LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

SAN GIOVANNI LUPATOTO - Il Comitato chiede alla Soprintendenza di vincolare la torre
Renzo Gastaldo
20/11/2005, L' Arena


Ma i consiglieri vogliono demolirla


San Giovanni Lupatoto. Il partito trasversale, all'interno degli amministratori pubblici lupatotini, di chi ritiene la vecchia torre dell'acquedotto solo un orpello da abbattere quanto prima, non si dichiara ma ha un obiettivo: non impegnare risorse pubbliche per il recupero del vetusto manufatto, anche se un simbolo per la comunit. Contro questo orientamento, pi diffuso di quanto non esplicitamente dichiarato, ha deciso di muovere un passo importante il Comitato Radici, l'associazione che raduna gli storici e i ricercatori di storia lupatotina.
Il Comitato Radici chieder infatti alla Soprintendenza di porre una tutela sulla vecchia torre dell'acquedotto al centro della piazza principale del paese. In questo modo il manufatto non potr essere abbattuto e dovr per forza di cose essere recuperato, dicono l'architetto Martino Perbellini e il professor Roberto Facci, rispettivamente presidente e segretario del Comitato Radici.
Riteniamo infatti, e in questo ci rendiamo interpreti del sentire di una larga parte dei lupatotini, che la torre debba essere oggetto di un attento intervento di restauro per continuare ad essere un simbolo distintivo e identificativo del paese. Sappiamo che alcuni non le riconoscono questo ruolo, ma crediamo che sarebbe un delitto vero e proprio pensare di abbattere la torre o anche solo lasciarla degradare ulteriormente.
Se qualcuno pensa di abbatterla certamente non si tratta di un lupatotino doc, gente che non ha capito il significato di quell'opera quando si affranc la popolazione dall'obbligo di prelevare l'acqua dai pozzi delle corti.
La torre non soltanto un simbolo consolidato del paese, anche la testimonianza di un pregevole intervento architettonico e progettuale e uno dei primi esempi in provincia di Verona di acquedotto comunale, continua l'architetto Perbellini.
La torre un manufatto in cemento armato realizzato nel corso della prima guerra mondiale. La sua costruzione inizi nel 1914 per garantire approvvigionamento idrico autonomo e salubre. Il progetto fu predisposto dagli ingegneri Franchini e Stappo. Costo: 78 mila lire.
I lavori si conclusero nel 1917. La torre, alta 27 metri, termina con un serbatoio capace di 100 cubi (da anni non pi in funzione), sormontato da un chiodo prussiano.
I segni di degrado la torre ha cominciato a mostrarli negli anni 90. Nel 2001, in una giornata di giugno caratterizzata da un forte vento, alcuni calcinacci si staccarono dalle strutture della torre. Da quel momento il manufatto venne transennato e inizi il dibattito sul recupero.
L'assessore ai lavori pubblici Aldo Marcolongo qualche settimana fa in consiglio comunale ha ricordato che l'amministrazione comunale ha commissionato uno studio a un tecnico per capire le reali condizioni statiche della torre.
Sono state effettuate una serie di verifiche con prelievo di campioni sia di calcestruzzo sia dei pezzi di armatura, sottoponendoli a prove in un laboratorio di Verona. Si constatato che in atto un notevole avanzamento di carbonatazione delle strutture, che provoca una ossidazione delle armature in ferro e porta a un aumento di volume che tende a fratturare la copertura in calcestruzzo, ha spiegato Marcolongo. Occorre rimuovere le superfici in calcestruzzo incoerenti o soggette a distacco con bocciardatura e idrodemolizione. Servono inoltre il trattamento del ferro con inibitori di corrosione, il ripristino delle strutture con malte additivate con resine, nonch l'intonacatura e tinteggiatura delle superfici con prodotti che proteggono dalla carbonatazione.
Per l'operazione prevista una spesa di 250 mila euro, che l'amministrazione comunale ha messo in previsione per il 2006. Non senza qualche interrogativo. Che il Comitato Radici vuole superare anche attraverso la Soprintendenza.






news

10-08-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 10 agosto 2020

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news