LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Nasce l'archivio nazionale del film industriale
Franco Montini
la Repubblica affari e finanza, 21 novembre 2005

Quando sar completato, raccoglier in uno stabilimento Olivetti di Ivrea ben 50mila produzioni, molte delle quali di imprevista qualit e firmate da registi di prestigio come Ermanno Olmi, Dino Risi e Bernardo Bertolucci

Dalle immagini di Milano inizio secolo, raccontata in un film muto ancora in nitrato, prodotto dalla Azienda Elettrica Milanese, fino ad "Elegia russa", un film diretto di Nikita Michalkov pel la Fiat, il cinema industriale ora raccolto in un'apposita cineteca specializzata. E' l'Archivio Nazionale di Cinema d'Impresa, sorto ad Ivrea con il supporto della Regione Piemonte e della Olivetti, oggi Telecom, che ha messo a disposizione la sede, ovvero tre edifici, che erano nati come la scuola materna voluta da Adriano Olivetti e realizzata su progetto dell'architetto Mario Ridolfi.
Il primo dei suddetti edifici gi stato ristrutturato e in appositi cellari, a temperatura ed umidit costante, sono raccolte circa 50 mila bobine di film. Quando la ristrutturazione sar completata, l'Archivio potr ospitare fino 50mila bobine. "L'idea di una struttura specializzata dedicata al cinema industriale- spiega Sergio Toffetti, direttore della Cineteca Nazionale e responsabile dell'Archivio di Ivrea- nata dalla constatazione che il materiale di questo tipo, depositato presso la Cineteca Nazionale, rischiava di essere accantonato perch c'erano regolarmente delle priorit da dedicare al cinema di finzione e ai capolavori della storia del cinema. Dando vita ad una struttura autonoma, i 1 cinema d'impresa potr essere conservato al meglio, studiato e restaurato".
Fra i film dell'Archivio Nazionale del Cinema d'Impresa, non mancano titoli firmati da grandi registi : Ermanno Olmi inizi a lavorare proprio in questo settore, ma anche registi insospettabili come Dino Risi, che realizz un paio di docu-mentari per la Edison, Alessandro Blasetti, Bernardo Bertolucci si sono cimentati con il cinema industriale. "Tuttavia- fa notare Toffetti- al di l delle firme illustri, il materiale raccolto assai utile per ricostruire la storia economica e sociale del nostro paese, che difficilmente si pu evidenziare attraverso il cinema di finzione, anche perch la nostra produzione nazionale si occupata poco di fabbrica e di lavoro.
Il materiale raccolto rappresenta certamente la voce del padrone, pertanto presenta l'arrivo dell'industria come sinonimo di progresso, senza preoccuparsi di problemi e conseguenze ambientali ed ecologi-che e, tuttavia, fssa per sempre la realt di un certo lavoro, spesso duro e disumano, di cui si va perdendo la memoria, perch non esistono pi testimoni viventi. E se il cinema d'impresa rappresenta l'immagine che l'industria voleva dare di s, la libert di cui gli autori hanno goduto, pensiamo, ad esempio, ad Ermanno Olmi, che ha realizzato moltissimi film per la Edisonvolta, incredibile".
In effetti il caso Olmi davvero sorprendente: fra il 1953 e il 1961 il regista ebbe la possibilit di dirigere una trentina di documentari tecnico-industriali di pregevole fattura, fra i quali "La diga sul ghiacciaio", 1953; "Tre fili fino a Milano", 1958; "Un metro lungo cinque", 1961 e perfino un lungometraggio "11 tempo si fermato", girato nel 1959, che sarebbe dovuto essere un film didattico sulla vigilanza alle dighe e che, strada facendo, si trasform in un film a soggetto centrato sulla storia dell'amicizia fra un anziano guardiano e un giovane collega nell'isolamento dell'alta montagna.
La maggior parte del materiale raccolto nell'Archivio di Ivrea si pu identificare in una serie di filoni o generi: i film che raccontano la costruzione di nuove fabbriche, sottolineando l'estetica della modernit; i film sulla vita degli operai; la presentazione dei prodotti; le attivit sociali proposte dalla fabbrica (asili, scuole, colonie) che raccontano l'impresa come un attore sociale complessivo.
Ma l'Archivio Nazionale del Cinema d'Impresa, gi visitabile da studiosi e ricercatori, e che entro il 2007 dovrebbe essere a disposizione anche del pubblico in genere, raccoglie anche una grande quantit di materiali pubblicitari: i vecchi mitici, "Caroselli", ma anche short per il cinema, che venivano proiettati in sala fra uno spettacolo e l'altro. "Si trattar commenta Toffetti- di un tipo di pubblicit esattamente agli antipodi rispetto agli spot dei nostri giorni. Colpisce innanzi tutto la lunghezza di questi materiali, che nel caso delle pubblicit per il cinema possono superare anche i sei/sette minuti. Si tratta a tutti gli effetti di piccoli spettacoli teatrali, ricchi di invenzioni, di cui un esempio efficacissimo uno short con protagonisti due grandi attori come Lina Volonghi e Umberto Melnati per "R.odina,", un medicinale che non esiste pi.



news

13-10-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 13 ottobre 2019

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

Archivio news