varie realt del mondo islamico, nel bacino del Mediterraneo e nel Vicino e Medio Oriente. Negli ultimi anni, infatti, il Ministero per i Beni e le Attivit Culturali, in linea con quanto recita la Convenzione Internazionale sulla Protezione del Patrimonio Mondiale Culturale e Naturale del 1972, si prefisso di sviluppare studi, ricerche scientifiche e tecniche in alcuni siti di grande rilevanza culturale per l'intero patrimonio mondiale, al fine di sostenere l'azione dei rispettivi stati atta ad assicurare la migliore tutela e conservazione, nonch valorizzazione, dei loro beni culturali e naturali. L'alta competenza italiana nel settore della ricerca archeologica e del recupero riconosciuta a livello internazionale e ha permesso di ampliare nel tempo gli interventi all'estero, sia da un punto di vista prettamente pratico, ma soprattutto per la metodologia che precede ogni intervento. E' spesso proprio l'attivit di ricerca e di documentazione a far s che l'operato italiano possa distinguersi per la grande qualit e imporsi come leader a livello mondiale ..." L'Italia una potenza mondiale in campo culturale, con un esercito composto, per difetto, da oltre quattro milioni di opere censite, da 100.000 chiese, 20.000 centri storici, 45.000 castelli e giardini, 35.000 dimore storielle, 2000 siti archeologici e 3.500 musei tra pubblici e privati. Non solo una questione di numeri perch queste cifre dicono il cuore della nostra identit, della nostra storia. Con un patrimonio cos grande - ha spiegato il Ministro per i Beni e le Attivit Culturali Rocco Buttiglione - era inevitabile che si sviluppasse parallelamente una speciale attitudine alla conservazione e alla tutela delle opere d'arte. Il restauro, dunque, diventato quasi automaticamente parte integrante di questa immensa ricchezza. Cos, oggi siamo credibili nel mondo sia perch nei secoli gli italiani hanno espresso cultura ai massimi livelli, sia perch abbiamo tecniche d'avanguardia nel campo, della conservazione. In un mondo sempre pi piccolo e dove le distanze, si riducono l'Italia ha come inimitabile biglietto da visita i propri tesori d'arte"... Grandi interventi di restauro sono stati, quindi, effettuati in Cina, e segnatamente a Pechino nella Sala dell'Armonia Suprema, all'interno della Citt Proibita,'il complesso architettonico cuore simbolico della capitale e dell'impero dove gli imperatori esercitavano il loro potere assolutistico, e nella Grande Muraglia, lunga circa 5760 km, la cui funzione doveva essere quella di respingere le pressioni delle popolazioni nomadi; in Iraq, al Museo Nazionale di Baghdad che ha subito gravi danni durante la guerra del 2003 a causa della quale sono state trafugate opere e oggetti antichi, e a Ninive, l'antica capitale tassia dove si trovano bassorilievi in alabastro che sono espressione della massima scultura figurativa umana di tutti i tempi; in Iran a Barn, la Cittadella Fortificata, rasa al suolo nel dicembre del 2003 dal terremoto, dove si stanno eseguendo i rilievi stratigrafici per lo studio e la conservazione del sito; in India ad Ajanta (cicli dipinti), e ad Ella (interventi delle grotte scavate) dove stata attuata una Fattiva collaborazione elaborando un progetto di analisi e conservazione dei due complessi monumentali; in Afghanistan, a Kabul, dove sono stati catalogati, studiati e restaurati gli oggetti del Museo; in Egitto al Cairo, dove si collaborato alla progettazione del nuovo allestimento del Museo Egizio e al restauro Palazzo Rosso, e ad Alessandria, dove si partecipato alla ricostruzione della Biblioteca Alexandrina e alla sua nuova organizzazione; in Tunisia, a Cartagine, per la progettazione del Nuovo Parco Archeologico; in Libia a Leptis Magna (Arco Settimio Severo) e a Sabratha (Antico Teatro). Ci si anche occupati della restituzione e anticipatamente del restauro della Stele di Axurn, poi trasportata in Etiopia. In seguito alle Convenzioni firmate dall'Italia con i singoli stati, sono stati anche realizzati dei Corsi di Formazione, con lo scopo di preparare e aggiornare gli operatori locali nella conservazione e nel restauro delle aree archeologiche, dei siti monumentali, dei complessi decorati e delle opere mobili esistenti nei paesi di appartenenza. Tale iniziativa ha interessato il Centro Nazionale di Restauro d Pechjnora cui corso hanno partecipato studenti provenienti da 27 province cinesi su 33 e durante il quale sono stati restaurati vari oggetti archeologici; il Museo di Kabul; il Museo Nazionale di Baghdad, dove stata organizzata la riapertura delle collezioni dei frammenti del Museo e restaurati gli oggetti provenienti da Ninive; la Moschea di Bajrakli e il Patriarcato di Pc nel Kosovo per interventi sul patrimonio cristiano-ortodosso ed islamico; il restauro dei Mosaici del sito archeologico di Djemjla in Algeria; i palazzi italiani di Buenos Aires, attraverso corsi per la conservazione architettonica. Si sono cos stabilite, proficue collaborazioni e un profondo dialogo interculturale, preziosi strumenti di comunicazione fra i Paesi. L'esposizione si snoda attraverso una vasta serie di fotografie, rilievi fotogrammetrici, interventi filmici e ricostruzioni scenografiche con pannelli grafici, verranno presentati gli straordinari siti coinvolti, avvalendosi delle pi avanzate tecnologie ed esponendo, in alcuni casi, reperti originali restaurati e provenienti dai cantieri di formazione aperti a Pechino e a Baghdad. Dalla Cina (Shanxi Provincial Museum) si possono ammirare: un prezioso "Gui" in bronzo Dinastia degli Zhou Occidentali (1100-771 a. C.) Altezza: 200 mm, Diametro Superiore: 235 mm: Una bellissima "Coppa" di bronzo con agemina in oro Periodo degli Stati Combattenti (453-222 a.C.) Altezza: 80 mm, diametro superiore: 160 mm; a cui segue uno "Specchio" di bronzo, Dinastia Tang (618-907 d.C.) Lato: 195 mm, Spessore medio: 10 mm ed una stupenda "Figurina equestre" in terracotta dipinta Dinastia Yuan (1206-1368 d.C.) Altezza: 400 mm. Spessore: 180 rum. Altri preziosi reperti provengono da Venezia Museo Nazionale Archeologico, vedi: "Rilievo con scene di guerra 705-681 a.C 47 x 36 cm; "Rilievo con scene d assedio" 668-631 a.C. 44 x 42 cm, e dal Museo Barracco di Roma: "Arcieri assiri che scoccano la freccia dal loro arco" cm 49 x 29; "Guerrieri elamiti che si apprestano alla battaglia", cm. 21 x 20 e "Arcieri elamiti in alta uniforme e copricapo piumato" cm 30,5 x 21, tre stupendi reperti datati 638-631 a.C. provenienti da Assurbanipai. L'interessante, unica mostra accompagnata da un prezioso interessante, catalogo edito da Gangemi (28 euro in mostra). Ingresso libero con orario: 9.30-18.00. Informazioni 06.69202049. Sempre al Vittoriano, nella Sala Giubileo, ingresso Via San Pietro in Carcere, prosegue fino al 22 novembre la mostra "I Bronzi figure eteree e materie guerriere" di Paolo Mayol. Circa cinquanta opere tra Cariatidi, Centauri, Nuovi Ulisse, immagini mitologiche rivestite di nuova vitalit sono le significative sculture che l'artista napoletano propone al pubblico. .."L'artista ricorre al mito - scrive Valentina Grillo - per dar voce a un "racconto" che, nella sospensione di ogni continuit logico-causale, proietta nell'esteriorit del mondo la profondit dei pensieri dell'uomo, le sue passioni, fino a tessere la trama di un dialogo incessante e mai esaustivo con la vita"... Infatti, ..."le figure create da Mayol, enigmatiche rappresentazioni totemiche in bronzo che danno luogo a delle a sparizioni, misteriosi personaggi dalie sagome dialoganti nel mutevole gioco delle ombre e delle luci, - spiega Alice Trippi - sono appartenenti a un mondo immaginario in cui li realt si colora di mito"... In occasione dei festeggiamenti per il centenario della nascita dell'architetto Mario Ridolfi (1904-1984), proseguono fito al 7 dicembre, presso gli spazi esposi ti vi del Palazzo Carpegna, dell'Accademia Nazionale di San Luca, piazza dell'Accademia di S. Luca, 77 Calcografia MbM Nazionale per la Grafica via della Stamperia 6, le due straordinarie mostre, curate da Enrico Valeriani con Alida Moltedo, organizzate con la collaborazione del Comune di Roma, Assessorato alle Politiche Culturali, e si articolano lungo un itinerario cronologico, che va dagli anni Venti al 1984, anno della morte di Ridolfi, all'interno del quale Vengono evidenziati alcuni dei nodi tematici pi rilevanti dell'opera di Ridolfi e della sua maniera di intendere D "mestiere" dell'architetto. Il percorso della mostra si snoda attraverso una ricca scelta di disegni originali, alcuni inediti, con materiali provenienti in massima parte dal Fondo Ridolfi-Frankl-Malagricci dell'Accademia Nazionale di San Luca, la rassegna illustra il percorso intellettuale del Maestro: dagli inizi del razionalismo italiano, alla fine degli anni venti, ai concorsi di architettura (l'ufficio postale di piazza Bologna, 1932-34); dall'esperienza della cultura tecnica tedesca dovuta alla collaborazione con Wolfgang Frankl, alla riflessione sul tema delle abitazioni, in particolare durante la guerra, fino alla compilazione delle tavole tecniche di uso corrente nello studio professionale (che comprender, oltre a Ridolfi e Frankl anche Domenico Malagricci) al Manuale dell'architetto del 1946; dal progetto per la stazione Termini, della fine degli anni quaranta, al tema della ricostruzione; dai progetti residenziali per I'UNRRA Casas e per l'INA Casa negli anni Cinquanta a quelli per edifici pubblici come le carceri di Nuoro e l'Asilo Olivetti a Ivrea. A partire dagli ami cinquanta Ridolfi lavora sempre di pi a Terni dove aveva gi progettato il piano regolatore. Si dedica, in questo periodo alla realizzazione di numerose case di abitazione, fino al cosiddetto "ciclo delle Marmore", una serie di progetti sempre pi intensi e attenti alle forme della tradizione e che possiamo esemplificare in Casa Lina, un progetto del 1964 e realizzato negli anni 1966-67. La mostra si conclude con gli ultimi progetti non realizzati, da quello per il Motel Agip di Settebagni del 1968-69, all'ampliamento dei Municipio di Terni, 1978- 1992. La mostra si avvale, oltre che dei disegni conservati nell'Archivio dell'Accademia Nazionale di Sari Luca, di modelli originali o ricostruiti a cura delle Facolt di Architettura italiane, di rivisitazioni virtuali, di filmati e fotografie d'epoca, di fotografie "d'autore" eseguite nel tempo (da Paolo Portoghesi, da Maurizio Di Puolo e Mario Curri) o richieste per l'occasione a Mario Ciampi, Alberto Guerri, Andrea Jemolo, Franco Mapelli, Silvia Massetti. La mostra accompagnata da un catalogo curato da Renato Nicolini, pubblicato da Electa Ingresso libero con orario, da Luned a Sabato: 10.00-19.00.



news

13-10-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 13 ottobre 2019

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

Archivio news