LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Nasce l'archivio nazionale del film industriale
Franco Montini
la Repubblica affari e finanza, 21 novembre 2005

Quando sar completato, raccoglier in uno stabilimento Olivetti di Ivrea ben 50mila produzioni, molte delle quali di imprevista qualit e firmate da registi di prestigio come Ermanno Olmi, Dino Risi e Bernardo Bertolucci

Dalle immagini di Milano inizio secolo, raccontata in un film muto ancora in nitrato, prodotto dalla Azienda Elettrica Milanese, fino ad "Elegia russa", un film diretto di Nikita Michalkov pel la Fiat, il cinema industriale ora raccolto in un'apposita cineteca specializzata. E' l'Archivio Nazionale di Cinema d'Impresa, sorto ad Ivrea con il supporto della Regione Piemonte e della Olivetti, oggi Telecom, che ha messo a disposizione la sede, ovvero tre edifici, che erano nati come la scuola materna voluta da Adriano Olivetti e realizzata su progetto dell'architetto Mario Ridolfi.
Il primo dei suddetti edifici gi stato ristrutturato e in appositi cellari, a temperatura ed umidit costante, sono raccolte circa 50 mila bobine di film. Quando la ristrutturazione sar completata, l'Archivio potr ospitare fino 50mila bobine. "L'idea di una struttura specializzata dedicata al cinema industriale- spiega Sergio Toffetti, direttore della Cineteca Nazionale e responsabile dell'Archivio di Ivrea- nata dalla constatazione che il materiale di questo tipo, depositato presso la Cineteca Nazionale, rischiava di essere accantonato perch c'erano regolarmente delle priorit da dedicare al cinema di finzione e ai capolavori della storia del cinema. Dando vita ad una struttura autonoma, i 1 cinema d'impresa potr essere conservato al meglio, studiato e restaurato".
Fra i film dell'Archivio Nazionale del Cinema d'Impresa, non mancano titoli firmati da grandi registi : Ermanno Olmi inizi a lavorare proprio in questo settore, ma anche registi insospettabili come Dino Risi, che realizz un paio di docu-mentari per la Edison, Alessandro Blasetti, Bernardo Bertolucci si sono cimentati con il cinema industriale. "Tuttavia- fa notare Toffetti- al di l delle firme illustri, il materiale raccolto assai utile per ricostruire la storia economica e sociale del nostro paese, che difficilmente si pu evidenziare attraverso il cinema di finzione, anche perch la nostra produzione nazionale si occupata poco di fabbrica e di lavoro.
Il materiale raccolto rappresenta certamente la voce del padrone, pertanto presenta l'arrivo dell'industria come sinonimo di progresso, senza preoccuparsi di problemi e conseguenze ambientali ed ecologi-che e, tuttavia, fssa per sempre la realt di un certo lavoro, spesso duro e disumano, di cui si va perdendo la memoria, perch non esistono pi testimoni viventi. E se il cinema d'impresa rappresenta l'immagine che l'industria voleva dare di s, la libert di cui gli autori hanno goduto, pensiamo, ad esempio, ad Ermanno Olmi, che ha realizzato moltissimi film per la Edisonvolta, incredibile".
In effetti il caso Olmi davvero sorprendente: fra il 1953 e il 1961 il regista ebbe la possibilit di dirigere una trentina di documentari tecnico-industriali di pregevole fattura, fra i quali "La diga sul ghiacciaio", 1953; "Tre fili fino a Milano", 1958; "Un metro lungo cinque", 1961 e perfino un lungometraggio "11 tempo si fermato", girato nel 1959, che sarebbe dovuto essere un film didattico sulla vigilanza alle dighe e che, strada facendo, si trasform in un film a soggetto centrato sulla storia dell'amicizia fra un anziano guardiano e un giovane collega nell'isolamento dell'alta montagna.
La maggior parte del materiale raccolto nell'Archivio di Ivrea si pu identificare in una serie di filoni o generi: i film che raccontano la costruzione di nuove fabbriche, sottolineando l'estetica della modernit; i film sulla vita degli operai; la presentazione dei prodotti; le attivit sociali proposte dalla fabbrica (asili, scuole, colonie) che raccontano l'impresa come un attore sociale complessivo.
Ma l'Archivio Nazionale del Cinema d'Impresa, gi visitabile da studiosi e ricercatori, e che entro il 2007 dovrebbe essere a disposizione anche del pubblico in genere, raccoglie anche una grande quantit di materiali pubblicitari: i vecchi mitici, "Caroselli", ma anche short per il cinema, che venivano proiettati in sala fra uno spettacolo e l'altro. "Si trattar commenta Toffetti- di un tipo di pubblicit esattamente agli antipodi rispetto agli spot dei nostri giorni. Colpisce innanzi tutto la lunghezza di questi materiali, che nel caso delle pubblicit per il cinema possono superare anche i sei/sette minuti. Si tratta a tutti gli effetti di piccoli spettacoli teatrali, ricchi di invenzioni, di cui un esempio efficacissimo uno short con protagonisti due grandi attori come Lina Volonghi e Umberto Melnati per "R.odina,", un medicinale che non esiste pi.



news

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

25-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news